Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Otto anni senza padre Dall'Oglio. Cristiano: "Vi dico cos'era per lui la fraternità", di Andrea De Angelis

Otto anni senza padre Dall'Oglio. Cristiano: "Vi dico cos'era per lui la fraternità", di Andrea De Angelis

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 29/07/2021 16:30
Era il 29 luglio 2013 quando il gesuita italiano veniva sequestrato a Raqqa, in Siria. Anche quest'anno sono numerose le iniziative per ricordare quel triste giorno e rinnovare l'invito al dialogo, all'incontro e alla conversione dei cuori che Dall'Oglio promuoveva ogni giorno nella sua missione. L'intervista a Riccardo Cristiano: "Ci ha insegnato cosa vuol dire essere amici di un popolo"

 

Una vita per il prossimo, identificato nel popolo siriano di cui - ripete ancora oggi chi l'ha conosciuto - è stato "un vero amico". La sua capacità di ascolto, quella naturale predisposizione a favorire l'incontro, il tentativo di conoscere senza mai assimilare lo hanno reso un sacerdote in missione capace di portare la luce anche nei luoghi dove le tenebre sembravano avere la meglio. Come la Siria messa in ginocchio dal terrorismo, dall'odio frutto di un integralismo che non conosce limiti, ma solo barriere. Ricordare Paolo Dall'Oglio ad otto anni dalla scomparsa vuol dire allora non nascondere il dolore per la sua lunga assenza, ma anche rinnovare la speranza e continuare a trasmettere quel messaggio che ha diffuso giorno per giorno, nella sua quotidiana missione al servizio della Chiesa universale. 

Sono diverse le iniziative per questo ottavo anniversario. Tra le tante ricordiamo quella di oggi, mercoledì 28 luglio, al Centro Fonte di Ismaele di Roma, dove Francesca Dall’Oglio, assieme al giornalista Riccardo Cristiano, parla ai minori non accompagnati ospiti della struttura di accoglienza della fratello. Giovedì 29 alle 21:15 a Verona - al Centro Islamico della città veneta - Combonifem, Nigrizia ed il Consiglio islamico di Verona organizzano una serata di riflessione a partire da frasi di padre Paolo Dall’Oglio e della sua esperienza nel monastero di Mar Musa in Siria. 

Accanto alle persone

Riccardo Cristiano, giornalista, vaticanista e fondatore dell'associazione Giornalisti amici di padre Dall'Oglio, è stato a lungo inviato in Medio Oriente. Con noi ricorda la figura di padre Paolo e sottolinea come la sua capacità di ascolto lo rendesse davvero prossimo al popolo siriano. Amico, appunto.

Riccardo, al Centro Fonte di Ismaele parlerai di padre Paolo ai minori non accompagnati. Perché è importante far conoscere ai più giovani la sua figura?

Credo sia importante parlarne ai giovani e più in generale a tutti. Ai giovani lo è in modo particolare perché padre Paolo era convinto che si dovesse costruire una teologia interreligiosa nel nome della sua fede. Lui l'ha costruita a partire proprio dalla figura di Ismaele, che nell'Islam è il figlio di Abramo, in un primo momento portato al sacrificio, ma poi non più sacrificato. Ismaele viene cacciato dalla famiglia insieme alla madre ed inizia una peripezia nel deserto. Abramo vede nelle lacrime della madre che non trova l'acqua nel deserto per dissetare il figlio, le stesse lacrime di Maria sotto la croce. Nel pianto di Ismaele vede un pianto evangelico e questo racconto gli fa capire come, esistendo un patto in nome dell'elezione, un patto con Dio, esiste anche un patto in nome della marginalizzazione. In nome dell'estromissione. Gli emarginati, gli estromessi sono gli eletti di Dio ed il simbolo di questo patto, di questa elezione è proprio la figura del piccolo Ismaele. Un racconto che fa capire cosa vuol dire trovare la chiave per presentare, anche con un pensiero evangelico, ciò che evangelico non è. Nella speranza di capire insieme il mistero, la propria strada, il proprio senso nel disegno complessivo di Dio. 

La fiaccolata di preghiera per padre Paolo tenuta a Roma nel febbraio 2019

Ascoltando le tue parole mi viene da pensare al modo in cui padre Paolo avrebbe promosso, parlato, fatto conoscere l'enciclica Fratelli tutti. Anche tu hai pensato a questo qualche volta?

Io a questo ci ho pensato tantissime volte e devo dire che questo pensiero mi accompagna spessissimo, ogni volta che sento parlare della fraternità. Mi piace allora sottolineare come padre Paolo sulla fraternità si sia speso tanto. A chi gli chiedeva di convertire i musulmani, da missionario in quella che si chiama la Terra d'Islam, lui rispondeva che in realtà non avvertiva tanto questo desiderio, quanto quello di convertirsi all'opera di Dio in ogni anima umana. Abbiamo bisogno di un nuovo profetismo in dialogo, in una esperienza sempre nuova dell'azione dello Spirito di Dio. Penso che l'ospitalità sia la cifra di tutte le culture religiose mediorientali e nella fratellanza di Papa Francesco sento questo. La trovo nell'enciclica. 

Perché tanti testimoni hanno detto, e ripetono ancora oggi, che padre Paolo era amico del popolo siriano? 

Come è cambiata la Siria in questi otto anni?

Non voglio vedere il tanto di negativo che c'è, la morte e la scomparsa di migliaia e migliaia di esseri umani. Persone di cui, come per padre Paolo, non si sa più niente. Sono successe cose terrificanti, dalle armi chimiche alle espulsioni, dai bombardamenti alla violazione dei diritti umani. Però è successo anche qualcos'altro ed è questo il filo a cui io mi aggrappo pensando a padre Paolo e pensando a questi nostri amici che vivono in Siria, come vivremmo noi se fossimo nati lì. Io credo che oggi sia caduto il muro della paura. Quando questo muro cade non si riedifica. Come si riuscirà a camminare dopo la caduta di questo muro io non lo so, ma questo fatto ancora oggi è secondo me sottovalutato. 

 

fonte: Vatican news del 29 luglio 2021

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
La Vignetta, di Martina Losito

"La disoccupazione"

La vignetta, di Martina Losito 

*Martina Losito, studentessa di ingegneria energetica presso il Politecnico di Milano.

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 123
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Rinascita

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo (1. Che rapporto c'è tra la pandemia e la situazione ambientale? 2. Nuove politiche industriali e del lavoro e impatto sull'ambiente? 3. Cosa cambiare negli stili di vita? 4. Quale il contributo delle religioni?); in preparazione. 

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  Testi da inviare da entro 31 agosto 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.