Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Opposizioni alla campagna antieuropea di Primavera, di Massimo Franco

Opposizioni alla campagna antieuropea di Primavera, di Massimo Franco

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 01/04/2020 17:34
Matteo Salvini e Giorgia Meloni si presentano con una specie di «sindrome Orbán»: come il premier ungherese lanciano una sfida alle istituzioni di Bruxelles…

Il secondo incontro tra il premier Giuseppe Conte e le opposizioni non nasce sotto i migliori auspici. I segnali che arrivano da Lega e FdI, meno da Forza Italia, in vista del vertice di questa mattina a Palazzo Chigi, lasciano presagire un dialogo formale e insieme teso con il premier. Matteo Salvini e Giorgia Meloni si presentano con una specie di «sindrome Orbán», dal nome del presidente ungherese. 

Non tanto per i poteri che Viktor Orbán ha appena ottenuto dal suo Parlamento. Piuttosto, per la sfida che lancia alle istituzioni di Bruxelles.

L’ammainabandiera del vessillo dell’Ue deciso ieri da sindaci e parlamentari della destra è stato applaudito dai vertici dei partiti. E si è affiancato alle bandiere a mezz’asta in tutta Italia per le vittime del coronavirus. 

La scelta lascia indovinare una strategia di delegittimazione di Conte come alleato dell’Europa «matrigna»; e di scontro più aspro, nella convinzione che comunque un’intesa con i governi alleati avverrà al ribasso. E dunque non basterà a placare le tensioni del «dopo».

Seppure un compromesso dovesse prendere corpo, Salvini e Meloni sembrano orientati a bocciarlo come inadeguato. Le richieste dei «Bot di guerra» salviniani e i «mille euro a chi ne ha bisogno» della presidente di FdI, sono tappe di una campagna di primavera con un doppio obiettivo: mostrare un esecutivo subalterno all’Ue; e candidarsi a gestire un’Italia che già evocano disastrata e in rivolta: anche se Antonio Tajani, numero due di FI, chiede di «essere uniti per ottenere di più dalla Bce».

Di certo, per puntellare la narrativa catastrofista occorrerà il fallimento delle trattative con l’Europa. Ma il numero delle vittime della pandemia, le previsioni sulla contrazione del Prodotto interno lordo e sulla disoccupazione bastano per scommettere su un clima avvelenato. Rimane da chiedersi se l’eurofobia dell’opposizione non sia l’alibi dei Paesi nordeuropei per rifiutarsi di aiutare l’Italia; e se un governo tra M5S e Lega avrebbe riscosso maggiore solidarietà, o il Paese si sarebbe ritrovato isolato e tenuto in un’eterna quarantena.

Per ora, la domanda appare come rimossa. Ma presto riemergerà. 

E si tratterà di capire se il nuovo schema che la pandemia impone sarà declinato con il lessico dell’opposizione, che punta a rotture traumatiche sulle quali costruire la rivincita; oppure con una transizione il più possibile governata, rassicurando l’opinione pubblica più che aizzandola. 

Nessuno può scommettere su un «tanto peggio tanto meglio» che domani potrebbe manifestarsi a ruoli invertiti.

 

https://www.corriere.it/politica/20_marzo_31/opposizionialla-campagnaanti-europeadi-primavera-f1a5fdfe-7389-11ea-bc49-338bb9c7b205.shtml

 

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , , ,
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-120.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 120
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: I doveri

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  è in spedizione.

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria è in preparazione.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.