Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Il made in Italy vola via, di Francesco Anfossi

Il made in Italy vola via, di Francesco Anfossi

creato da D. — ultima modifica 25/09/2015 11:09
dopo averLO CONSEGNATO A PREZZI STRACCIATI ai "capitani dispendiosi", IL VETTORE NAZIONALE sta per divenire francese. Telecom Italia va agli spagnoli. E poi ancora Bulgari, Galbani, Pernigotti, Finmeccanica, Ansaldo…IL PAESE continua a perdere pezzi. Qualcuno vuol fare qualcosa?

Alitalia ai francesi di Airfrance, che sta salendo nel capitale della compagnia di bandiera italiana dopo che era stata ricapitalizzata dal Governo Berlusconi a caro prezzo (con i soldi dei contribuenti italiani) per salvaguardare al sua italianità. Ma Alitalia, con i suoi ex capitani coraggiosi, è solo il caso più eclatante. C’è anche Telecom Italia agli spagnoli. Oppure Loro Piana, Bulgari, La Galbani e la Parmalat ai francesi. Per non parlare dell'Ansaldo a coreani, americani e giapponesi. O la Pernigotti, quella dei gianduiotti, ai turchi. Persino società sportive come Roma e Inter. L’Italia continua a perdere pezzi.

Con una metafora molto attuale, L'Italia continua a perdere aerei per il rilancio della sua economia. Un intero settore industriale rischia di scomparire. E il bello è che tutto questo si sta consumando mentre il governo di Enrico Letta cerca di attrarre capitali esteri attraverso l’operazione denominata pretenziosamente “Destinazione Italia”. Altro che destinazione Italia! Il nostro Paese ormai è preda di shopping compulsivo. Settori strategici dell’Azienda Italia prendono la via dell’estero, spesso a prezzo vile. Si poteva fare qualcosa per salvare l’italianità di aziende che il mondo ci invidiava per qualità e competenze tecnologiche? Si è parlato a più riprese di un intervento della Cassa depositi e prestiti (la società pubblica dei conti correnti  postali), ma poi non se ne è fatto nulla.

Il guaio è che una volta anche i grandi centri finanziari italiani, quelli del sistema Cuccia, per intendersi, favorivano sì il salotto buono del capitalismo, sempre quello, ma era pur sempre un capitalismo italiano. Oggi anche le banche e i gruppi assicurativi italiani (vedi operazione Telecom) sembrano favorire lo shopping estero. Ma cosa sarebbe accaduto se Telefonica avesse tentato di acquistare un’impresa delle telecomunicazioni francese e o tedesca? Che avrebbero fatto Hollande e la Merkel? L’istituto della “golden share” di cui si è tanto paroato, non è mai decollato. Ancora una volta si ripropone il problema dell’assenza di una politica industriale nel nostro Paese, costretto a subire le scorrerie finanziarie di gruppi che hanno il cervello fuori dai nostri confini in quasi tutti i settori, dai trasporti al manifatturiero, fino alle telecomunicazioni.

fonte: www.famigliacristiana.it, 25.09.2013

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-120.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 120
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: I doveri

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria è in preparazione.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

 listing Il n. 123 è sula RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?). Testi da inviare da entro 31 dicembre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.