Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Non è un Paese per preti, di Alver Metalli

Non è un Paese per preti, di Alver Metalli

creato da D. — ultima modifica 17/09/2015 11:11
Il Messico si conferma per il sesto anno consecutivo come il paese più pericoloso dell’America Latina per chi indossa una tonaca

 

BUONES AIRES - L’ultimo sacerdote è stato assassinato pochi giorni fa; il corpo galleggiava in un fiume dello stato di Guerrero e presentava segni di tortura. Aveva appena 37 anni, svolgeva la sua attività pastorale nella diocesi di Ciudad Altamirano, in una delle aree più violente del Messico. Il precedente omicidio di un membro del clero messicano risale al mese di febbraio, nella località di Jilotepec, nello stato del Messico, mentre nel mese di novembre dello scorso anno sono stati assassinati due sacerdoti nello stato di Veracruz. In luglio del 2013 è stato ucciso a bastonate un altro prete nello stato di Bassa California, e sempre a colpi di bastone, a febbraio, un altro sacerdote della parrocchia di Cristo Rey, nello stato di Colima, e così via a ritroso fin al 1990, anno dell’assassinio del cardinale Posada Ocampo, per un totale di 28 sacerdoti, tre religiosi, un diacono e quattro sacrestani uccisi, registra con puntiglio l’agenzia cattolica SIAME appartenente alla diocesi di Città del Messico.

E proprio il Messico si conferma ancora una volta come il paese più pericoloso in America Latina per chi indossa una tonaca. Lo ribadisce l’unità investigativa del Centro Cattolico Multimediale con sede nella capitale, un osservatorio che punta le antenne sulla condizione del clero messicano e le difficili condizioni in cui vive.

Negli ultimi sei anni, fanno notare, i preti assassinati sono stati 6, a cui vanno aggiunti altri tre che risultano scomparsi e della cui sorte non si sa ancora nulla.

Un sessennio nero caratterizzato “dall’inerzia delle autorità e dalla mancanza di protezione dei diritti umani dei religiosi” denuncia l’organismo cattolico, “anzi, una situazione di inazione che si consolida con l’attuale governo” del presidente Peña Nieto incrementandosi di un 80 per cento rispetto allo stesso arco di tempo del governo del predecessore, Felipe Calderón.

Un “odio” quello contro i preti che non è solo di narcos e trafficanti di vario genere. Il rapporto fa notare che alla prepotenza dei gruppi criminali si aggiunge anche quella “di piccoli settori della società che approfittano della violenza e si mostrano insolenti contro i religiosi in località come Chiapas, Tabasco, Distretto federale, Puebla, Tlaxcala, Hidalgo, Stato del México, Jalisco, Nayarit, Veracruz, San Luis Potosí, Colima, Culiacán, Tabasco, Michoacán, Acapulco e Tamaulipas”.

Anche le ragioni degli attentati mortali a sacerdoti e religiosi, a cui si devono aggiungere centinaia di atti d’intimidazione che solo in piccola parte arrivano alla notorietà, sono denunciate a chiare lettere dalla Chiesa messicana: “cercano di limitare le attività della pastorale cattolica in campo sanitario ed educativo, e soprattutto impedire l’azione assistenziale- aiuto, rifugio, consolazione – a favore dei diritti umani dei migranti che transitano in territorio messicano”.

Terre d'America.

fonte: vaticaninsider.lastampa.it

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
La Vignetta, di Martina Losito

"Il bene più prezioso"

Vignetta di Martina Losito 

*Martina Losito, studentessa di ingegneria energetica presso il Politecnico di Milano.

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 124
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Pianeta che vogliamo

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  è in preparazione. 

 listing Il n. 126 è su "Il rispetto dell'identità sessuale"  (cosa intendiamo per identità sessuale? Come rispettarla nella vita quotidiana? Quali tutele politiche e giuridiche introdurre?). Tc

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). Testi da inviare entro il 28 febbraio 2022.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.