Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Papa: basta accusare i migranti e privare i poveri di speranza, di Gianni Cardinale

Papa: basta accusare i migranti e privare i poveri di speranza, di Gianni Cardinale

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 19/12/2018 09:29
Il testo in vista della 52ma Giornata mondiale della pace, che si celebra il 1° gennaio 2019. Al centro il tema: «La buona politica è al servizio della pace»…

"La buona politica è al servizio della pace”. È questo il tema del Messaggio di papa Francesco per la 52ma Giornata Mondiale della Pace che si celebra il prossimo 1° gennaio. Una “sfida” a promuovere una “buona politica” che ricorda le virtù di questa particolare “forma eminente di carità” e non manca di denunciarne i vizi, la corruzione in primis ma anche la xenofobia e il razzismo.

Per il Pontefice la politica è “un veicolo fondamentale per costruire la cittadinanza e le opere dell’uomo”, ma “quando, da coloro che la esercitano, non è vissuta come servizio alla collettività umana, può diventare strumento di oppressione, di emarginazione e persino di distruzione”.

E le “beatitudini del politico”, sono quelle proposte dal compianto cardinale vietnamita François-Xavier Nguyễn Vãn Thuận, morto nel 2002, “fedele testimone del Vangelo”.

E cioè: “Beato il politico che ha un’alta consapevolezza e una profonda coscienza del suo ruolo. Beato il politico la cui persona rispecchia la credibilità. Beato il politico che lavora per il bene comune e non per il proprio interesse. Beato il politico che si mantiene fedelmente coerente. Beato il politico che realizza l’unità. Beato il politico che è impegnato nella realizzazione di un cambiamento radicale. Beato il politico che sa ascoltare. Beato il politico che non ha paura”.

La buona politica così “è al servizio della pace; essa rispetta e promuove i diritti umani fondamentali, che sono ugualmente doveri reciproci, affinché tra le generazioni presenti e quelle future si tessa un legame di fiducia e di riconoscenza”.

Ma la politica, denuncia Papa Francesco, ha i suoi vizi propri, che tolgono “credibilità” e “autorevolezza”. “Questi vizi, che indeboliscono l’ideale di un’autentica democrazia - sottolinea il Pontefice - sono la vergogna della vita pubblica e mettono in pericolo la pace sociale: la corruzione – nelle sue molteplici forme di appropriazione indebita dei beni pubblici o di strumentalizzazione delle persone –, la negazione del diritto, il non rispetto delle regole comunitarie, l’arricchimento illegale, la giustificazione del potere mediante la forza o col pretesto arbitrario della 'ragion di Stato', la tendenza a perpetuarsi nel potere, la xenofobia e il razzismo, il rifiuto di prendersi cura della Terra, lo sfruttamento illimitato delle risorse naturali in ragione del profitto immediato, il disprezzo di coloro che sono stati costretti all’esilio”.

Per il successore di Pietro la "buona politica", poi, “promuove la partecipazione dei giovani e la fiducia nell’altro”. Infatti “quando l’esercizio del potere politico mira unicamente a salvaguardare gli interessi di taluni individui privilegiati, l’avvenire è compromesso e i giovani possono essere tentati dalla sfiducia, perché condannati a restare ai margini della società, senza possibilità di partecipare a un progetto per il futuro”.

Così “ognuno può apportare la propria pietra alla costruzione della casa comune”. E questo vale soprattutto nei tempi odierni, caratterizzati da “un clima di sfiducia che si radica nella paura dell’altro o dell’estraneo, nell’ansia di perdere i propri vantaggi”, e si manifesta “purtroppo anche a livello politico, attraverso atteggiamenti di chiusura o nazionalismi che mettono in discussione quella fraternità di cui il nostro mondo globalizzato ha tanto bisogno”.

Ecco quindi, rimarca il vescovo di Roma, che “oggi più che mai, le nostre società necessitano di 'artigiani della pace' che possano essere messaggeri e testimoni autentici di Dio Padre che vuole il bene e la felicità della famiglia umana”.

Papa Francesco ribadisce il “No alla guerra e alla strategia della paura” e riafferma che “l’escalation in termini di intimidazione, così come la proliferazione incontrollata delle armi sono contrarie alla morale e alla ricerca di una vera concordia”. Non solo. Sottolinea che “il terrore esercitato sulle persone più vulnerabili contribuisce all’esilio di intere popolazioni nella ricerca di una terra di pace”. E afferma in modo chiaro e tondo che “non sono sostenibili i discorsi politici che tendono ad accusare i migranti di tutti i mali e a privare i poveri della speranza”.

“Va invece ribadito – puntualizza inoltre Papa Francesco - che la pace si basa sul rispetto di ogni persona, qualunque sia la sua storia, sul rispetto del diritto e del bene comune, del creato che ci è stato affidato e della ricchezza morale trasmessa dalle generazioni passate”.

