Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Nazionalismo vs globalizzazione. La politica non è morta, di Corrado Ocone

Nazionalismo vs globalizzazione. La politica non è morta, di Corrado Ocone

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 03/09/2019 09:54
Si è creata una reazione, anche confusa e contraddittoria, ai processi di globalizzazione e alle élite transnazionali che l’avevano promossa. Quale sarà la nuova sintesi sociale, e conseguentemente politica, che emergerà da questo scontro fra tendenze diverse e confliggenti?...

Uno dei motivi che ha permesso alla civiltà occidentale di dominare il mondo in età moderna è stato senza dubbio la presenza in essa di una diffusa e dinamica classe media. La borghesia, come già aveva sottolineato Marx, è classe rivoluzionaria per eccellenza: con il suo attivismo, la sua intraprendenza, la volontà di oltrepassare le frontiere pratiche e morali della nostra esistenza, muta di continuo non solo i rapporti sociali ma la faccia del mondo.

Uno dei fattori per cui il marxismo è fallito è nel fatto che la previsione sulla progressiva “proletatarizzazione” del ceto medio si è dimostrata errata. Lungi dal mostrare in questo modo le sue contraddizioni, come voleva la dottrina, il capitalismo ha mostrato invece di saper allargare sempre più l’area della borghesia agli stessi proletari.

Nell’ultimo dopoguerra, il motore dello sviluppo occidentale sono stati i consumi, anche voluttuari, alla portata di tutti. Ora, a tutta evidenza, sembra che proprio questo meccanismo, almeno in Occidente, si sia negli ultimi anni interrotto. La classe media è sempre più in difficoltà e il numero dei “nuovi poveri”, di chi a fatica riesce a raggiungere la fine del mese, cresce secondo le statistiche, e direi anche a vista d’occhio.

Ma prima e oltre che economica, la frattura sembra esistenziale: il mondo si divide sempre più fra chi è dentro (insider) e chi è restato fuori (outsider), fra chi domina i meccanismi della vita tardo-moderna e chi invece è digitalmente e praticamente analfabeta, fra chi cade sempre in piedi e chi non riesce ad agguantare gli strumenti indispensabili ad entrare nel “cerchio magico” dei vincenti.

Detto in poche parole, si è spezzata la mobilità sociale e la meritocrazia è tornata ad essere subordinata al censo e alle condizioni di nascita. La divisione, in una parola, è fra “élite” e “popolo”. E si riflette, da qualche anno, in politica, con l’emergere di forze “populiste” e “sovraniste” che contrastano la sbandierata distanza dalla massa e il carattere sostanzialmente apolide delle classi dirigenti. Ed è ovviamente una lotta fra due élite, di cui una però vuole essere portatrice degli interessi e dei valori dell’ “uomo comune” e spesso “dimenticato”, mentre l’altra crede che quegli interessi e valori debbano essere emendati e corretti ispirandosi a principi ritenuti superiori perché puramente razionali.

In sostanza, si è creata una reazione, anche confusa e contraddittoria, ai processi di globalizzazione e alle élite transnazionali che l’avevano promossa. Quale sarà la nuova sintesi sociale, e conseguentemente politica, che emergerà da questo scontro fra tendenze diverse e confliggenti? 

La èlite del futuro sarà ancora quella tendenzialmente liberale e meritocratica che ha dominato il mondo occidentale, o se ne prospettano di altre e diverse? Si creeranno meccanismi di redistribuzione del potere e delle ricchezze, o si andrà sempre più verso la polarizzazione degli estremi?

Intanto, bisogna fare a mio avviso una considerazione. Le élite “liberali” sono in crisi non tanto a cagione dell’apparizione di forze non liberali sulla scena del mondo, quanto soprattutto per il fatto che esse hanno in qualche modo tradito il “liberalismo”. L’aggressione ad esso si è mossa, superggiù a partire dagli anni Settanta e Ottanta del secolo scorso, lungo due direttrici: una potremmo dire “di sinistra”, con il predominio di una visione astratta dell’etica e del diritto che ha preso corpo e forma nel cosiddetto “politicamente corretto”; l’altra “di destra”, con la riduzione del liberalismo al momento individualistico dello scambio sui mercati dell’economia e della vita.

Ad un certo punto, la globalizzazione si è presentata attraverso la convergenza di queste due spinte, entrambi fortemente disciplinanti ed entrambi tendenti a neutralizzare il conflitto, cioè fare a meno della politica. Tutt’altra cosa dal liberalismo classico, che invece ha sempre guardato il potere in faccia e non si è mai proposto di mettere in scacco la sua forza e cogenza se non contrapponendo ad esso altri e diversi poteri che lo limitassero e controllassero. 

A mio avviso proprio questa necessità di tornare alla politica, e al liberalismo correttamente inteso, è segnalata dall’irrompere odierno delle forze antisistema. Le quali non sono il problema, ma un effetto di esso. Proprio sulla speranza che, in nuove e forse inimmaginabili forme, si torni a fare politica si gioca però la possibilità che il futuro conservi marcati tratti di libertà e umanità. Chiudersi a riccio e contrastare il nuovo che ancora non capiamo potrebbe essere fatale.

https://formiche.net/2019/08/nazionalismo-vs-globalizzazione-la-politica-non-morta-futuro-ocone/

Azioni sul documento
  • Stampa
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?), in preparazione.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 dicembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.

 listing Il 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 15 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.