Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Mattarella compie 80 anni: le mani per gli ultimi, di Paola Severini Melograni

Mattarella compie 80 anni: le mani per gli ultimi, di Paola Severini Melograni

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 22/07/2021 17:15
Foto: Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella è accarezzato e accarezza una giovane non vedente, 16 marzo 2017 (foto Ansa-PdR)

 

Caro direttore,
domani compie ottant’anni Sergio Mattarella, il Presidente che ha accompagnato con eroica sobrietà la resistenza degli italiani nella più grande crisi della Repubblica: un crollo pandemico che ha incrinato gli equilibri sociali ed economici del Paese, ha privato molti di noi di 128mila familiari, in maggioranza nonni. Tutto questo senza poter contare su di una classe dirigente preparata sino in fondo all’emergenza. Una battaglia quasi "a mani nude". È l’immagine che mi sovviene ogni volta che lui compare in tv: le mani del Presidente. Le stesse mani che abbiamo visto distese lungo i fianchi il 25 aprile 2020 in ferma e assorta solitudine davanti al Mausoleo del Milite Ignoto, le mani con cui avrebbe voluto accarezzare la testa dei "suoi" giovani Alfieri della Repubblica (le insegne riconosciute a ragazzine e ragazzini che si sono impegnati per il Bene comune, sua magnifica intuizione). Le mani sulle bare dei morti di Covid, appena sfiorate. E, finalmente le mani e le braccia tese come in abbraccio per festeggiare a Londra la prima bella notizia dopo tanto dolore: la vittoria degli Azzurri del calcio agli Europei!

Ho incontrato il Capo dello Stato a Castelporziano, quando, appena eletto, decise di destinare la tenuta presidenziale a disabili e anziani: una rivoluzione, con l’unico precedente, nel 1950, dell’invito di Luigi Einaudi ai «mutilatini» di don Gnocchi. «Voi non siete soltanto graditissimi ospiti, il Quirinale è casa vostra», dichiarò. E questa ospitalità non si è più interrotta. Non dimenticherò un gesto che gli vidi fare allora e che non avevo visto fare a nessun altro suo predecessore: per aiutare le persone che non vedono a identificare i lineamenti di un volto si prendono i loro polsi, si fanno aprire i palmi delle mani e si portano sulla propria faccia. Bisognerebbe farlo ogni volta che ci si presenta per la prima volta a una persona cieca. E quella carezza presidenziale offerta e ricevuta disse tutto.

Come ha detto tutto a tanti di noi la scelta di vaccinarsi non in modo appartato, da detentore di un potere lontano, ma insieme ad altri cittadini della sua stessa età. Perché il Presidente, proprio come il Papa, durante la pandemia si è messo semplicemente accanto alla gente. Chi non ricorda il popolarissimo fuori onda "del barbiere" (che neppure per lui poteva fare un eccezione) durante il primo lockdown? Scrive Pietro Melograni nel suo Saggio sui Potenti «un capo deve sottostare in qualche modo alle caratteristiche culturali delle masse, alle abitudini secolari, e alle aspirazioni profonde di esse». E possiamo essere ragionevolmente certi che il Paese si è identificato in questo "capo-nonno" che ha fatto della fermezza, e dell’approccio sereno anche ai problemi più gravi, la cifra di comportamento.

Mattarella ha usato una pedagogia altissima per proporre il principio di solidarietà espresso dall’art. 2 della Costituzione: «La Repubblica (...) richiede l’adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale». E ha fatto capire che i «doveri inderogabili», prima di essere scritti nelle Carte, devono esserlo nelle coscienze. È un fatto che, a causa della pandemia e grazie a questo stile comunicativo, gli italiani hanno ricominciato a credere nello Stato. In questo senso, il Presidente ha proseguito nel lavoro iniziato da Carlo Azeglio Ciampi, potremmo chiamarla "lezione Ciampi-Mattarella": un ’idea di Stato accogliente invece che patrigno, che si rispetta e si ama. Perché Mattarella a fatto sua la canzone di Francesco Petrarca. «Vertu’ contra furore / prenderà l’arme, e fia l’combatter corto: / che l’antiquo valore / ne gli italici cor’ non è anchor morto», valorizzando virtù e cancellando le armi. Come le nostre Forze armate, che tanto hanno fatto durante la pandemia, e che sono esercito di pace. E ci ha dimostrato così che non ci può rassegnare all’impossibilità del cambiamento e a non rispondere mai con indifferenza male inaccettabile.

Un diplomatico straniero mi ha chiesto come mai i nostri Capi di Stato sono stati oggettivamente migliori dei partiti che li hanno espressi. La risposta, oltre che nella "grazia di stato", va cercata proprio nella nostra italianità. Che si esprime nel Canto degli Italiani, quando – anche in questo tempo così difficile – resistiamo all’orrendo saluto con il gomito e, seguendo il più alto esempio, portiamo la mano sul cuore. Auguri presidente Mattarella. e grazie.

Direttrice di "angelipress.com"

fonte: www.avvenire.it

Azioni sul documento
  • Stampa
La Vignetta, di Martina Losito

"Il bene più prezioso"

Vignetta di Martina Losito 

*Martina Losito, studentessa di ingegneria energetica presso il Politecnico di Milano.

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 124
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Pianeta che vogliamo

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo è in distribuzione.

 

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  Testi da inviare da entro 31 agosto 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.