Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Nicola Gratteri: «Le mafie hanno fiutato l'affare Covid», di Annachiara Valle

Nicola Gratteri: «Le mafie hanno fiutato l'affare Covid», di Annachiara Valle

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 11/12/2020 19:02
Per il procuratore della Repubblica di Catanzaro Nicola Gratteri la criminalità organizzata approfitterà dell’emergenza coronavirus per radicarsi nel territorio italiano. Ma se gli interessi sono ovunque, in Calabria la presenza è ancora più pervasiva…

Le mafie «hanno fiutato subito l’affare». Lo scrive nero su bianco il procuratore di Catanzaro Nicola Gratteri  che, con Antonio Nicaso, ha appena dato alle stampe Ossigeno illegale, come le mafie approfitteranno dell’emergenza Covid-19 per radicarsi nel territorio italiano . Ma se gli interessi sono ovunque, in  Calabria la presenza è ancora più pervasiva.

Procuratore, lei ha appena aperto un’inchiesta sulla gestione  dell’emergenza Covid in questa regione. Cosa sta emergendo?

«Stiamo indagando. Non posso entrare nel  merito delle indagini, posso comunque dirle che il Covid-19 finora si sta rivelando una ghiotta  occasione per le mafie, non solo in Calabria, ma anche in tante altre parti del mondo».

L’allarme era stato lanciato. Perché non si è intervenuti prima?

«Le mafie si muovono con più velocità sui territori in cui operano. Non devono fare i conti con la burocrazia o le varie divergenze politiche sulle strategie di fondo. Arrivano prima, hanno soldi da investire e, da sempre, cercano di ottenere consenso sociale, riconoscimento, legittimità. La storia delle mafie comincia proprio con il riconoscimento sociale, di cui  hanno sempre goduto. Da fenomeni di controllo sociale, nel tempo, si sono trasformate in agenzie di  servizi legali e illegali». 

Si può sottrarre la sanità dalle mani di ’ndrangheta e massoneria deviata?

«È difficile, la sanità rappresenta quasi il 70% del bilancio a disposizione delle Regioni. Chi gestisce la sanità, spesso lo fa con logiche clientelari. Le logge deviate della massoneria e la ’ndrangheta traggono molti vantaggi proprio dal clientelismo, dall’idea di tenere sotto scacco interi territori, perennemente soggetti al condizionamento, in uno stato di perenne necessità. Chi chiede, si espone. E chi ottiene, prima o poi deve sdebitarsi».

Il lunghissimo commissariamento non ha sanato le cose. Sono mancati i controlli? Ci si  può non accorgere che i farmaci oncologici acquistati a prezzi scontati dalle aziende farmaceutiche finivano rivenduti a prezzi gonfiati in Inghilterra invece che essere utilizzati sul territorio? E che dire dei doppi e tripli pagamenti per le stesse fatture?

«I commissari devono avere poteri speciali, ma soprattutto non dovrebbero scegliersi i collaboratori nelle Asp locali, come attualmente sono costretti a fare. Devono poter disporre di collaboratori al di sopra di ogni possibile condizionamento territoriale. Mi viene da dire che bisognerebbe ripartire dai banchi di scuola, per fare comprendere che quello che non è nostro, ma è  di tutti, non è di nessuno. Bisognerebbe riscoprire l’amore per il prossimo, la voglia di fare del bene per isolare chi da sempre lucra sulle sofferenze altrui. Mafia e corruzione, purtroppo, sono due facce della stessa medaglia».

Il decreto Calabria parla di un commissario con 25 consulenti delle Asl calabresi. La convince?

«La Calabria vive da oltre dieci anni una lunga, colpevole e preoccupante emergenza. Bisogna  mettere mano alla situazione, senza farsi condizionare da certi politici sciatti che perseguono un consenso ai limiti della spregiudicatezza e da faccendieri che non hanno assolutamente a cuore il  benessere dei cittadini».

C’è chi dice che bisognerebbe avere leggi speciali e militarizzazione, almeno  della parte amministrativa. Può essere una soluzione?

«Non saprei. Non amo la militarizzazione dei territori. Mi piacciono le soluzioni di buon senso. Ma una cosa è certa: i calabresi non possono continuare  a essere penalizzati da ritardi e omissioni. Se la Calabria è finita in zona rossa non è per il numero di contagi, ma perché non sono stati aggiunti posti letto ai reparti di terapia intensiva. Si è perso tempo prezioso, ora bisogna fare in fretta».

Operazione Farmabusiness e arresto del presidente della Giunta regionale. Tallini è stato il più votato nel collegio di Catanzaro pur essendo, secondo il codice etico della Commissione antimafia, incandidabile. I calabresi non hanno alternative?

«I calabresi hanno molte alternative. Ma scontano anche i ritardi di una politica che non ha alcuna intenzione di ridurre il gap tra Nord e Sud, che a oltre 150 anni non ha ancora unito l’Italia, in termini di servizi, di prospettive,  costringendo molti giovani a emigrare. Prima ancora di combattere le mafie, bisognerebbe affrancare la gente dalla paura, ma soprattutto dal bisogno».

 

https://www.famigliacristiana.it/articolo/per-le-mafie-il-virus-e-un-affare.aspx

Azioni sul documento
  • Stampa
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 121
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Resistere

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE - su come stiamo vivendo il periodo di crisi sanitaria - è stato già inviato.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? - Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? - è in preparazione.

 listing Il n. 123 è sulla RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?). Testi da inviare da entro 31 gennaio 2021.

 listing Il n. 124 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse" (1. Come la pandemia ha cambiato i processi politici? 2. Chi e Come stiamo utilizzando le risorse comunitarie? 3. Quale visione politica ispira il tutto?) Testi da inviare da entro 30 aprile 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.