Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Nuovo strappo fra M5s e pacifisti, di Redazione PeaceLink

Nuovo strappo fra M5s e pacifisti, di Redazione PeaceLink

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 26/03/2019 09:55
Come cambia la linea del M5s sul commercio delle armi verso l'Arabia Saudita, protagonista di sanguinosi bombardamenti in Yemen con armi italiane?...

Il sottosegretario pentastellato agli esteri Manlio Di Stefano ha dichiarato che l'export di armi italiane verso l'Arabia Saudita non si può interrompere. "E' sbagliato pensare che si possa risolvere il problema con l’interruzione dell’esportazione delle armi prodotte in Italia", ha detto.

All'opposizione

Il 29 novembre 2015 Manlio Di Stefano (deputato M5S) dichiarava in aula: "Noi vendiamo armi a chi le usa per ammazzare i nostri concittadini". E chiedeva di "interrompere l’esportazione di armi verso l’Arabia Saudita e verso tutti i Paesi che violano i principi della legge n. 185 del 1990 sul controllo dell’esportazione, importazione e transito dei materiali di armamento", si legge sul sito webtv.camera.it. Nel video si nota che accanto a Di Stefano c'è Alessandro Di Battista. 

Al governo

Ieri lo stesso Manlio Di Stefano (oggi diventato sottosegretario del Ministero degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale) cambia linea e dichiara, lo riporta il Fatto Quotidiano, che l'export di armi italiane verso l'Arabia Saudita non si può interrompere. "Al di là delle ipocrisie –ha detto a Roma ieri nel convegno sul commercio delle armi – è sbagliato pensare che si possa risolvere il problema con l’interruzione dell’esportazione delle armi prodotte in Italia".

Il convegno sul commercio delle armi

L'occasione per verificare questo cambiamento di rotta del M5s è stato il convegno svoltosi a Roma dal titolo "Produzioni e commercio di armamenti: le nostre responsabilità", organizzato dalla Federazione delle chiese evangeliche e dalla Conferenza episcopale italiana, assieme alla fondazione Finanza etica e associazioni come Rete italiana per il disarmo, oltre a Pax Christi e al Movimento dei Focolari.

Monsignor Giovanni Ricciuti, presidente di Pax Christi Italia, ha dichiarato: “Questo realismo della politica spegne le visioni e la speranza”.

Giorgio Beretta (membro della Rete italiana per il disarmo) ha ricordato che altre nazioni, come la Germania, hanno interrotto le forniture di armi all'Arabia Saudita, in guerra nello Yemen, e ha aggiunto: “Il M5s deve decidere cosa fare. Io guardo ai fatti, vogliamo delle risposte e dei passi verso quanto promesso. E non li stiamo vedendo. Se si adeguerà alla ‘ragion di Stato’ sul tema delle armi, delle bombe e degli F35, rischia di non rispondere più alla domanda di cambiamento”.

Bombe italiane uccidono civili yemeniti

“L’Italia fabbrica le bombe che servono ad ucciderci: ad uccidere i nostri sogni, la nostra dignità e la nostra umanità”. La denuncia è di Ashtar Al Razehi, una giovane donna yemenita rifugiata, attualmente ospite dello Sprar del Mugello, che ha lanciato un appello accorato a “porre fine alla guerra, a dire ‘no’ alle bombe che ci massacrano”. “Il mio Paese è diventato un grandissimo cimitero. Il cielo non è più azzurro, ma ha solo il colore della tristezza”, ha detto con la voce rotta dall’emozione in un video trasmesso al convegno.

https://www.peacelink.it/disarmo/a/46251.html

CRISI UMANITARIA E INTERESSI GLOBALI: LO YEMEN “SPARITO” DAL RADAR DELLE NOTIZIE, di Fabio Marco Fabbri

Lo Yemen è una terra senza Dio, una provincia vuota. Sarebbe non solo possibile ma anche facile da catturare, e se fosse catturato, sarebbe padrone delle terre dell’India e si potrebbe mandare ogni anno una grande quantità di oro e gioielli a Costantinopoli”…

Questa citazione fu pronunciata nel 1538 dall’eunuco ungherese Hadim Suleiman Pasha (hadim significa eunuco in turco), che guidò l’esercito ottomano verso il territorio yemenita al fine di conquistare Aden e Diu, e sottolinea la strategica posizione di questa area, rimasta tale nel tempo.

