Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Mattarella, i doveri di un Presidente, di Elisa Chiari

Mattarella, i doveri di un Presidente, di Elisa Chiari

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 04/02/2021 10:11
La dichiarazione del presidente della Repubblica che spiega le proprie decisioni a seguito dell'esito negativo del mandato esplorativo assegnato al presidente Roberto Fico. Un po' discorso alla Nazione, un po' tirata d'orecchie alla politica con due concetti ricorrenti: il "dovere" e la necessità di fare presto...

Formalmente, le parole che ha pronunciato il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, al termine del mandato esplorativo affidato al presidente della Camera Roberto Fico, sono una “dichiarazione”, rivolta alle Camere, che in conclusione Mattarella muta in un appello «a tutte le forze politiche presenti in Parlamento, perché conferiscano la fiducia a un Governo di alto profilo, che non debba identificarsi con alcuna formula politica».

Nell’aplomb consueto, la voce tradisce un filo di tensione: anche da quello si capisce che quelle 735 parole sono anche un discorso alla Nazione. Nello stile di Sergio Mattarella: frasi brevissime, due/tre righe al massimo intervallate da punti fermi, al limite i due punti a sottolineare un’esigenza chiarificatrice. Nessuna parola difficile, nessuna involuzione, quasi zero subordinate: farsi capire prima di tutto. Colpisce, in questa dichiarazione, il ricorrere della parola “dovere”, presa in prima persona su di sé: premesso che «Dalle consultazioni al Quirinale era emersa, come unica possibilità di governo a base politica, quella della maggioranza che sosteneva il Governo precedente».

Dopo avere dato conto dell’esito negativo della verifica, il Presidente ha descritto il bivio davanti a sé: nuovo Governo adeguato alle emergenze presenti «sanitaria, sociale, economica, finaziaria». Oppure elezioni anticipate. Entrambe le opzioni sono presentate con il requisito dell’immediatezza. «Questa seconda strada (le elezioni ndr)», sottolinea Mattarella, «va attentamente considerata, perché le elezioni rappresentano un esercizio di democrazia».

È qui però che il presidente comincia quella sequenza insistita di «ho il dovere», alternato di «va considerata», «devono», «va presentato» etc. dove quel «va» usato come ausiliare davanti al participio passato vale un «si deve» e indica ancora una volta giustappunto il dovere: è una strada quella che indica il presidente, tracciata dallo stato di necessità e dal bisogno di fare presto e di non perdere tempo in un’emergenza, quella pandemica con le sue conseguenze sanitarie, sociali economiche, che richiede tempestività e concretezza di decisioni. 

Non a caso il fattore tempo è il secondo elemento ricorrente del discorso, assieme a quello del dovere di cui il presidente indica però di assumersi la responsabilità ogni volta che pronuncia in prima persona quella formula: «ho il dovere», «avverto il dovere», che sembra indicare l’esatto contrario dell’intenzione di nascondersi dietro quello stato di necessità. 

«Immediatamente», «immediate», «tempestivi», «data di scadenza», «tempestivamente» sono parole che ricorrono nel breve testo con l’insistenza di un orologio che corre e che lo convincono a convocare con urgenza Mario Draghi al Quirinale. L’esigenza di portare avanti la campagna di vaccinazione, di rispondere alle scadenze per l’ottenimento dei fondi europei per far fronte alla crisi economica e alla crisi del lavoro che dal 31 marzo, allo scadere del blocco dei licenziamenti, spiega il presidente, è una sfida incompatibile con una classe politica in campagna elettorale e con un Governo non nel pieno delle funzioni. 

Non c’è tempo, ripete il presidente.

Non dice, ma fa capire, che considera irresponsabile il temporeggiare in questioni di poco momento mentre l’emergenza incombe, se non è una tirata d’orecchie alla politica, è solo per il garbo che ne mitiga la forma. E quando esplora in pubblico l’eventualità di elezioni anticipate, Mattarella trova il tempo in dieci righe di far riemergere il suo primo lavoro di professore di diritto parlamentare: con grande agilità e semplicità scandisce, spiegando soprattutto agli italiani perché si presume che la politica le conosca, le scadenze imposte dal calendario delle istituzioni, dimostrando che i tempi tecnici per la formazione di un nuovo Governo in uscita dalla tornata elettorale richiederebbero quattro/cinque mesi di Governo senza pienezza delle funzioni. Mentre non aspettano né il virus che ascolta solo i propri tempi dettati dalla natura, né i fondi europei, che hanno scadenze tassative, che precedono di parecchio quei quattro-cinque mesi.

Non è il primo momento critico che Sergio Mattarella affronta da presidente: lo sono stati certo la formazione accidentata e lunga del primo governo Conte sostenuto da Lega e M5S; lo è stato nella primavera del 2019 l’emergere dello scandalo del caso Palamara e della conseguente crisi di credibilità della magistratura e del Consiglio superiore di cui il presidente della Repubblica è presidente; lo è questo momento in cui la politica non ha trovato la strada per risolvere una crisi di Governo nel pieno della più grave emergenza mondiale che la storia della Repubblica ricordi. Lo stile di Mattarella resta però sempre lo stesso: spiegazioni chiare, frasi brevi, e consapevolezza del perimetro in cui può muoversi il ruolo, che i costituzionalisti chiamano «a fisarmonica», che la Carta gli assegna.

https://www.famigliacristiana.it/articolo/mattarella-i-doveri-di-un-presidente.aspx

Azioni sul documento
  • Stampa
Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo:

Vico II Spineto,2 (c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)

76013 Minervino Murge (BT)

per info:

mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it

cell: 349 6534286

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 124
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Pianeta che vogliamo

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  è in preparazione. 

 listing Il n. 126 è su "Il rispetto dell'identità sessuale"  (cosa intendiamo per identità sessuale? Come rispettarla nella vita quotidiana? Quali tutele politiche e giuridiche introdurre?). Tc

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). Testi da inviare entro il 28 febbraio 2022.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.