Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Pandemia, cercasi coscienza, di Rocco D’Ambrosio

Pandemia, cercasi coscienza, di Rocco D’Ambrosio

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 19/04/2021 09:59
La rinascita del Paese non può e non deve essere solo economica, ma anche morale. Tuttavia, è dai tempi del Principe di Machiavelli che è iniziata in sede teorica, l’autonomia della politica dall’etica, cioè l’inizio del pensiero politico moderno…

“Con che coscienza la gente salta la fila? – dice il presidente del Consiglio. Perché, si stupisce, un 35enne non può pensare di prendere la dose di vaccino a chi dal Covid rischia di essere ucciso, le persone fragili o over 75” (Ansa, 9.4.21).

Fa molto pensare questa domanda del presidente Draghi: “con che coscienza?”. Molto in sintonia con i diversi richiami del presidente Mattarella al senso di responsabilità. Del resto, la coscienza, è la responsabilità delle proprie azioni. E qui l’elenco è lungo. Sono i mali etici italici.

Con che coscienza si salta la fila, non si pagano le tasse, si vive nell’illegalità, si partecipa o favorisce fenomeni di corruzione o criminalità organizzata, si pensa al bene individuale, si ruba, si fa carriera senza meritarla, si specula sulla salute, si uccide, si violenta e si abusa di donne, di deboli e di piccoli… Lunga lista, unica domanda: con che coscienza?

Risposta semplice: con una coscienza che non c’è, in diversi, e che dobbiamo ri-costruire perché la rinascita del Paese non sia solo economica ma anche morale. Ma non dobbiamo guardare solo avanti, dopo anche riflettere un po’ sul passato, remoto e recente, che ha accresciuto atteggiamenti incoscienti.

Mi riferisco alle responsabilità delle agenzie educative, tutte e nessuna esclusa: famiglia, scuola, università, partiti, associazionismo, comunità di credenti, volontariato. Hanno educato seriamente e costantemente ad avere coscienza, ad rispondere del proprio agire?

In questo discorso mi permetto di far notare che esiste un vulnus teorico che annulla o indebolisce la formazione delle coscienze, di piccoli e grandi. Questo vulnus ha un nome: Nicolò Machiavelli. L’autore fiorentino non ha mai affermato direttamente l’errato principio del fine che giustifica i mezzi. Tuttavia la sua teoria etica non potrebbe essere sintetizzata meglio se non con questa affermazione, che è un invito ad abbandonare quello che si dovrebbe essere (etica) per seguire quello che è (realismo politico).

Il Machiavelli ha avuto più successo di quello che meritava, tanto da riscontrare un gran numero di suoi seguaci, che una volta fissata la loro finalità negativa (potere, denaro, carriera e privilegi) sono disposti a tutto e giustificano tutto pur di raggiungere il fine perverso: dalle file per la vaccinazione alle tangenti, dalla promozione di carriera al ruolo politico, dai privilegi ai propri figli a… i sacramenti in parrocchia. Lunghissima lista.

Medesimo problema: un pressante invito ad abbandonare qualsiasi finalità nobile, cioè relativa al dover essere, mentre conviene concentrarsi sulla prassi, sul suo spietato realismo, sul “cos’ fan tutti”. Il Principe inaugura, in sede teorica, l’autonomia della politica dall’etica, cioè l’inizio del pensiero politico moderno: un’elastica e costante rielaborazione dei precetti etici, allorché il comandamento della conservazione del potere (e oggi diremmo anche di carriera e denaro) lo esige o sembra esigerlo.

Con che coscienza? Con quella di Machiavelli, a cui ci siamo cosi tanto abituati da citare, con spavalderia e convinzione che “il fine giustifica i mezzi”. Ai pochi educati e virtuosi la frase crea irritazione perché il fine “specifica i mezzi”, quindi mezzi buoni per fini buoni e mezzi cattivi per fini cattivi.

Era ciò che Aristotele aveva insegnato un dì e che Machiavelli aveva poi negato e, dopo di lui, diversi italiani: il fine (télos) di ogni persona come di ogni comunità politica è il bene (agathón) o, anche detto altrove, la felicità (eudaimonía). Il bene, a cui si tende, è il fine (télos) della vita, è la beatitudine, è anche la prosperità. Questo bene-felicità può essere raggiunto da chi vive secondo ragione realizzando le virtù, cioè un compiere costantemente il bene.

Non sarà solo il vaccino a contenere e sconfiggere il virus, ci vuole una coscienza sana e motivata. Altrimenti al disastro sanitario ed economico aggiungere anche quello morale, ugualmente grave.

https://formiche.net/2021/04/pandemia-cercasi-coscienza-la-riflessione-di-dambrosio/

Azioni sul documento
  • Stampa
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 122
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Tutti pazzi per i sociale?

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 123 è sulla RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?): in preparazione.

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo (1. Che rapporto c'è tra la pandemia e la situazione ambientale? 2. Nuove politiche industriali e del lavoro e impatto sull'ambiente? 3. Cosa cambiare negli stili di vita? 4. Quale il contributo delle religioni?) Testi da inviare da entro 31 maggio 2021.

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  Testi da inviare da entro 31 agosto 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.