Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Mattarella agli studenti: liberi dalle mafie

Mattarella agli studenti: liberi dalle mafie

creato da webmaster ultima modifica 08/10/2015 18:38
"La camorra e le mafie possono essere sconfitte. La camorra e le mafie saranno sconfitte. E voi, giovani di Napoli, sarete alla testa di questa storica vittoria" è l'accorato appello lanciato da Mattarella

 

"Ragazzi, permettetemi di dirvi: "Andate a scuola!". Andateci. Non ne fuggite. Non fatevi vincere dalla sfiducia. La scuola è vostra, così come vostro è il futuro".
È l'appello rivolto dal Capo dello Stato, Sergio Mattarella, all'inaugurazione dell'anno scolastico a Napoli.

Il Capo dello Stato ha citato Davide Sannino, il 19enne ucciso nel '96 per aver reagito ad una rapina, e Giancarlo Siani, il giornalista ucciso dalla camorra. In nome loro, nella scuola intitolata a Davide, nel quartiere Ponticelli, Mattarella ha ribadito: "Non possiamo rinunciare a essere donne e uomini liberi".

"Liberi dalle mafie, dalle cosche, da ogni condizionamento illecito. Voglio ripeterlo con forza mentre Nicola Barbato, della Polizia di Stato lotta per la vita: a lui va affetto e riconoscenza" ha detto ancora il Capo dello Stato, a Napoli riferendosi al poliziotto ferito durante una operazione anti estorsione.

"La camorra e le mafie possono essere sconfitte. La camorra e le mafie saranno sconfitte. E voi, giovani di Napoli, sarete alla testa di questa storica vittoria" è l'accorato appello lanciato da Mattarella

Mattarella ha poi ringraziato gli insegnanti e il personale non docente per gli sforzi fatti in questi anni di crisi e sollecitato una maggiore integrazione degli alunni stranieri. "È importante per l'Italia, e per l'Europa intera, il modo con il quale saremo capaci di integrare i figli dei migranti". Così il Capo dello Stato, Sergio Mattarella, a Napoli. "La scuola italiana ospita oggi ottocentomila studenti stranieri: più della metà di questi è nata in Italia", ha aggiunto Mattarella.

Fonte: Avvenire del 28 settembre 2015


Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-119.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 119
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Dialogo Interreligioso

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  è in spedizione.

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria è in preparazione.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.