Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / «Mi chiamano suor sardina? Facciano quel che vogliono, io resto suor Giuliana», di Lorenzo Montanaro

«Mi chiamano suor sardina? Facciano quel che vogliono, io resto suor Giuliana», di Lorenzo Montanaro

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 22/11/2019 07:50
Parla la suora del Cottolengo che ha dedicato la sua vita agli ultimi e ai malati e che simpatizza per i giovani del movimento: «Scorgo in loro virtù evangeliche come la mitezza e il desiderio di giustizia»…

Andrà anche lei in piazza con le “sardine” «perché testimoniano valori, come la mitezza e il desiderio di giustizia, che sono scritti nel Vangelo». Agli insulti che l’hanno presa di mira risponde con serenità. E con una risata: «Ma la faccina bersagliata su Facebook non sono mica io». 

Suor Giuliana Galli, figura ben nota a Torino e non solo, da sempre a fianco degli ultimi, è una religiosa del Cottolengo, nonché fondatrice dell’associazione Mamre che promuove numerosi progetti solidali. 

Si è anche occupata di finanza: è stata vicepresidente della Compagnia di San Paolo. Nelle ultime ore ha dichiarato pubblicamente la sua simpatia per il movimento delle “sardine” nato in Emilia Romagna, etichettato come “anti-Salvini”.

Per anni l’hanno fatta arrabbiare chiamandola “suor banca”. Ora le dicono “suor Sardina”. Questo la offende?

Sorride. «Dicano un po’ quello che vogliono… ma io sono e rimango suor Giuliana».

 Se ci sarà il flash-mob a Torino, lei ci andrà?

«Direi di . Se potrò, andrò anch’io in piazza».

Perché le piacciono le “sardine”?

«Perché in questa espressione vedo una volontà di pulizia nelle parole e negli atteggiamenti. Non è un andare contro qualcuno personalmente, però è sottolineare la propria alterità rispetto a chi offende, a chi usa il sarcasmo per denigrare l’altro o cancellarne le ragioni. Lo sappiano o no gli organizzatori, in questo movimento io scorgo delle virtù evangeliche, come la mitezza e il desiderio di giustizia».

Dicono che chi scende in piazza lo fa contro Salvini…

«L’ho detto e lo ripeto: non è un andare contro qualcuno. E’ invece l’espressione di un desiderio di armonia e di pacificazione».

Non ha timore che il movimento venga strumentalizzato?

«Qualsiasi idea può essere strumentalizzata. Un bisturi possiamo usarlo per operare un tumore oppure per fare del male: dipende da noi. E questo non può essere una scusa per chiuderci nell’immobilismo».

Già, ma come tradurre lo slancio iniziale in azioni concrete?

«Questo sarà il tema a seguire. Per il momento mi sembra importante che la popolazione non allineata su modi brutali e irrispettosi si faccia vedere e sentire, si guardi negli occhi, in modo bello e spontaneo».

Qualcuno le rimprovera di voler far politica…

«C’è differenza tra scelta partitica e scelta politica. Quando Paolo di Tarso chiamava in causa la sua cittadinanza romana, non faceva forse politica? E papa Francesco quando si occupa degli ultimi… e con lui i vescovi che stanno accanto ai poveri, come monsignor Zuppi a Bologna o monsignor Nosiglia a Torino… tutte queste persone non fanno scelte politiche? Io penso di sì, perché la politica, nella sua accezione più alta, è qualcosa di grande, è un’esperienza di servizio. Questo movimento non ha, almeno per ora, una connotazione partitica, ma di sicuro è politico».

Ha affidato a Facebook la sua simpatia verso le “sardine” e in poche ore c’è stato un diluvio di commenti. Molti la sostengono, ma ha ricevuto anche offese e insulti pesantissimi. Che cosa risponde?

«Il più delle volte chi mi insulta non sa neppure chi io sia. Tirano schiaffi contro qualcuno che non conoscono. Già (ride) non sono io quella faccina bersagliata su Facebook».

 

https://www.famigliacristiana.it/articolo/mi-chiamano-suor-sardina-facciano-quel-che-vogliono-io-resto-suor-giuliana.aspx

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
La Vignetta, di Martina Losito

"Il bene più prezioso"

Vignetta di Martina Losito 

*Martina Losito, studentessa di ingegneria energetica presso il Politecnico di Milano.

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 124
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Pianeta che vogliamo

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo è in distribuzione.

 

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  Testi da inviare da entro 31 agosto 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.