Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / «Non si strumentalizzino i poveri per fini elettorali», di Lorenzo Montanaro

«Non si strumentalizzino i poveri per fini elettorali», di Lorenzo Montanaro

creato da webmaster ultima modifica 14/06/2016 21:01
Lo dice in un secco e duro comunicato la Caritas diocesana di Torino. Il riferimento è alla battaglia per il voto del Comune. Ma in questa vigilia elettorale, il significato della nota va ben oltre i confini del capoluogo piemontese.

 

«Basta strumentalizzare i poveri: sono persone, non numeri». È un messaggio duro quello diffuso in questi giorni dalla Caritas Diocesana di Torino attraverso una nota. Poche righe, stile asciutto, ma il messaggio è chiarissimo: evitiamo di usare la situazione dei più fragili a fini elettorali.

Sotto la Mole si vivono ore convulse. La città si prepara infatti per un ballottaggio dagli esiti tutt'altro che scontati. A sfidarsi, il sindaco uscente Piero Fassino, del centrosinistra, e la giovane candidata del M5S Chiara Appendino. Al primo turno, domenica 5 giugno, Fassino è uscito in vantaggio, con il 41% delle preferenze, ma l'avversaria grillina ha incassato un ragguardevole 30%. Il risultato finale, dunque, dipenderà dalla posizione degli indecisi. E si annuncia un testa a testa, con battaglia all'ultimo voto. Il timore della Caritas è che, a fare le spese di questo scontro, siano, una volta di più, coloro che non hanno voce.

La polemica nasce da un confronto Tv andato in onda su Sky Tg24 venerdì sera. In quell'occasione proprio il tema della povertà è stato terreno di un'accesa controversia tra i due candidati.

All'intervistatore che parlava di 100.000 poveri in città, Fassino ha replicato «cifra inventata», sottolineando poi gli interventi messi in atto dalla sua giunta negli scorsi cinque anni. «Il problema non va negato, ma affrontato di petto», ha prontamente replicato la sfidante.

Che, dall'inizio della crisi, nel capoluogo piemontese come in tutta Italia, la povertà sia drasticamente aumentata è innegabile.Stime recenti della Caritas relative all'area metropolitana di Torino parlano di 200.000 persone in situazione di disagio economico (la metà delle quali in condizioni gravi). Va però anche osservato che a Torino, grazie a una fruttuosa integrazione tra istituzioni pubbliche e mondo del privato sociale, esistono strumenti di contrasto alla povertà che stanno facendo scuola (dal fondo salva-sfratti alla rete di residenze temporanee e co-housing per chi ha perso la casa). 

Ma al di là di dati e programmi politici, la Caritas guidata da Pierluigi Dovis chiede che i poveri siano trattati con rispetto. «Siamo di fronte a persone che soffrono e che vanno amate, così come cercano di fare i molti volontari che li seguono», si legge nella nota. «Stiamo parlando di persone in povertà più classica e grave, ma anche di tanti altri che sono finiti negli ultimi dieci anni in una situazione di serio impoverimento a causa della mancanza del lavoro; in particolare famiglie sottoposte a sfratto, padri e madri soli con figli a carico, immigrati precari, anziani soli e a basso reddito, giovani che non trovano occupazione, bambini che fanno le spese dei problemi economici o relazionali delle loro famiglie».

«L'impegno della Caritas e di altre realtà del privato sociale si fonda sulla concorde collaborazione anche con gli organismi istituzionali pubblici per cercare insieme di far fronte a tante necessità», conclude la nota. «Risulta, dunque, fuori luogo ogni utilizzo strumentale della questione da parte di tutti gli attori in gioco. Auspichiamo che nel dibattito vengano, invece, evidenziate le strade percorribili per incrementare la presa in carico di questi fratelli».

La Caritas diocesana si riferiva a Torino, ma la presa di posizione mantiene tutto il suo valore anche oltre i confini del capoluogo piemontese.

 

Fonte: Famiglia Cristiana del 14/06/2016

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?),  testi da inviare entro il 15 ottobre 2019.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 novembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.

 listing Il 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 15 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.