Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Papa Francesco andrà a Strasburgo per svegliare l’Europa, di Matteo Matzuzzi

Papa Francesco andrà a Strasburgo per svegliare l’Europa, di Matteo Matzuzzi

creato da webmaster ultima modifica 21/09/2015 13:48
Il Papa visiterà il Parlamento europeo di Strasburgo il prossimo 25 novembre...

Il Papa visiterà il Parlamento europeo di Strasburgo il prossimo 25 novembre, data nella quale terrà un discorso davanti ai membri eletti, per l’occasione riuniti in sessione solenne. Era stato il presidente dell’Europarlamento, il socialista Martin Schulz, a comunicare nella prima mattinata ai rappresentanti dei gruppi politici la decisione di Francesco di accettare l’invito che gli era stato ufficialmente rivolto quasi un anno fa, durante una visita di Schulz in Vaticano, l’11 ottobre 2013. All’epoca, Schulz era in scadenza di mandato, e non poteva ancora prevedere una riconferma alla testa dell’organo europeo.

IL PRECEDENTE DI GIOVANNI PAOLO II

Più tardi, la conferma è giunta anche da Roma, con un comunicato del direttore della Sala Stampa, padre Federico Lombardi: “Confermo quanto comunicato questa mattina dal presidente del Parlamento europeo, Martin Schulz, cioè che il Papa Francesco ha accettato l’invito a visitare il Parlamento europeo e a rivolgere un discorso ai suoi membri in occasione di una sessione solenne”. L’ultimo Papa a recarsi nella sede comunitaria ospitata dalla città francese era statoGiovanni Paolo II, nel lontano 1988. Un invito era stato rivolto anche a Benedetto XVI, da parte dell’ex presidente dell’Istituzione, il tedesco Hans-Gert Pottering.

“I VALORI CRISTIANI PLASMINO L’EUROPA DI DOMANI”

Il cardinale Reinhard Marx, arcivescovo di Monaco, capo della conferenza episcopale tedesca e presidente della Commissione degli episcopati della Comunità europea, ha osservato che “questa seconda visita del Pontefice evidenzia il continuo sostegno della Chiesa ai nobili ideali di integrazione europea. Noi speriamo – ha aggiunto – che il Santo Padre incoraggi i parlamentari europei nel loro lavoro, indicando come i valori fondamentali dell’Unione, ispirati in larga misura dalla fede cristiana, possono plasmare l’Europa di domani”.

“VERRA’ IL MOMENTO DI PARLARE D’EUROPA”

Da sottolineare che Francesco, prima di visitare ogni singolo stato membro dell’Unione, si recherà nella sede dove l’Unione è rappresentata. Sarà l’occasione per parlare d’Europa, come aveva anticipato nell’intervista concessa lo scorso inverno al direttore del Corriere della Sera,Ferruccio De Bortoli: “Lei ricorda il giorno in cui ho parlato dell’Asia? Che cosa ho detto? (qui il cronista si avventura in qualche spiegazione raccogliendo vaghi ricordi per poi accorgersi di essere caduto in un simpatico trabocchetto). Io non ho parlato né dell’Asia, né dell’Africa, né dell’Europa. Solo dell’America Latina quando sono stato in Brasile e quando ho dovuto ricevere la Commissione per l’America Latina. Non c’è stata ancora l’occasione di parlare d’Europa. Verrà”, diceva prima di recarsi in Corea lo scorso agosto.

LA QUESTIONE DELLE RADICI CRISTIANE E IL FENOMENO IMMIGRAZIONE

Il capogruppo del Partito popolare europeo, Manfred Weber, commentando l’annuncio dell’imminente arrivo del Pontefice, ha osservato che “con questa visita ai rappresentanti dei cinquecento milioni di cittadini europei, Sua Santità Francesco invia un forte segnale pro-europeo, ricordando a tutti le radici cristiane del nostro continente”. E’ possibile, però, che il Papa si soffermi anche sui temi che più ha rilanciato in questo anno e mezzo di pontificato, a partire dalla questione della povertà e dell’immigrazione, che sempre più forte bussa alle frontiere d’Europa. Non a caso, tra le sue prime uscite ufficiali dal Vaticano vi fu la visita-lampo a Lampedusa, avamposto dell’Unione meta di continui sbarchi di migranti dall’Africa.

 

Fonte: http://www.formiche.net/2014/09/12/il-papa-va-strasburgo-scuotere-leuropa/

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito da qualche giorno; il PDF lo si trova a destra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 marzo 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.