Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Per Leopardi la pazienza è la virtù dei forti. Ma i politici non lo sanno, di Paolo Di Stefano

Per Leopardi la pazienza è la virtù dei forti. Ma i politici non lo sanno, di Paolo Di Stefano

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 18/12/2020 16:42
Sarebbe bene che i politici usassero di più la parola «pazienza» e soprattutto che la esercitassero come l’altra faccia della saggezza. E infatti è affiorata più volte tra le raccomandazioni di Angela Merkel, accostata alla solidarietà…

È sconcertante constatare la frenesia generale (compresa la rissa di ieri in Senato) in una fase che invece richiederebbe calma, non solo perché ci avviciniamo alla «Stille Nacht» natalizia. Un utile invito a riflettere sulla pazienza nel «tempo sospeso» della pandemia, anzi un invito a esercitare la pazienza è quello che proviene da Antonio Prete, studioso di Leopardi oltre che poeta. Il quale in un intervento su Doppiozero.it cita appunto lo Zibaldone: la pazienza è cura di sé, «una certa quiete dell’animo nel patimento». 

Non per nulla ha la stessa etimologia della compassione, e cioè va ricondotta alla sofferenza. E all’attesa. Attesa tra un prima che appare chiuso e un dopo incerto e imprevedibile. L’aspetto più sorprendente è che, avverte Prete, solo nell’accettazione di questa «aria ferma» e dunque nella capacità di pazientare ci apriamo alla speranza di un cambiamento, soltanto in quella quiete leopardiana possiamo immaginare e ri-progettare il futuro. Infatti, la pazienza non va confusa con la passività, perché la pazienza, pur nell’accettazione, non esclude affatto un atteggiamento critico.

Per queste buone ragioni, sarebbe bene che i politici usassero di più la parola «pazienza» e soprattutto che la esercitassero come l’altra faccia della saggezza. E infatti non c’è da meravigliarsi del fatto che la «pazienza» è affiorata più volte tra le raccomandazioni di Angela Merkel, accostata alla solidarietà, cioè all’attenzione e alla cura non solo verso di sé ma verso gli altri. 

Se la qualità dei politici si misura anche (soprattutto?) dall’uso delle parole, pensate a quante volte, viceversa, in Italia avete sentito ripetere da diversi pulpiti, negli ultimi giorni, che la pazienza è finita. E proprio nel momento in cui, appunto, bisognerebbe dotarsi al massimo grado di calma strategica e di attesa paziente, qualità dei forti. 

Una virtù «non eroica» la chiama Prete, o semmai una forma di «eroismo nascosto, dimesso, privo d’orgoglio e di esibizione». Già, ma se togliete l’esibizione (muscolare) dalla politica di queste settimane impazienti, che cosa rimane? L’impazienza isterica dei deboli (di senno). 

https://www.corriere.it/editoriali/20_dicembre_17/per-leopardi-pazienzae-virtu-fortima-politici-ignorano-9575e254-409a-11eb-b55d-be40d0705ed1.shtml

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 122
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Tutti pazzi per i sociale?

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? -  è in spedizione.

 

 listing Il n. 123 è sulla RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?): in preparazione.

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo (1. Che rapporto c'è tra la pandemia e la situazione ambientale? 2. Nuove politiche industriali e del lavoro e impatto sull'ambiente? 3. Cosa cambiare negli stili di vita? 4. Quale il contributo delle religioni?) Testi da inviare da entro 31 maggio 2021.

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse" (1. Come la pandemia ha cambiato i processi politici? 2. Cosa cambia nella partecipazione dei cittadini? 3. E' democratico questo processo? 4. Quale visione politica ispira il tutto?) Testi da inviare da entro 31 luglio 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.