Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Oltre 50 mila Homeless in Italia, di Giovanni Paradiso

Oltre 50 mila Homeless in Italia, di Giovanni Paradiso

creato da gianfrancoparadiso@alice.it — ultima modifica 17/09/2015 17:51
Risultano più di 50 mila i senza dimora presenti in Italia, questo il dato reso noto dall’Istat nel suo rapporto 2011. Si tratta del primo censimento eseguito sul fenomeno in Italia.

 

Risultano più di 50 mila i senza dimora  presenti in Italia, questo il dato reso noto dall’Istat nel suo rapporto 2011.
Si tratta del primo censimento eseguito sul fenomeno in Italia. La rilevazione  è riferita ai senza dimora che nei mesi di novembre e dicembre 2011 hanno utilizzato almeno uno dei 3.125 servizi (mense, accoglienza notturna) garantiti da 727 associazioni nei circa 160 comuni italiani più importanti. Il Rapporto ha tracciato l’identikit di uomini soli, under 45 con la terza media inferiore, il 90% di loro sono uomini. Solo il 28,3%  lavora mentre tra le donne la percentuale scende al 25,3%. La maggiore concentrazione si registra nel Nord e quasi il 60% è straniero. I due terzi prima di diventare senza dimora disponeva di una propria abitazione e solo il 7,5% di loro non ha mai avuto una casa.

Tra i servizi rivolti alle persone senza dimora quello più utilizzato è la mensa, nell’ultimo anno vi hanno fatto ricorso 9 persone su dieci. Il 71,2% si è rivolto a un servizio di accoglienza notturna, mentre il 63,1% al servizio docce e  igiene personale. Più  ridotte  appaiono le percentuali relative all’uso dei servizi di distribuzione medicinali e accoglienza diurna. Quasi la metà delle persone senza dimora ha utilizzato i servizi per l’impiego. Più diffuso tra gli italiani è invece il ricorso ai servizi sociali e sanitari.  Il motivo è rappresentato dal fatto che gli italiani risultano, in media, essere più anziani, tra di loro circa un quinto dichiara di versare in precarie condizioni di salute.

Secondo questo primo censimento, la perdita del lavoro costituisce il più rilevante evento nel percorso di progressiva emarginazione che sfocia nella  condizione di senza dimora, insieme alla separazione dal coniuge e/o dai figli e, in misura ridotta, alle cattive condizioni di salute. Il 61,9% delle persone senza dimora ha, infatti, perso un lavoro stabile, il 59,5% si è separato dal coniuge ed il 16,2% dichiara di stare male. La condizione di senza dimora non esclude di mantenere rapporti con la famiglia. E’ il caso di circa il 78,3% degli stranieri, anche se la metà di loro si limita a contatti via Internet o telefono e a contatti epistolari.

Il 18% delle persone senza dimora non ha alcuna fonte di reddito mentre risultano poco più del 28% quelli che hanno un lavoro. Ma si tratta di un lavoro a bassa qualifica(facchini, lavatori, manovali, braccianti, fornai), saltuario o a termine ed hanno una retribuzione media di circa € 347 ( un terzo guadagna meno di 100 euro e quasi un quarto oltre 500 euro). La maggior parte di loro vive grazie all’aiuto di parenti, amici o estranei (collette di associazioni di volontariato).

Oltre 6.200 le donne in strada,  il 43% di loro sono italiane   e  le  straniere  sono  risultate  in  prevalenza  di nazionalità rumena ed a seguire: ucraina, bulgara e polacca. Oltre un quarto di loro ha più di 55 anni, l’età media è di 45 anni, circa il 15% è senza dimora da 4 anni mentre solo una su 4 ha un lavoro.

I dati sinora illustrati inducono ad una riflessione profonda , lo stato sociale sta vivendo un momento particolarmente critico, da una parte gli Enti Istituzionali locali sono in preda ad enormi difficoltà per la contrazione delle risorse economiche a disposizione e per assicurare livelli essenziali di servizio sono costretti ad adottare provvedimenti impopolari che ricadono sulle piccole comunità  dall’altra le richieste di aiuto da parte di chi vive un momento di disagio sono sempre più frequenti. A questo si aggiunge una ulteriore stangata data ai ceti più deboli dal recente decreto sulla stabilità economica che ha ulteriormente colpito un notevole numero di famiglie del ceto medio.

Il quadro d’assieme del nostro Paese permane critico e per quanto si registrino quotidiane manifestazioni di solidarietà poste in essere dalle Caritas e dalla rete dell’Associazionismo di volontari, non deve sfuggire che L’italia, che siede al tavolo delle Grandi Potenze Economiche, non sia in grado di debellare la piaga degli homeless che comunque rappresentano solo lo 0,08% dell’intera popolazione, mentre una nutrita schiera della classe politica a cui, a vario titolo ed a vari livelli, è stata affidata la gestione del “bene comune” ha dimostrato brillanti doti nel depauperare risorse economiche pubbliche per soddisfare personali manie di vanità.

Azioni sul documento
  • Stampa
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 122
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Tutti pazzi per i sociale?

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? -  è in spedizione.

 

 listing Il n. 123 è sulla RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?): in preparazione.

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo (1. Che rapporto c'è tra la pandemia e la situazione ambientale? 2. Nuove politiche industriali e del lavoro e impatto sull'ambiente? 3. Cosa cambiare negli stili di vita? 4. Quale il contributo delle religioni?) Testi da inviare da entro 31 maggio 2021.

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse" (1. Come la pandemia ha cambiato i processi politici? 2. Cosa cambia nella partecipazione dei cittadini? 3. E' democratico questo processo? 4. Quale visione politica ispira il tutto?) Testi da inviare da entro 31 luglio 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.