Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Padre Pepe: Papa Francesco ci insegna che il povero ha molto da dirci su Dio

Padre Pepe: Papa Francesco ci insegna che il povero ha molto da dirci su Dio

creato da D. — ultima modifica 14/09/2015 17:17
José Maria di Paola, conosciuto come “padre Pepe”, figura molto legata a Jorge Mario Bergoglio, racconta la sua esperienza ai microfoni di Radio Vaticana.

“Papa Francesco: con la Lumen Fidei alle periferie dell’esistenza”: è il titolo di una tavola rotonda tenutasi al Meeting di Rimini. Tra i relatori anche padre José Maria di Paola, conosciuto come “padre Pepe”, figura molto legata a Jorge Mario Bergoglio. Il sacerdote argentino che vive in una villa miseria, una favela di Buenos Aires, racconta la sua esperienza al microfono del nostro inviato a Rimini, Luca Collodi:

R. – Nosotros vivimos en los barrios...
Noi viviamo nei quartieri, nelle baraccopoli, che forse conoscerete meglio come favelas. Viviamo vicino alla gente e la accompagniamo nella sua vita e nel suo lavoro. E’ un lavoro sia spirituale che sociale: le due cose vanno insieme. E’ una forma di vivere il sacerdozio, direi anche un carisma, che molti di noi sacerdoti di Buenos Aires hanno vissuto, in maniera speciale in questi anni. Sono più di 40 anni che esiste il gruppo dei sacerdoti per le "favelas di emergenza". Tutto è iniziato nello stile francese dei "sacerdoti operai". Poi le stesse persone delle favelashanno chiesto ai sacerdoti che si fermassero a vivere nelle baraccopoli e che ci fosse un sacerdote come in tutti gli altri quartieri.

D. – La tua esperienza, padre Pepe, privilegia una Chiesa semplice...

R. – Seguro, creo que nuestra misión...
Sicuro, credo che la nostra missione, vicina a questo quartiere, a questa favela, faccia sì che noi conosciamo molto bene la gente con la quale viviamo. Noi ci fermiamo di fronte alla realtà del povero, non solamente di fronte a qualcuno che dobbiamo aiutare, ma di fronte a qualcuno da cui dobbiamo imparare. Questo è scritto nella Bibbia ed è parte della nostra fede, della predicazione di Cristo, dell’Antico Testamento. Il povero ha molto da dirci su Dio e per questo la religiosità della gente è molto semplice e non dobbiamo complicarla.

D. – C’è il problema della droga all’interno delle villas...

R. – Sì, uno dei problemi che abbiamo è quello della droga. Il narcotraffico cerca sempre di nascondersi nei luoghi più favorevoli. I narcotrafficanti non appartengono alla favela, che è un luogo che forse potrebbe essere definito come la prima vittima della droga. Per questo noi nella “Favela 21” facciamo un lavoro di prevenzione e recupero, con un certo spirito tipico di don Bosco, dell’Oratorio di don Bosco, e che ora si è esteso ad altre favelas, e abbiamo iniziato un cammino che vuole avvicinarci, in modo che se vediamo qualcuno che offre droga o un’arma ad un ragazzo, noi gli si possa offrire un cammino sano e si posssa aiutare a recuperarsi colui che è caduto nella droga.

D. – Chi è Papa Francesco? Come si può spiegare Papa Francesco ad un cittadino europeo, occidentale?

R. – Primero, a nostros no nos sorprende...
Primo, a noi non ci sorprende il modo di comportarsi di Papa Francesco, perché continua ad essere Bergoglio. Le azioni che ha compiuto a Buenos Aires adesso vediamo con gioia che le compie per la Chiesa nel mondo. Noi, quando l’hanno eletto, pensavamo a quando era stato al nostro fianco, nei momenti buoni e nei momenti difficili – di fronte alla minaccia dei narcotrafficanti, nelle riunioni nella favela: era presente in tutti i momenti - credo che questa esperienza che abbiamo avuto in Buenos Aires, oggi la viva il mondo. Ci rallegriamo perché pensiamo che il sacerdote, la religiosa, il laico, che lavorano in realtà simili alla nostra, davvero hanno un Papa che li comprende, che li guida. Gli aspetti principali della Chiesa saranno nella Messa di tutti i giorni.


Testo proveniente dalla pagina http://it.radiovaticana.va/news/2013/08/21/padre_pepe:__papa_francesco_ci_insegna_che_il_povero_ha_molto_da_dirci/it1-721405
del sito Radio Vaticana, 21.08.2013

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
La Vignetta, di Martina Losito

"Il bene più prezioso"

Vignetta di Martina Losito 

*Martina Losito, studentessa di ingegneria energetica presso il Politecnico di Milano.

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 124
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Pianeta che vogliamo

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  è in preparazione. 

 listing Il n. 126 è su "Il rispetto dell'identità sessuale"  (cosa intendiamo per identità sessuale? Come rispettarla nella vita quotidiana? Quali tutele politiche e giuridiche introdurre?). Tc

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). Testi da inviare entro il 28 febbraio 2022.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.