Lo Yemen vive da più di un decennio un conflitto interno mortale, che iniziato come una instabilità tra fazioni avverse, è nel tempo diventato centro di pericolose “attenzioni”, prima da parte dei paesi dell’area arabica, poi richiamando “appetitiinternazionali. Lo Yemen sta vivendo uno dei suoi più complessi corsi storici: oltre 12mila yemeniti hanno perso la vita, più di due milioni sono sfollati, le cifre sono indicative causa la difficoltà di avere un censimento esatto vista anche la forte dinamicità umana che certi eventi provocano, ciò sta causando una crisi umanitaria di grandi proporzioni in un contesto dove le azioni filantropiche hanno difficoltà ad operare.

Il “profilo” dello Yemen non è cambiato nei secoli; la marginalità della collocazione e la proiezione verso l’Africa nera con le strategiche risorse “nazionali”, hanno sempre reso la Repubblica presidenziale estremamente ambita. Lo Yemen prima del 1990 era diviso in due aree: lo Yemen Meridionale, colonia britannica dal 1839, raggiunse l’indipendenza nel 1967, con capitale Aden; lo Yemen Settentrionale, con capitale Sana’a, non ebbe colonizzazione, vivendo autonomamente i processi di sfaldamento dell’Impero Ottomano e l’influenza degli attigui e invadenti cugini wahabiti. Il popolo dell’area yemenita ha vissuto due storie decisamente diverse che non hanno lasciato indenne la loro percezione politica, confessionale e sociologica della “coabitazione”. L’odierna Repubblica dello Yemen nasce dall’unione di queste due diverse “storie”; nel mese di maggio del 1990, quando la fusione tra la Repubblica Araba dello Yemen (Yemen del Nord) e la Repubblica Democratica Popolare dello Yemen (Yemen del Sud) si compie, si formalizzano anche i confini, frutto di lunghi negoziati e onerose operazioni diplomatiche iniziate dalla Monarchia Britannica, prima con l’Impero Ottomano, poi con l’Arabia Saudita. Le due ex capitali si sono differenziate, in questi ultimi anni, con peculiarità che ne hanno determinato i ruoli: Sana’a è la capitale politica dello Yemen, mentre Aden è una sorta di “capitale” economica. I punti di frizione fra le due aree geografiche sono endemiche e si palesano tra contese di origine tribale, territoriale e confessionale che sfociano nel politico, inoltre tutto ciò è “farcito” dalla radicata piaga della corruzione. Gli attriti tra Nord e Sud dello Yemen sono esplosi nel 2004, ed hanno conclamato l’antagonismo tra la comunità sciita (setta Zaidi Shia ) degli Houthi che rivendica, alla compagine governativa, un ruolo non marginale nella gestione “politica” del potere. Nel 2011 il conflitto si intensifica a causa del fallimento di una transizione politica che avrebbe dovuto stabilizzare lo Yemen, infatti, in seguito alle rivolte della Primavera araba, il presidente, Ali Abdullah Saleh, fu costretto a consegnare il potere al suo vice Abdrabbuh Mansour Hadi. Hadi ha fronteggiato jihadisti e separatisti del Southern Transitional Council (Stc) del sud, ha lottato contro l’insicurezza alimentare, la corruzione e la disoccupazione; fu costretto, tuttavia, a dimettersi nel 2015 e rifugiatosi poi ad Aden, la dichiara capitale politica dello Yemen (ma senza riconoscimento alcuno). Dopo l’assassinio del suo predecessore e contendente Saleh nel 2017, Hadi è oggi riconosciuto dalla Comunità internazionale come Presidente, ma con enormi difficoltà nel gestire i poteri del suo ruolo soprattutto all’interno.

