Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Per rilanciare il lavoro post pandemia l’unica strada è la formazione, di Ferruccio de Bortoli

Per rilanciare il lavoro post pandemia l’unica strada è la formazione, di Ferruccio de Bortoli

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 01/07/2021 17:58
Se un posto di lavoro lo si vuole veramente, con buona volontà e disponibilità alla formazione, lo si trova…

Non si può dare torto a Maurizio Landini quando, su Repubblica, si duole del fatto che il lavoro spesso, non solo in Italia, sia semplicemente disprezzato. Una frase forte, forse eccessiva. Ma coglie nel segno. La centralità del lavoro è venuta meno con la progressiva perdita d’importanza sociale dell’impiego manuale rispetto a quello anche formalmente intellettuale. Una tendenza suicida in un Paese che ha nel mestiere d’arte, nella creatività manuale, uno storico vantaggio competitivo.

La «giungla della logistica»

Tutti i lavori sono nobili. Il segretario della Cgil sbaglia nel dare la colpa al mercato perché quello vero vive di regole e di controlli. La «giungla della logistica» è altra cosa. Al limite e, molte volte, parecchio oltre la legalità. E la colpa non è degli imprenditori. Perché quelli che sfruttano lavoratori e immigrati, senza rispetto per la loro dignità, sono semplicemente dei moderni schiavisti. Anche quando sono travestiti da multinazionali del web o semplicemente abbruttiti da una catena di subappalti e tempi infernali dettati da algoritmi. Là dove la concorrenza è virtuosa e trasparente non genera per tendenza genetica gli eccessi e le mostruosità cui abbiamo assistito. Il mercato non è fatto — come sembrerebbe lasciar intendere Landini — di soggetti che se non fossero regolati si comporterebbero come gli operatori più disinvolti e spregiudicati. Il leader della Cgil, nel sostenere la tesi — ripetiamo, in parte del tutto fondata — del lavoro disprezzato, lamenta i modesti salari, i tagli a investimenti e innovazione, la bassa produttività. 

Il mondo dell’impresa ha le sue responsabilità. Ha ecceduto nelle economie sul lato dei costi (corrispondendo persino premi ai manager che riuscivano a ridurre il numero dei lavoratori). Ha privilegiato in diversi casi l’innovazione di processo rispetto a quella di prodotto, il controllo a favore della crescita dimensionale, l’impoverimento di capitale nell’azienda a beneficio di prosperi family office che investono nel resto del mondo e non creano alcun nuovo posto di lavoro nel loro Paese.

L’industria manifatturiera manca di profili adeguati

La metamorfosi nel rapporto fra capitale e lavoro non è però tutta nella direzione che teme il leader della Cgil. Anzi, il miglior capitale va alla ricerca del lavoro di qualità che spesso non c’è e non si trova. E non per colpa delle imprese. Un terzo delle richieste dell’industria manifatturiera italiana, la seconda in Europa, non è coperta da profili adeguati. Se i salari sono bassi è anche perché il grado di formazione del capitale umano è insufficiente e impreparato. I sindacati della scuola e dell’università sono sicuri di aver anteposto sempre la qualità di docenti e corsi alle questioni più squisitamente corporative? Cioè i diritti degli studenti alle rivendicazioni del personale?