Il pensiero del Pontefice va poi “in modo particolare ai bambini che vivono nelle attuali zone di conflitto, e a tutti coloro che si impegnano affinché le loro vite e i loro diritti siano protetti”. E al settantesimo anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo, ricordando in proposito l’osservazione di San Giovanni XXIII nella Pacem in Terris. E cioè: «Quando negli esseri umani affiora la coscienza dei loro diritti, in quella coscienza non può non sorgere l’avvertimento dei rispettivi doveri: nei soggetti che ne sono titolari, del dovere di far valere i diritti come esigenza ed espressione della loro dignità; e in tutti gli altri esseri umani, del dovere di riconoscere gli stessi diritti e di rispettarli».

La pace, conclude il Pontefice, “è frutto di un grande progetto politico che si fonda sulla responsabilità reciproca e sull’interdipendenza degli esseri umani”. Ma è anche “una sfida che chiede di essere accolta giorno dopo giorno”. La pace insomma “è una conversione del cuore e dell’anima, ed è facile riconoscere tre dimensioni in dissociabili di questa pace interiore e comunitaria”.

La prima di queste tre dimensioni è “la pace con sé stessi, rifiutando l’intransigenza, la collera e l’impazienza e, come consigliava San Francesco di Sales, esercitando 'un po’ di dolcezza verso sé stessi', per offrire 'un po’ di dolcezza agli altri'”. La seconda è “la pace con l’altro: il familiare, l’amico, lo straniero, il povero, il sofferente...”. La terza infine è “la pace con il creato, riscoprendo la grandezza del dono di Dio e la parte di responsabilità che spetta a ciascuno di noi, come abitante del mondo, cittadino e attore dell’avvenire”.

 

https://www.avvenire.it/papa/pagine/messaggio-giornata-mondiale-della-pace-2019

 

La politica vissuta come vocazione, di Maio Giro


“L’Italia che ha bisogno di ritrovare se stessa, ha bisogno di persone di buona volontà per rammendare il tessuto sociale”: assolutamente condivisibili le parole del cardinale Bassetti su Il Fatto. I cattolici in quanto “soci fondatori” della Repubblica, hanno una responsabilità da prendere su di sé, senza lasciarsi trascinare dalle onde emotive dell’opinione pubblica, né tantomeno dal rancore o da tentazioni xenofobe. Ciò è davvero fondamentale in un momento in cui alcuni politici in Italia e in Europa brandiscono croci o rosari, cercando il voto cattolico in nome dell’identità nazionalista e sovranista. Ma cattolico significa “universale”: nessun muro e nessun pregiudizio può essere ammissibile da questi nostri antichi magisteri e tradizioni.

È dunque scandalosa (in termini letterali) la manipolazione dei simboli religiosi anche se sappiamo che in quest’epoca strumentalizzare le religioni e la religione è divenuta malattia diffusa ad ogni latitudine. Resta la certezza, come dice il cardinale, che “la Chiesa non si compra con 30 denari”. L’invito paterno rivolto al laicato cattolico italiano a cercare il bene comune senza ossessione di potere, è da prendere sul serio. Si tratta di essere concreti e rispondere mettendosi a fare un reale lavoro dentro la società e non solo di commentare e disquisire. Lo stesso cardinale Bassetti afferma che desidera perpetuare riunioni e sviluppi del tipo “Todi 3 o Todi 4”, cioè interminabili chiacchiere sul cosa, sul come e sul chi senza mai cominciare.

La situazione è grave e richiede uno spirito di urgenza, uno zelo fattivo. Quella che i cattolici chiamano da tempo secolarizzazione, ormai anche i laici chiamano perdita di senso. Tutti vediamo come il nichilismo e la paura formano un cocktail spaventoso che può fare implodere le nostre società, che strappa la loro tenuta e coesione. Il “ritorno all’indietro” vagheggiato da alcuni non può funzionare e rappresenta solo un fake tinto di nostalgia, così come la “Benedict’s Option” cioè abbandonare il campo per rinchiuderci a nostra volta.

Occorre dunque ricominciare dal basso, parlare al cuore delle persone, spiegare, ascoltare e basare le proprie iniziative sui temi più urgenti. Primo fra tutti l’ambiente: per i cattolici la Laudato Sì di papa Francesco contiene già un intero programma di giustizia che parte dalla vita reale delle persone e spazia su ogni aspetto dell’economia e della politica. Se un cambiamento di sistema economico deve esserci (a causa delle diseguaglianze e dell’impoverimento provocato dalla globalizzazione), esso non può che partire da una nuova idea di sostenibilità che divenga un valore collettivo e non resti solo un diritto individuale. In termini ambientali ciò che serve non è ciò che “sta bene a me, che non dà fastidio a me, che non turba la mia tranquillità”. Ciò che serve è ciò che è per il bene di tutti, soprattutto per i non ancora nati. In questo senso preservare il pianeta (la creazione) deve essere la prima preoccupazione di tutti. Allo stesso modo vanno affrontati i temi globali della pace, delle migrazioni o dello sviluppo.

La non adesione dell’Italia al Global Compact for Migration è certamente un vulnus per una visione cattolica del mondo. Per tutto questo occorre lavorare concretamente sul terreno, cercare alleanze, offrire idee: lo si può fare solo scendendo davvero sul terreno della politica “vissuta come vocazione”.

https://formiche.net/2018/12/cattolici-universali-parole-bassetti/

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , , ,
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?),  testi da inviare entro il 15 ottobre 2019.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 novembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.

 listing Il 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 15 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.