Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Noi buoni e voi cattivi, ma di chi parliamo?, di Angela Donatella Rega

Noi buoni e voi cattivi, ma di chi parliamo?, di Angela Donatella Rega

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 09/04/2022 09:24
Come risolvono, i cristiani, questo dilemma? Lascio la domanda aperta, ma mi chiedo come si faccia a conciliare una visione apparentemente confessionale dello Stato con l’evidente laicità…

Inutile dirlo. I buoni siamo noi, i cattivi sono gli altri. Un assioma di semplicissima applicazione. Potremmo chiudere qui il discorso se non ci fosse una profonda crisi di identità nella società attuale per cui, improvvisamente, siamo costretti ad impersonare i buoni dalla stessa parte che era degli altri, cioè dei cattivi, fino a poco tempo fa. Un dilemma che nasce dal revisionismo storico promosso da varie fonti, non tutte disinteressate.

Inoltre una giungla di informazioni contrastanti, in parte inconfutabili, in parte assolutamente menzognere viene talvolta anche da una stessa fonte, confondendoci e facendo di noi dei confusi followers. In pratica il più delle volte decidiamo a chi ed a cosa credere e poi seguiamo quella fonte, anche fosse traballante nelle sue garanzie, ma la seguiamo con fiducia. 

L’affiliazione fiduciosa, però, lentamente, porta ad aderire ad ipotesi molto ardite che pare vadano bene ai più, purché non si tratti di informazioni del mainstream. 

Ma il mainstream cos’è? È, secondo questa parte arguta e libera della società, in sostanza, quello che pensano gli altri, i cattivi, quelli che hanno torto o semplicemente gli stupidi, quello è il mainstream. Inutile dimostrare che ci rifletti sulle informazioni, da qualsiasi fonte provengano, gli obiettori di ciò che secondo loro è il mainstream, pensano di essere smart, di saper sempre trovare le fonti giuste da cui trarre informazioni. Ecco come noi, proprio noi, possiamo trovarci, anche non volendo, dalla parte dei cattivi e gli altri invece dalla parte dei buoni. 

In tutto questo intorbidire di acque non possiamo fare a meno di constatare, però, che chi materialmente soccombe, mentre tutti noi ci dividiamo fra pro e contro qualsiasi cosa, sono sempre i poveri o anche coloro che avrebbero bisogno di esigere il diritto al lavoro, alla salute, alla sicurezza alimentare, alla vita, o, nei regimi dittatoriali, alla libertà di parola e di opinione e alla libertà di culto. 

Poiché nessuno Stato riesce più a garantire tutti questi diritti insieme, e le strade per una sana politica sembrano essere momentaneamente precluse dagli interessi privati, sta succedendo nel popolo, sempre meno speranzoso, quello che succedeva tra gli schiavi d’America. Un affidamento alla fede, che, guarda caso, sta diventando la vera rivoluzione di questo secolo, molto anche per merito di Papa Francesco che ha lavorato e sta lavorando alacremente per la pace e per la giustizia cercando di mettere d’accordo tutti gli estremi opposti, politici e religiosi. 

Questa della pace universale appare con evidenza l’unica cosa sensata che si possa fare per salvare il pianeta con tutti i suoi abitanti. E la condanna della violenza, di qualsiasi origine e forma, sembrerebbe mettere d’accordo tutti i popoli. Ma, c’è un ma, ecco infatti comparire il fenomeno che nei periodi di fragilità della gente si riaffaccia, il classico GOTT MIT UNS. Se vi affidate a Dio, affidatevi a noi (ecco un altro “noi” che reclama ragione), perché Dio è con noi. E perché è con noi (cioè con il potente di turno)? Perché noi, dicono, combattiamo il male, non con mezzi spirituali, non con la conversione dei cuori, quella è roba da Gesù, no, noi lo facciamo con la forza, forse anche con la guerra! 

In pratica i potenti ed i politici che sbandierano l’adesione a Cristo lo fanno senza pudore, dichiarando nei fatti, bisogna dirlo, che Cristo fosse un incompetente, perché Lui non usava la forza, non il carcere, non la condanna ma il perdono e l’accoglienza, né incitava alla violenza i suoi seguaci. 

Un vero paradosso. 

Come risolvono, i cristiani, questo dilemma? Lascio la domanda aperta, ma mi chiedo come si faccia a conciliare una visione apparentemente confessionale dello Stato con l’evidente laicità e anzi, opposizione al Vangelo, delle decisioni di questi statisti che si ergono a difensori della fede. 

Invece sappiamo bene che il mondo nuovo nascerà dalla pace, lo dicevamo sopra, e sarebbe una bella idea cominciare da subito questo parto.

Converrebbe a tutti. Ma siamo ancora lontani dal capirlo. 

Azioni sul documento
  • Stampa
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.