Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Mattarella, il richiamo alla dignità, Massimo Franco

Mattarella, il richiamo alla dignità, Massimo Franco

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 04/02/2022 10:12
La ripetizione con convinzione della parola «dignità» ha punteggiato il suo discorso quasi più degli applausi ricevuti. Eppure il presidente non ha mai sorriso…

Sergio Mattarella ha steso una grande tenda protettiva sul Paese e le sue istituzioni. Nella sua visione, deve contenere tutti. E deve fare in modo non solo che tutti ci si trovino bene, ma che la riconoscano come propria e ne rispettino i valori con un senso di responsabilità doveroso nei confronti di un’Italia in sofferenza. Le sue parole di pacificazione nazionale hanno, per paradosso, toccato «anche» la politica. Ma si sono proiettate oltre, con una visione fortemente impregnata di valori morali. Quel Parlamento che ha ritrovato una funzione e una dignità ricorrendo in extremis al capo dello Stato uscente, spingendolo, quasi costringendolo a rimanere al Quirinale, lo ha accolto con applausi liberatori.

Era come se quei «grandi elettori» uscissero dall’incubo di una delegittimazione che le trattative maldestre di molti capi partito su chi dovesse succedergli avevano avviato verso un vicolo cieco. È stata questa prospettiva sciagurata a indurre Mattarella a dire sì a una reinvestitura che sperava di avere scansato, dopo essere passato indenne, di più, vittorioso da un settennato a dir poco difficile.

Lo ha detto subito, che accettava di caricarsi sulle spalle il peso del secondo mandato perché temeva tensioni e incertezze prolungate in modo pericoloso: tanto da poter compromettere le risorse decisive e ingenti che l’Europa ha messo a disposizione dell’Italia.

Evidentemente, la situazione negli ultimi giorni della scorsa settimana si stava avvitando in maniera imprevedibile. Poteva aprire la strada a lacerazioni politiche delle quali le tensioni seguite alla sua elezione sono conferme a posteriori. Mattarella e l’anomalia di un secondo settennato suonano come una sorta di punto fermo, di garanzia di stabilità e di antidoto contro le tentazioni di nuovi salti nel buio. 

Ma nelle parole pronunciate davanti al Parlamento in seduta comune non ci sono state concessioni alla «piazza» dell’antipolitica. L’insistenza sulla centralità delle Camere, la sottolineatura del ruolo fondamentale dei corpi intermedi, perfino le critiche alle logiche di appartenenza di una parte della magistratura sono sottolineature di una ortodossia costituzionale e democratica rassicuranti.

Il pantheon di Mattarella è prevedibile nella sua idea di unità, di compattezza, di rigore, e insieme di distinzione e rispetto delle competenze di ogni istituzione. Nella sua ottica la prevedibilità è una forza, una risorsa dell’Italia, e non un limite. Il compito che continua ad assegnarsi, senza neanche un solo accenno alle suggestioni di un mandato a tempo, accarezzate strumentalmente da alcuni, è di accompagnare l’Italia alla normalità. Una normalità costruita non sugli stereotipi e sulle scorciatoie, ma sulla consapevolezza dei punti deboli; e sulla determinazione a superare disuguaglianze date troppo ipocritamente per scontate e dunque «fisiologiche». 

Per lui, la vera modernità deve essere questa. La ripetizione con convinzione della parola «dignità» ha punteggiato il suo discorso quasi più degli applausi ricevuti.

Il valore e l’eccezionalità del governo di Mario Draghi, con una maggioranza così larga, che contribuisce a garantire i rapporti con i «Paesi amici» e accentua il peso e la credibilità dell’Italia all’estero; l’esigenza di rimanere nel gruppo di testa europeo e ottenere che la svolta solidale dell’Ue diventi irreversibile; l’obiettivo di scoraggiare le «esibizioni di forza» a livello internazionale e di evitare l’ipoteca dei poteri economici sovranazionali che aggirano le democrazie: sono tutti punti fermi che il presidente della Repubblica allinea, spiega e addita alla riflessione di chi lo ha eletto e di chi lo riconosce come punto di riferimento.

Non si può non rilevare che Mattarella non ha sorriso mai: come se sapesse che la sua tenda simbolica sarà sottoposta nei prossimi mesi e anni a tensioni forti, perfino a tentativi di strappo. Il capo dello Stato sembra rendersi perfettamente conto che l’entusiasmo raccolto nell’immediato presto dovrà confrontarsi con i problemi sociali, con un malessere esasperato dalle sacche di povertà e gonfiato dalle tentazioni di strumentalizzarlo a fini politici. 

I fantasmi del razzismo e dell’antisemitismo, le pulsioni populiste sono in ritirata ma non sconfitti. Culturalmente, basta registrare la violenza sulle donne per comprendere quanto una convivenza e un’uguaglianza che cominciano nelle famiglie e nella società siano tuttora non scontati.

In più, i prossimi mesi preannunciano una campagna elettorale dura, e una riscrittura della geografia politica che può scuotere una stabilità offerta nell’ultimo anno dai due garanti Mattarella e Draghi; ma tutta da verificare, perché i lividi lasciati dalle votazioni dei giorni scorsi sono ancora ben visibili. Gli applausi ripetuti del Parlamento a Mattarella non possono essere ritenuti sufficienti a cancellarli. Già in passato si è assistito a un’approvazione corale, trasversale, delle parole di un capo dello Stato, contraddetta nello spazio di pochi mesi da comportamenti opposti. C’è da sperare che stavolta vada diversamente.

 https://www.corriere.it/opinioni/22_febbraio_03/mattarella-richiamo-dignita-f32b95ea-8533-11ec-93b4-bc4dd8ecb5d9.shtml

Azioni sul documento
  • Stampa
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Prossimi eventi
Il voto politico tra astensione e progetti 03/09/2022 16:00 - 20:00 — Sala Bice Leddomade, via Sanges 11/A, Cassano delle Murge (BA)
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.