Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Minori scomparsi: «Al Governo chiediamo accoglienza e integrazione», di Fulvia Degl'Innocenti

Minori scomparsi: «Al Governo chiediamo accoglienza e integrazione», di Fulvia Degl'Innocenti

creato da webmaster ultima modifica 03/05/2016 12:38
Parla Andrea Iacomini, portavoce Unicef Italia. «18.000 i ragazzi migranti senza una famiglia che arrivano sulle nostre coste: di 2.000 di loro perdiamo completamente le tracce. Il loro destino: la prostituzione, lo sfruttamento e lo spaccio di droga».

 

L’arrivo massiccio di immigrati in Europa (400.000 presenze nel 2015 secondo Europol, la struttura che coordina le polizie europee) porta con sé un dramma nel dramma: la presenza dei cosiddetti minori non accompagnati, ragazzi quasi sempre di sesso maschile sotto i 18 anni, in larga parte sotto i 14, che sono a rischio dispersione.« Lo scorso anno«, dichiara Andrea Iacomini, portavoce Unicef Italia, «sono stati 18.000 in Italia i minori non accompagnati. Di 6.000 abbiamo perso le tracce; molti sappiamo che poi in un secondo momento si sono ricongiunti con i familiari, ma 2.000 sono letteralmente scomparsi, finiti in situazioni estreme, come lo sfruttamento della prostituzione, lo spaccio di droga o vittime del caporalato nei campi.

La malavita ha da tempo capito che il business dei migranti è più redditizio di quello della droga, non mancano i casi in cui i ragazzi arrivano già dai Paesi di origine già con un indirizzo in tasca di persone che li avvieranno alla prostituzione. Clamoroso è il caso che abbiamo denunciato circa un mese fa relativo alla situazione dei baby prostituti alla stazione termini di Roma».

I dati, seppur allarmanti, sono sicuramente sottostimati, perché si riferiscono solo a quei ragazzi giunti con i barconi e soggetti quindi a una prima identificazione. I paesi da cui maggiormente provengono sono Eritrea, Somalia, Nigeria, Siria, ma anche Egitto.

Mentre nelle rotte via terra la dispersione è molto alta. In genere appena sbarcati si procede con un riconoscimento e una collocazione nei centri di prima accoglienza, da dove poi i ragazzi sono destinati ad altri centri più specifici, come le comunità.

«Ma un ragazzo se nelle prime 72 ore dal suo arrivo si ritrova in una situazione precaria», continua Iacomini, «che avverte ancora come pericolosa, tende a fuggire. Secondo noi si deve prospettare loro sin da subito un modello di integrazione, devono essere seguiti da un tutor che si faccia carico del loro iter. Quello che noi chiediamo con forza al Governo italiano è un monitoraggio dei centri, standard minimi di accoglienza e integrazione. E all’Europa chiediamo di far entrare nell’agenda della discussione questo tema. Che non riguarda solo l’Italia, ma anche la Grecia, la Francia. Tutti i Paesi europei hanno firmato la Convenzione Onu del 1989 sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. Questo significa che questi minori devono avere un percorso simile ai nostri bambini, ovvero devono essere potetti, curati, scolarizzati. E va fatto con la massima urgenza, anche perché i trend dei flussi sono in aumento, e con essi anche il numero dei minori non accompagnati».

02/05/2016

Fonte: Famiglia Cristiana.it

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-120.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 120
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: I doveri

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria è in preparazione.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

 listing Il n. 123 è sula RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?). Testi da inviare da entro 31 dicembre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.