Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Nichi Mucciaccia: un amico al servizio del bene comune, di Roberto Savino

Nichi Mucciaccia: un amico al servizio del bene comune, di Roberto Savino

creato da D. — ultima modifica 14/09/2015 18:34
In Nichi Muciaccia c’è un filo rosso che lega questi tre momenti...

In Nichi Muciaccia c’è un filo rosso che lega questi tre momenti.

Da un canto, il ruolo istituzionale da lui svolto come Presidente della Circoscrizione di Bari Madonnella, realizzando così il sogno di molti della democrazia di massa teorizzata da Pietro Ingrao, cioè di una democrazia capace di creare un fecondo intreccio fra forme di democrazia di base e istituti della democrazia delegata, fra partecipazione dal basso e sintesi dall’alto, unica risposta all’attuale crisi della rappresentanza politica.

Dall’altro, l’impegno di una vita come avvocato della CGIL e delle classi lavoratrici, soprattutto per l’attuazione effettiva dello Statuto dei diritti dei lavoratori e della Costituzione, che finalmente entrava nelle fabbriche.

Instancabile nella tutela della salute nei luoghi di lavoro, egli in proposito ricordava sempre con legittimo orgoglio la vertenza a favore dei lavoratori della Fibronit e custodiva gelosamente il libro bianco della CGIL con i relativi atti processuali.

Dall’altro ancora, “la lotta per il diritto”, per usare le parole di Jhering, per una riforma della giustizia che avesse al suo centro l’indispensabile collaborazione, nella reciproca autonomia, fra avvocati e magistrati, nella consapevolezza che, come diceva Calamandrei, “il segreto della giustizia sta in una sua sempre maggiore umanità, in una vicinanza umana tra avvocati e giudici nella lotta comune contro il dolore: infatti il processo, e non solo quello penale, di per sé è una pena, che giudici e avvocati devono abbreviare rendendo giustizia”.

Finalità che ha sempre perseguito, sia come segretario del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Bari, sia nella Commissione giustizia del PCI, sia nelle associazioni Diritti e poteri e Osservatorio barese sulla giustizia e nel Centro Studi di diritto del lavoro “Domenico Napoletano”.

E’ arduo condensare in una breve nota tutti gli aspetti della sua complessa personalità.

Tra i tratti più salienti, ciò che colpiva di Nichi, in primo luogo, era la sua straordinaria umanità, il suo diuturno sorriso in grado di mettere a proprio agio qualsiasi interlocutore.

Egli -come un novello Totò da lui tanto amato- aveva la capacità di individuare subito l’aspetto faceto delle  persone e delle cose, ma lo faceva con una grazia tutta sua, con un tocco lieve senza ferire mai nessuno, anzi rivolgendo spesso la sua arguzia contro se stesso.

Era uno spirito di un’irresistibile simpatia umana capace di disperdere attorno a sé ogni eventuale sentimento di odio o di invidia.

Nel rapporto con gli altri era un modello, non solo di correttezza che sarebbe poco, ma soprattutto di delicatezza e gentilezza.

In secondo luogo, l’intuito: fu il primo a credere nella candidatura a Sindaco di Bari di Michele Emiliano e poi in quella a Presidente della Regione Puglia di Nichi Vendola, e nel vasto movimento di cittadinanza attiva, che le ha sostenute, dando origine a quella che è stata definita la “Primavera pugliese”, la quale, pur con qualche contraddizione, ha certamente rappresentato un momento di svolta e di profondo rinnovamento della nostra Puglia.

In terzo luogo, la sua leggerezza pensosa, che non era frivolezza o superficiale inconsistenza, ma, come nelle Lezioni americane di Italo Calvino, capacità di sfidare la gravità, “la pesantezza, l’inerzia e l’opacità del mondo”. Come Cosimo, nel  romanzo di Calvino “Il barone rampante”, Nichi era un campione di leggerezza, che sfidava la pietrificante razionalità del reale.

Come “il barone rampante” egli sapeva vivere sugli alberi, ma a differenza di lui aveva solide radici ed appoggio  negli affetti familiari: della moglie Alba, dei suoi genitori Francesco e Idea, dei suoi gioielli Checco e Fulvio, del fratello Aldo, degli zii Fulvio e Maria a cui era legatissimo.

Come “il barone rampante” Nichi elaborò e sognò per Bari ed il suo amato multietnico quartiere Madonnella (sono parole del romanzo) “un progetto di Costituzione repubblicana con dichiarazione dei diritti degli uomini, delle donne, dei bambini, degli animali domestici e selvatici, compresi uccelli, pesci e insetti e delle piante sia d’alto fusto sia ortaggi ed erbe”.

Infine la sua generosità. Don Milani ammoniva: “Fa’ strada ai poveri senza farti strada”.

Nichi ha saputo essere fedele a questo monito, servendo i ceti più deboli e dando voce a chi non aveva voce, senza servirsene per costruire carriere professionali o politiche.

A lui si attagliano esattamente queste parole di Piero Calamandrei che sembrano scritte per l’avv. Nichi Muciaccia: “Molte altre professioni possono farsi col cervello e non col cuore, ma l’avvocato no. L’avvocato non può essere un puro logico, né un ironico scettico. L’avvocato deve essere, prima di tutto, un cuore: un altruista, uno che sappia comprendere gli altri uomini e farli vivere in sé e assumere su di sé i loro dolori, e sentire come sue le loro ambasce. E insieme bisogna che sia un ottimista, che creda nella giustizia degli uomini, e insieme nella forza della ragione, capace di farsi intendere agli uomini che devono giudicare.

L’avvocatura è una professione di comprensione, di dedizione, di carità. Nel suo cuore, l’avvocato (come il giudice) deve metter da parte i suoi dolori, per far entrare i dolori degli altri…..L’avvocatura non è una professione facile; può essere un mestiere, può essere un apostolato. Può essere un tormento ma può essere una felicità. Vita faticosa, vita combattuta: ma se uno si convince che l’unico conforto della vita così breve è quello di prodigarsi per gli altri, allora l’avvocatura è una professione invidiabile e felice.”.

Grazie Nichi per l’umanità che ci hai donato, per le infinite risate che ci ha regalato.


Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

La fatica di essere nel mondo. Lettera sul discernimento

Un po’ imitando don Milani e la sua lettera a una prof.ssa, con amici di Vicenza abbiamo scritto insieme una lettera sul discernimento e il nostro essere nel mondo. Per disponibilità copie info al 333 8465594, 0444 226530, 080 5014906 


 

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 127
(2022- Anno XVIII)

quadratino rosso Tema: La vita quotidiana

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). In preparazione.

 

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 settembre 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.