Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Nuovo «esodo» di 8mila insegnanti al Centro-Sud. Al Nord è allarme cattedre vuote, di Claudio Tucci

Nuovo «esodo» di 8mila insegnanti al Centro-Sud. Al Nord è allarme cattedre vuote, di Claudio Tucci

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 02/07/2020 16:52
Con la mobilità altri 8mila docenti si avvicinano a casa, in prevalenza nelle regioni del Centro-Sud. Poi c’è il boom di posti vacanti, oltre 85mila, molti dei quali da Firenze in su, proprio le regioni più colpite dall’emergenza sanitaria. A settembre assisteremo quindi all’ennesima caccia ai supplenti…

Facciamo una premessa. L’emergenza cattedre vuote al Nord non nasce con questo governo, è un nodo storico della scuola italiana e delle falle del sistema di reclutamento degli insegnanti, che nessun esecutivo riesce definitivamente a riformare.

Certo è che gli ultimi governi c’hanno messo del loro tenendo in gestazione per mesi i concorsi a cattedra, sbloccati solo a fine aprile da Lucia Azzolina. Detto questo, numeri e stime sindacali alla mano, anche il prossimo settembre sarà caccia di supplenti soprattutto da Firenze in su, le regioni purtroppo più colpite dall’emergenza sanitaria.

Altri 50mila prof con la valigia
Procediamo con ordine. A settembre oltre 50mila docenti cambieranno scuola, avendo il ministero dell’Istruzione accolto la relativa domanda. Si tratta di oltre il 55% delle richieste complessive pervenute.

Quest’anno sono state 108.676 le domande elaborate, di cui 90.306 per la mobilità territoriale e 18.370 per quella professionale. Oltre 96mila i docenti effettivamente coinvolti - al netto delle domande non accoglibili - 78.881 le donne e 17.696 gli uomini. Le domande soddisfatte a livello nazionale sono state 55.008, pari a oltre il 55% del totale dei docenti che hanno partecipato alla mobilità ordinaria. 8mila spostamenti circa saranno fuori regione, in particolare verso il Centro-Sud.

È boom di cattedre vuote: oltre 85mila
Resi noti i numeri sulla mobilità, i sindacati, e in particolare la Cisl Scuola, ha subito fornito la stima delle cattedre vuote: sono 85.150 le cattedre per l’anno scolastico 2020-2021, un vero record. Lo scorso anno erano 64.149. Questo significa che anche il prossimo anno avrà un settembre complicato, alla ricerca di supplenti soprattutto al Nord.

Gli errori nella programmazione
Ma come è possibile che ogni anno si ripresenti questa emergenza? Le motivazioni le fornisce direttamente il sindacato: «È l'effetto di una pianificazione insostenibile da parte del ministero in questi ultimi 4 anni perché, come abbiamo più volte ribadito, le procedure assunzionali non hanno garantito la stabilizzazione di personale precario già in servizio da anni. Difatti anche per le assunzioni su quota 100 l’assenza di candidati a pieno titolo nelle graduatorie ad esaurimento e da concorso ha reso impossibile la copertura di tutti i 4.500 posti autorizzati dal Mef riducendo di più di mille unità le assunzioni programmate», scrive la Cisl Scuola.

Oggi le assunzioni si fanno pescando per il 50% dalle Gae, molte delle quali esaurite da anni, e dai concorsi a cattedra.

Azzolina: subito i concorsi
Di fronte a questi numeri, la ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, ha subito accelerato per bandire i concorsi, dopo i tanti mesi in stand-by, e preme per bandire selezioni con cadenza periodica.

Con questo obiettivo, a fine aprile, sono stati banditi concorsi per 62mila posti, successivamente portati a 78mila. Di questi, 32mila sono destinati ad una procedura straordinaria per la scuola secondaria di primo e secondo grado e, dunque, ai precari. In sede di conversione del decreto scuola il Parlamento ha approvato una variazione proprio sul concorso straordinario, rivedendo la modalità delle prove di accesso.

Il ministero sta per questo lavorando per rivedere il bando e far partire quanto prima lo straordinario e gli altri concorsi rispetto ai quali si sono svolte le necessarie informative sindacali e si sta acquisendo il parere del Consiglio superiore della Pubblica Istruzione.

Nel frattempo, nei prossimi giorni, il ministero dell’Istruzione renderà noto il contingente per le assunzioni di quest’anno che sarà autorizzato dal Ministero dell'Economia e delle Finanze e procederà poi con le nomine in ruolo, come ogni anno, e come sopra ricordato, attingendo dalle graduatorie ad esaurimento e dalle graduatorie di concorso ancora vigenti.

 

https://www.ilsole24ore.com/art/nuovo-esodo-insegnanti-centro-sud-e-nord-e-allarme-cattedre-vuote-ADhHqmb

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-120.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 120
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: I doveri

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria è in preparazione.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

 listing Il n. 123 è sula RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?). Testi da inviare da entro 31 dicembre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.