Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Pd, un partito che fatica a capire l’effetto Draghi sul sistema, di Massimo Franco

Pd, un partito che fatica a capire l’effetto Draghi sul sistema, di Massimo Franco

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 05/03/2021 09:12
Dietro alle dimissioni di Zingaretti un gioco d’anticipo per non diventare un capro espiatorio delle correnti…

Piuttosto che fare la fine del capro espiatorio, ha deciso di giocare d'anticipo. Ma non si può liquidare come un gesto «di pancia» la decisione di Nicola Zingaretti di dimettersi da segretario del Pd. La scelta è stata soppesata per giorni. Va letta come risposta estrema a un partito dominato dalle correnti e incapace di elaborare la novità del governo di Mario Draghi. Ma vivere i prossimi mesi, cruciali per il Paese, con uno dei perni dell’alleanza vacillante sia rispetto alla strategia, sia alla leadership, è una prospettiva pericolosa.

Significherebbe sommare ai tormenti del M5S quelli del Pd, entrambi reduci del precedente governo; e regalare di fatto il controllo della coalizione a un centrodestra più agile a cambiare. Ma è chiaro che il trauma delle dimissioni può sia ricomporre, sia accentuare lo strappo a sinistra; oppure, e non si sa se sia meglio, congelarlo. La sorpresa che ha causato lo fa apparire una mossa tesa a spiazzare gli avversari. Il tentativo di Zingaretti è quello di fermare una strategia del logoramento della segreteria, in atto da settimane.

Mettere in fila gli indizi è fin troppo facile. La richiesta di un congresso straordinario; la messa in mora di un asse con i Cinque Stelle; l’offerta di sponde alla minoranza nostalgica di Matteo Renzi. E, in ultimo, le polemiche seguite alla formazione del governo, dal mancato coinvolgimento delle donne, alla delusione trasversale degli esclusi. Si tratta di spezzoni di una fronda che la fine del secondo governo Conte ha gonfiato; ma che esisteva da settembre del 2019, con la caduta dell’esecutivo M5S-Lega.

Solo che allora era tacitata da un insperato ritorno al potere, figlio della spregiudicatezza grillina e degli errori di Matteo Salvini, promotore di una maldestra crisi di governo. Zingaretti era stato uno dei più scettici sull’alleanza con i seguaci di Beppe Grillo. E nei giorni scorsi ha fatto sapere di non avere cancellato i messaggi di chi invece la invocava. Era un avvertimento a quanti lo attaccavano: una sorta di ultimatum.

Il coro che ora gli chiede di ritirare le dimissioni fa capire che l’iniziativa del segretario va interpretata come una sfida. Può darsi che la vinca, o che la perda. A metà marzo è fissata un’assemblea del partito chiamata a pronunciarsi. Il problema è che, comunque vada, non basterà a cancellare l’immagine di una formazione incapace di rifondarsi: in termini di identità e di alleanze. La crisi parallela del grillismo finora l’ha velata, confondendo la prospettiva.

Ma almeno il M5S prova a ritrovare un equilibrio con Giuseppe Conte alla guida; così come cerca un nuovo profilo, più europeista, la Lega. Il Pd appare in ritardo, rispetto all’accelerazione oggettiva che il governo Draghi dà all’evoluzione del sistema. Forse, Zingaretti ha compreso che lo schema sul quale ha retto finora è saltato. Attenzione, però, a scaricare su un Paese prostrato beghe interne che interessano poco. E riflettono solo i limiti culturali, prima che politici, di un’intera classe dirigente.

https://www.corriere.it/politica/21_marzo_04/pd-partito-che-fatica-capire-l-effetto-draghi-sistema-6afff8ae-7d2e-11eb-a8b8-332e1131cc2c.shtml

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

La fatica di essere nel mondo. Lettera sul discernimento

Un po’ imitando don Milani e la sua lettera a una prof.ssa, con amici di Vicenza abbiamo scritto insieme una lettera sul discernimento e il nostro essere nel mondo. Per disponibilità copie info al 333 8465594, 0444 226530, 080 5014906 


 

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 127
(2022- Anno XVIII)

quadratino rosso Tema: La vita quotidiana

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). In preparazione.

 

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 settembre 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.