Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Metodo Regeni, di Ugo Tramballi

Metodo Regeni, di Ugo Tramballi

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 30/09/2019 08:48
Chiunque manifesti contro il dittatore e i suoi generali violenti e corrotti, è automaticamente un terrorista. Per chiarirci, quello applicato con gli oppositori è il Metodo Regeni che scomparve, fu torturato per una settimana, ammazzato e abbandonato sul ciglio di una strada...

Notizie più importanti richiedono l’attenzione internazionale. Una di queste è la richiesta d’impeachment contro Donald Trump che anche i democratici giustamente più riluttanti hanno deciso di sostenere: giustamente riluttanti perché negli unici due precedenti (Andrew Johnson 1868, Bill Clinton 1998) l’incriminazione ha portato politicamente fortuna a chi l’ha subita.

Ma se verrà dimostrato, ciò che Trump avrebbe commesso è imperdonabile: avere preteso dal presidente ucraino l’apertura di un’inchiesta per frode contro il figlio del candidato democratico Joe Biden, bloccando gli aiuti militari a Kiev già stabiliti dal Congresso. Riuscendo così a colpire l’avversario presidenziale americano, facendo contemporaneamente un favore al principale promotore della vittoria di Trump nel 2016: Vladimir Putin.

Tuttavia questo blog è dedicato al coraggio delle poche migliaia di egiziani che la settimana scorsa sono scesi in strada in diverse città del paese, per protestare contro la corruzione e la repressione del regime di Abdel Fattah al-Sisi. Al Cairo, piazza Tahrir è diventata un fortilizio dominato da una gigantesca bandiera egiziana, percorso dal traffico incredibilmente più ordinato della città e presidiato dai militari. Eppure anche lì alcune centinaia di giovani – studenti e giornalisti, dicono le scarne cronache – sono riusciti a organizzare una protesta, prima che le cosiddette forze dell’ordine arrivassero a fermare tutto.

Solo al Cairo si parla di 350 arresti, 1472 contando anche il resto del paese. In Egitto quando si dice fermo o arresto, s’intende molto spesso sparizione, tortura, detenzione illimitata, condanna a vita o a morte per terrorismo. Chiunque manifesti contro il dittatore e i suoi generali violenti e corrotti, è automaticamente un terrorista. Per chiarirci, quello applicato con gli oppositori è il Metodo Regeni che scomparve, fu torturato per una settimana, ammazzato e abbandonato sul ciglio di una strada. Giulio non era un dissidente ed era straniero: immaginatevi cosa il regime fa ai suoi cittadini.

Per trovare il coraggio di tornare a manifestare ci devono essere motivazioni forti. Non credo che l’Egitto voglia tornare ai convulsi giorni di piazza Tahrir. L’ambiziosa, velleitaria e pericolosa incapacità dei Fratelli musulmani di governare; l’instabilità, la violenza, l’improvvisa mancanza di benzina e di altri beni essenziali, organizzate dagli stessi militari che poi avrebbero riportato l’ordine con un golpe sanguinoso, sono ancora chiari nella memoria della gente. Però, come diceva lo scrittore Ala al-Aswani, gli egiziani sono come il cammello: sopportano tutto ma quando si arrabbiano, mordono.

Colpisce che nei giorni passati il ministero degli Esteri egiziano abbia annunciato un accordo di collaborazione con un’università inglese. In un primo tempo era stata diffusa la notizia che l’accademia interessata fosse addirittura l’LSE, la London School of Economics and Political Science. Ho sentito una fitta al cuore, anche perché è l’Università dove ha studiato uno dei miei figli che ha la barba come l’aveva Giulio, quando parla gesticola come lui e ha la sua stessa insana passione per il Medio Oriente.

La notizia è stata subito smentita dagli interessati: “LSE is not opening a branch in Egypt”.  Punto. Ma un altro ateneo ha firmato un accordo con il governo egiziano: è la meno autorevole University of London. La fitta al cuore mi è venuta ugualmente. Per cominciare perché Giulio era un ricercatore di Cambridge: un’incauta docente gli aveva affidato una ricerca politicamente sensibile. L’assassino di Giulio non è lei ma il regime di al-Sisi. Tuttavia mi sarei aspettato che l’Accademia inglese nel suo insieme mantenesse in qualche modo la memoria di Giulio.

Non sono mai stato un sostenitore del boicottaggio contro l’Egitto. L’Eni e le tante aziende italiane che operano in quel paese danno lavoro a molti egiziani e molti italiani, contribuendo al nostro Pil. Se l’Eni rinunciasse al gigantesco campo petrolifero di Zohr – che ha scoperto – tutte le imprese energetiche del mondo sarebbero felici di prenderne il posto: anche quelle degli amici inglesi.

Ma l’Università è un’altra cosa. In un paese dove è vietato pensare se non come vuole il regime, a cosa serve insegnare il libero arbitrio che è alla base di ogni materia? Credo che nemmeno la University of London desideri produrre giovani carcerati. L’accordo fatto con questo ateneo rientra in un progetto egiziano più ambizioso. Nella Nuova Capitale Amministrativa che il faraone sta costruendo vicino al Cairo, la European University egiziana vuole aprire facoltà francesi, ungheresi, svedesi perché l’Egitto “ha la potenzialità per attrarre i grandi centri del sapere”. Nel progetto ne è prevista anche una italiana. Chissà se la chiameranno Università Giulio Regeni.

 

https://www.ispionline.it/it/pubblicazione/metodo-regeni-24044

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
Prossimi eventi
Educare a custodirsi come Missione 19/10/2019 17:00 - 21:30 — Castellana Grotte
Ritiro spirituale sul potere 20/10/2019 10:00 - 18:00 — Massafra (Ta)
III Forum di Etica Civile, Verso un patto tra generazioni: un presente giusto per tutti 16/11/2019 - 17/11/2019 — Firenze
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

e ancora...

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?),  testi da inviare entro il 15 ottobre 2019.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 novembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.