Gli scontri fra “l’ex Nord e Sud dello Yemen” si sono moltiplicati in un sistema politico confuso, fino al 2014, quando i ribelli Houthi conquistarono la capitale Sanaa, elevando il livello degli interessi sul piano geopolitico. Infatti, il coinvolgimento dell’Iran a protezione e tutela degli Houthi (sciita) e la contemporanea presa di posizione filogovernativa dell’Arabia Saudita, appoggiata da Emirati Arabi, Kuwait, Bahrain, Egitto e Giordania (sunniti), a protezione dello status quo, fa innescare una serie di interessi e obiettivi di carattere geostrategico e geoeconomico, che creano l’ennesimo “pantano sociologico Vicinorientale”. L’Onu definisce la situazione in Yemen come il più grave disastro umanitario in atto: oltre che morti, feriti e sfollati, in uno Stato fallito come lo Yemen, le carestie le pandemie, le meno valutate e gravissime dissociazioni sociologiche e psicologiche, hanno fatto nascere una crisi umanitaria difficilmente risolvibile in tempi brevi. Inoltre tale situazione, se viene letta con una visione più ampia, fa scorgere anche degli “effetti collaterali” complessi politicamente e sociologicamente degeneranti: infatti lo Yemen è diventato il biotopo ideale dei jihadisti, sia per quelli endemici alla Penisola araba come Al-Qaida (Aqpa), sia per quelli fuoriusciti dall’ex sedicente Stato Islamico, che ritrovano, nell’ambito della “granularizzazionedell’Isis, e in un sistema politico pseudo anarchico, una loro “ricollocazione” quantomeno territoriale; ricordando che lo Yemen è la terra natale della famiglia bin Laden. Il ruolo della Francia è apparentemente “bipolare”: da una parte il Quai d'Orsay (sede del Ministero degli Esteri francese) sostituendosi all’Eliseo, organizza incontri bilaterali con l’Arabia Saudita a fine pacificatorio e con lo scopo di proteggere i convogli umanitari che si adoperano per la popolazione yemenita, dall’altra forniscono da anni (come la Gran Bretagna) armamenti al Regno wahabita, anche i famigerati cannoni Caesar, che utilizzano, come accusano le Ong presenti in loco, per bombardare i ribelli Houthi, ma colpiscono anche due ospedali gestiti da Médecins Sans Frontières (Msf). Ad oggi Teheran e Riyadh, hanno combattuto tramite “intermediari”, non risultano realmente predisposti ad un coinvolgimento diretto dei rispettivi eserciti, ma un attacco missilistico di successo diretto a Riad, dallo Yemen, potrebbe sconvolgere la bilancia degli equilibri, considerando che Israele ha assunto una posizione “politica” filo-saudita, in contrapposizione all’Iran e che la Siria (sciita-alawita) e l’Iraq (a prevalente guida sciita ma legata a Washington) sono molto vicini a Teheran

In conclusione, la complessa crisi yemenita non poteva non interessare anche gli Stati Uniti, infatti Trump ha appoggiato risolutamente la causa Saudita, per dare una “concreta” opposizione all’Iran. Intanto il Senato Usa, mercoledì 13 marzo ha causato un altro “dispiacere” a Donald Trump, approvando una risoluzione che lo esorta a interrompere il sostegno all’Arabia Saudita nella guerra in Yemen, a seguito dal “turco affare Khashoggi”.

Ma lo Yemen subisce soprattutto una crisi umanitaria ormai infiammata anche da interessi globali, che sta diventando sempre più allarmante in un ambito di guerra, dove la miseria si amalgama con l'orrore delle epidemie e la popolazione è spinta nella sua peggiore restrizione per cercare di resistere alla carestia: le famiglie fanno sposare le loro figlie, a volte anche di tre anni, nella speranza di guadagnare una dote per poter essere in grado di nutrirsi magari per qualche giorno; tutto ciò accade fuori dal “radar delle notizie”.

http://www.opinione.it/esteri/2019/03/25/fabio-marco-fabbri_yemen-conflitto-interno-mortale-fazioni-avverse-nord-sud-sciita-sunnita/

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , , ,
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?),  testi da inviare entro il 15 ottobre 2019.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 novembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.

 listing Il 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 15 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.