Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Negli Stati Uniti il voto sulla neutralità della rete

Negli Stati Uniti il voto sulla neutralità della rete

creato da D. — ultima modifica 18/09/2015 13:57
La Federal communications commission (Fcc) si esprime oggi su una proposta di legge del presidente della commissione Tom Wheeler per garantire la neutralità della rete

Il 26 febbraio i commissari della Federal communications commission (Fcc), l’ente che regolamenta le telecomunicazioni negli Stati Uniti, dovranno esprimersi su una proposta di legge del presidente della commissione Tom Wheeler per garantire la neutralità della rete, proposta appoggiata dal presidente Barack Obama.

Il punto più importante prevede la classificazione dei servizi di banda larga secondo il Titolo II del Communication Act del 1934, legge che regola le comunicazioni negli Stati Uniti, trasformandolo in un servizio di pubblica utilità. In questo modo vengono garantiti alla Fcc nuovi poteri sulla regolamentazione della rete.

La bozza completa non è ancora stata resa pubblica, ma sul sito della Fcc c’è una sintesi della raccomandazioni del presidente Tom Wheeler alla commissione “per conservare e proteggere internet come un luogo di innovazione e libera espressione”.

  1. La regolamentazione della rete da parte della Fcc si estende anche alla telefonia mobile, che per la prima volta sarà equiparata alla rete fissa.
  2. La Fcc dovrà dare delle regole alla rete “nell’interesse pubblico” per evitare che gli utenti, nella fruizione e produzione di contenuti, possano essere penalizzati in base all’operatore che decidono di usare.
  3. Agli operatori di banda larga sarà vietato bloccare l’accesso a contenuti, ad applicazioni o a servizi.
  4. Gli operatori di banda larga non potranno compromettere o rallentare il traffico su internet in base ai contenuti, alle applicazioni o ai servizi.
  5. Gli operatori non potranno garantire corsie preferenziali ad alcuni contenuti o servizi su internet in base a un pagamento o a un rapporto privilegiato con alcuni fornitori di contenuti.

Cos’è la neutralità della rete
Il principio secondo cui tutti i siti, i contenuti online e i servizi internet dovrebbero essere accessibili a chiunque abbia una connessione, senza corsie preferenziali per fornitori di contenuti disposti a pagare di più gli operatori telefonici.

La sua abolizione, per chi la difende, metterebbe in pericolo la rete così come la conosciamo, libera e aperta, e le possibilità di creare nuovi prodotti, servizi, applicazioni in concorrenza con le grandi aziende che possono permettersi di sottostare alle discriminazioni di prezzo imposte dagli operatori. Chi invece si oppone a questo principio si appella al libero mercato e al diritto di pagare di più per ottenere una qualità migliore dei servizi.

fonte: www.internazionale.it, 25.02.2015

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 122
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Tutti pazzi per i sociale?

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 123 è sulla RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?): in preparazione.

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo (1. Che rapporto c'è tra la pandemia e la situazione ambientale? 2. Nuove politiche industriali e del lavoro e impatto sull'ambiente? 3. Cosa cambiare negli stili di vita? 4. Quale il contributo delle religioni?) Testi da inviare da entro 31 maggio 2021.

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  Testi da inviare da entro 31 agosto 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.