L’esempio francese dovrebbe fare scuola

Qualche domanda poi sui tanti sprechi e sull’inefficienza nell’uso dei fondi europei per la formazione non è fuori luogo, visto che li gestiscono, a livello regionale, le stesse parti sociali. La produttività delle aziende aperte al mercato internazionale è decisamente superiore a quella dei concorrenti internazionali. Quella totale dei fattori, invece — che non aumenta da un ventennio — dipende dall’arretratezza dei servizi (dove non c’è concorrenza e troppa mano pubblica) nei quali il sindacato ha spesso rappresentanze dominanti e contrarie a qualsiasi riforma. «È stata rilegittimata l’intermediazione della manodopera, un tempo vietata», accusa ancora Landini. Per fortuna, potremmo aggiungere. Perché i centri pubblici per l’impiego — che oggi giustamente il ministro del Lavoro, Andrea Orlando, vorrebbe rivoluzionare, imprimendo una decisa accelerazione alle politiche attive con l’assunzione di 11 mila addetti — assicurano solo tra il 2 e il 3% dei nuovi collocamenti. E, soprattutto, registrano significativi successi nel cosiddetto outplacement. Cioè nella necessaria mobilità, attraverso corsi di riqualificazione, mai come in questo momento vitale, da settori colpiti dalla crisi economica e dalla pandemia, a quelli che sono protagonisti della ripresa ed essenziali nell’attuazione degli obiettivi del Piano nazionale di ripresa e resilienza. L’esempio francese dovrebbe fare scuola (con circa 300 mila collocamenti all’anno) e un tasso di successo dell’outplacement superiore al 90 per cento. Un mercato del lavoro più dinamico può avere certo (come avviene Oltralpe) una governance pubblica, ma sono poi le agenzie private a conoscere meglio di un centro regionale (e dei navigator) le necessità delle aziende e a seguire con professionalità i destini delle persone.

Il blocco dei licenziamenti

I sindacati chiedono, comprensibilmente, che venga prorogato il blocco dei licenziamenti. Ed è probabile che ciò avverrà solo per quelle filiere — tessile, abbigliamento, calzature, pellame — che faticano a ritrovare la crescita del fatturato. Ma il blocco non ha impedito di perdere, tra il marzo del 2020 e lo stesso mese del 2021 — come stima il Cerved — tra 1,2 e 1,3 milioni di posti di lavoro. Dunque, è stato un argine modesto. Non solo, le aziende costrette a riorganizzarsi, non potendo ridurre l’occupazione dei dipendenti con contratto a tempo indeterminato, hanno scaricato le tensioni sui giovani e sulle donne. La garanzia sui più protetti ha accentuato il grado di precarietà delle posizioni meno garantite. Un effetto non desiderato dai sindacati, ma reale. Il congelamento, con una lunga cassa integrazione, di posti ormai cancellati dal mercato salva il lavoro solo formalmente. E forse ci si potrebbe chiedere — a maggior ragione in casa sindacale — se sia quest’ultima una forma di rispetto della dignità dei lavoratori o unicamente un’illusione che si trasforma nel tempo in un inganno, specie se rallenta o scoraggia un itinerario di formazione e riqualificazione.

650 mila posti saranno riassorbiti entro la fine dell’anno

Sempre secondo il Cerved (che ha presentato uno studio in occasione di un webinar organizzato da Lhh) entro la fine del 2022 circa 650 mila posti saranno riassorbiti. Il 16,7% delle aziende — ovvero 150 mila unità — mostra una propensione alla crescita superiore a quella media del loro mercato. Stupisce che la percentuale delle imprese che possono far meglio del previsto è elevata anche nei settori più colpiti dalla pandemia, come i servizi. Ciò si traduce in una richiesta di assunzioni già superiore a quella del 2019. Le ricerche del personale, con stragrande preferenza per le competenze digitali in tutti i settori, sono semplicemente esplose. Non si richiedono solo profili elevati, ma anche manovalanza. A giudicare dai dati Cerved c’è una grande voglia di assumere, non di licenziare. 

La competizione sui talenti non è mai stata così vivace. Se un posto di lavoro lo si vuole veramente, con buona volontà e disponibilità alla formazione, lo si trova con relativa facilità. E nel passaggio, ormai biblico, tra l’offline e l’online, sono i lavori manuali a riscoprire una nuova centralità che speriamo porti a migliori riconoscimenti sul piano economico e dei diritti.

 https://www.corriere.it/economia/opinioni/21_giugno_30/per-rilanciare-lavoro-post-pandemia-l-unica-strada-formazione-70f37cb0-d993-11eb-9b34-ea2fae57adbd.shtml

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 122
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Tutti pazzi per i sociale?

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 123 è sulla RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?): in preparazione.

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo (1. Che rapporto c'è tra la pandemia e la situazione ambientale? 2. Nuove politiche industriali e del lavoro e impatto sull'ambiente? 3. Cosa cambiare negli stili di vita? 4. Quale il contributo delle religioni?) Testi da inviare da entro 31 maggio 2021.

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  Testi da inviare da entro 31 agosto 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.