Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Maria, madre di tutti e non icona guerriera, di Pino Lorizio

Maria, madre di tutti e non icona guerriera, di Pino Lorizio

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 21/03/2022 10:35
Il patriarca di Mosca ha affidato a un generale un'immagine della Vergine affinché accompagni in guerra le truppe russe. Il Papa ha promosso la consacrazione alla Madonna della Russia e dell'Ucraina…

La devozione mariana del popolo di Dio, quando non vissuta ed espressa in forme idolatriche, ha una valenza ecumenica di grande spessore: oltre che nel cattolicesimo, essa è presente nelle chiese orientali, che dedicano alla Madre di Dio numerose icone, ma, a differenza di quanto si crede nell’immaginario collettivo, non è assente neppure nella tradizione protestante, che si ispira al commento di Lutero al Magnificat. Del resto, la Vergine madre può essere considerata la “vincitrice di tutte le eresie cristologiche”, in quanto i dogmi mariani, soprattutto quello di Efeso (che nel 431 la proclamò “Madre di Dio”), in fondo ci pongono di fronte ad aspetti e dimensioni della figura del Cristo e a Lui rimandano, come a Lui deve indirizzarsi un’autentica devozione alla madre.

Due notizie si sono incrociate a questo proposito nei giorni scorsi. La prima: il patriarca Kirill ha affidato al generale della guardia nazionale russa, Viktor Zolotov, una icona della vergine madre Maria (Theotokos), perché accompagni le truppe russe nella guerra contro gli ucraini, facendo seguire a questo gesto una lettera al popolo di Dio di fede ortodossa con l’auspicio della pace: «Anche nei momenti più difficili il nostro popolo ha cercato aiuto nella santissima Madre di Dio che da sempre intercede e protegge la santa Rus’», concludendo con l’invito alla recita della preghiera tradizionale a Maria e della preghiera per la pace affinché «per la sua intercessione materna il Signore abbia misericordia dei nostri popoli e ci doni una pace solida e stabile». 

La seconda: è stato annunciato che il 25 marzo prossimo, festa dell’Annunciazione, a Roma il papa e a Fatima il cardinale Konrad Krajewski, elemosiniere, consacreranno al cuore di Maria i popoli della Russia e dell’Ucraina. La tradizione delle “consacrazioni” risale all’età patristica, in particolare a Giovanni Damasceno, VIII secolo, al quale si deve la formula di “consacrazione a Maria”, nella quale si utilizza il verbo anatíthemi (= dedico, consacro, offro nel culto): «Anche noi oggi ti restiamo vicini, o Sovrana, […] legando le nostre anime alla tua speranza, come a un’ancora saldissima e del tutto infrangibile (cf Eb 6,19), consacrandoti mente, anima, corpo e tutto il nostro essere e onorandoti, per quanto è a noi possibile, “con salmi, inni e cantici spirituali” (Ef 5,19)» (si veda la documentata e significativa ricostruzione offerta da Gianni Cardinale su Avvenire e la ricostruzione di un momento storico, che riguarda proprio la Russia opportunamente rievocato su questa rivista da Luciano Regolo).

Tutto ciò può sembrare anacronistico (ad esempio perché esprime devozioni ormai obsolete o si riferisce a tempi passati, come quello della “guerra fredda”, oggi spesso evocata), ma per certi aspetti la fede del popolo di Dio è sempre anacronistica, ossia non si assoggetta alla cronaca, ma la supera e la percorre, illuminandola con la Parola di Dio. Tutto ciò può sembrare sentimentale, ma la fede non è solo conoscenza e scelta (atto dell’intelligenza e della volontà), bensì anche affettività rivolta al soprannaturale. Ed è in questa prospettiva che dobbiamo vivere questi eventi, consapevoli che Maria ci conduce sempre a Gesù.

Preme però segnalare la differenza abissale fra il gesto del patriarca e quello che ci accingiamo a compiere nella nostra chiesa. Noi, infatti non affideremo all’intercessione di Maria solo uno dei due popoli in conflitto, ma entrambi, consapevoli del fatto che entrambi sono vittime di una guerra sempre ingiusta, come affermato da papa Francesco. Il cattolicesimo è sempre inclusivo e non lascia indietro nessuno, soprattutto gli oppressi. Siamo altresì convinti che lo sguardo della Madre di Dio rappresentato nell’icona si volga innanzitutto al popolo ucraino oppresso e alle giovani reclute mandate a combattere e che stanno morendo per una causa che molti di loro non condividono né conoscono, poiché a Lei si attribuiscono le parole: «ha rovesciato i potenti dai troni, ha innalzato gli umili» (Lc 1,51). 

Mi piace infine segnalare che fra le icone russe della Madre di Dio (non quella affidata dal patriarca al generale), ve n’è una che porta il titolo di Semistrelnaya, ovvero “colei che addolcisce i cuori malvagi” ed è di questo addolcimento che abbiamo tutti bisogno, soprattutto quanti guidano i popoli.

https://www.famigliacristiana.it/articolo/maria-madre-di-tutti-e-non-icona-guerriera.aspx

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.