Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Migranti, Padre Zanotelli: “Basta stragi. Ci stiamo comportando da nazisti”, di Alessandra Fabbretti

Migranti, Padre Zanotelli: “Basta stragi. Ci stiamo comportando da nazisti”, di Alessandra Fabbretti

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 26/03/2021 18:10
Gravi le accuse del missionario comboniano: "L'Italia finanzia la Guardia costiera libica che tortura, violenta, uccide in nome dell'Italia. E chi tenta di scappare muore”…

Si stimano 60.000 migranti morti nel Mediterraneo ma ormai potremmo aver raggiunto le 100.000 vittime. Il Mare nostrum è diventato ormai un mare nero. Siamo davanti a un fenomeno estremamente grave e un giorno saremo portati davanti ai tribunali internazionali perché ci stiamo comportando come i nazisti“. 

Così ha denunciato Padre Alex Zanotelli, missionario comboniano molto impegnato in difesa dei migranti, intervenendo alla conferenza stampa online di presentazione dell’iniziativa Fame e Sete di Giustizia – Digiuno di solidarietà con i migranti, organizzata da lCantiere casa comune. Il digiuno si osserverà tutti i giorni a partire dalla Settimana santa di lunedì 29 marzo, davanti al Parlamento.

Zanotelli ha continuato: “Ci sono 80 milioni di rifugiati riconosciuti dalle Nazioni Unite che bussano alle nostre porte: Europa, Stati Uniti, Australia, ai Paesi ricchi insomma. Perché i migranti sono frutto di un sistema profondamente ingiusto che permette al 10% della popolazione di consumare il 90% dei beni del pianeta“.

Il missionario ricorda che “questi disperati bussano anche alle porte dell’Italia e l’Italia è parte dell’Unione europea che dei migranti non ne vuole sapere. E così è assurdo che l’Italia esternalizzi le frontiere facendo accordi con Paesi terzi. Ieri il ministro Di Maio a Tripoli ha detto che in Libia non arrivano più armi grazie all’operazione Irini. Ma è una bugia: arrivano eccome. E non ha fatto neanche menzione dei lager dei migranti: l’Italia finanzia la Guardia costiera libica che tortura, violenta, uccide in nome dell’Italia. E chi tenta di scappare muore”.

Il cardinale Franco Montenegro, arcivescovo di Agrigento parla di “Mediterraneo” come “cimitero liquido” anche , che avverte: “In Italia, se abbandono un cane per strada, rischio delle multe, ma se lascio uomini in mare e muoiono non mi succede nulla. Nessuno risponde per quello che succede”. Ma se i migranti vengono “è perché hanno fame, vengono a riprendersi ciò che noi paesi civili abbiamo tolto. Neanche nella Chiesa i migranti trovano posto, ad esempio tra le preghiere dei fedeli, a messa. Cristo - continua l’arcivescovo - arriva su questi barconi e noi non lo vediamo”.

A testimoniare il dramma delle migrazioni c’è Blessing Okoedion, presidente dell’Associazione Weavers of hope: “Prima di venire in Italia, nel 2013, ero già laureata e come molti tendevo a pensare che chi subiva la tratta era chi voleva fare i soldi in modo facile. Poi capitò a me, e vissi due drammi: il dolore delle violenze e il dolore di non essere ascoltata, creduta”. Così oggi Okoedion ringrazia “chi in Italia mi accolse, aiutandomi. Non potrò mai cancellare quello che mi è successo, ma ora posso essere protagonista della mia storia, aiutando altre donne a uscire dalla prostituzione. Non dimentichiamoci però - chiede la presidente di Weavers of hope - che se non ci fosse la domanda, non ci sarebbe l’offerta della prostituzione”.

Anche Marco Omizzolo, sociologo di Eurispes e presidente di Tempi moderni, denuncia che in Italia “gli immigrati sono ancora si schiavizzano, anche a 70 km da Roma”. Omizzolo, che ha vissuto e lavorato per oltre un anno e mezzo coi braccianti nell’Agropontino per documentare il fenomeno del caporalato, denuncia “trafficanti, aguzzini e padrini” che hanno legami “con le mafie” e che “picchiano, insultano, minacciano” i lavoratori. Ma “i maggiori produttori di frutta e verdura europei non hanno scrupoli a collaborare con queste aziende”. 

Di recente, ha denunciato ancora il sociologo, “una ragazza indiana mi ha raccontato di essere stata multata dal padrone solo perché sorpresa a parlare nella sua lingua mentre lavorava. Ciò significa che quella giornata non le verrà pagata. Mi ha chiesto come sia possibile permettere questo, quando quello stesso padrone poi, quando ne ha voglia, la fa salire nella sua auto per abusare sessualmente di lei”.

Infine Sonny Olumati, coreografo, ballerino e attivista del movimento Italiani senza cittadinanza, chiama in causa le responsabilità dei media: “Capita che i giornalisti mi definiscano ‘immigrato nigeriano’ quando basterebbe dire ‘ragazzo italiano’. Il fatto di avere o no la cittadinanza è una questione legale. Ma sebbene noi subiamo razzismo ogni giorno - conclude - le sofferenze patite dagli immigrati sono inimmaginabili e non possiamo essere paragonati a loro: ecco perché è urgente che i media invertano la narrazione”.

https://www.dire.it/26-03-2021/615703-migranti-padre-zanotelli-basta-stragi-ci-stiamo-comportando-da-nazisti/

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 122
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Tutti pazzi per i sociale?

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? -  è in spedizione.

 

 listing Il n. 123 è sulla RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?): in preparazione.

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo (1. Che rapporto c'è tra la pandemia e la situazione ambientale? 2. Nuove politiche industriali e del lavoro e impatto sull'ambiente? 3. Cosa cambiare negli stili di vita? 4. Quale il contributo delle religioni?) Testi da inviare da entro 31 maggio 2021.

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse" (1. Come la pandemia ha cambiato i processi politici? 2. Cosa cambia nella partecipazione dei cittadini? 3. E' democratico questo processo? 4. Quale visione politica ispira il tutto?) Testi da inviare da entro 31 luglio 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.