Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Magallanes, la deputata rifugiata in Ambasciata italiana. Vi racconto la dittatura di Maduro, di Rossana Miranda

Magallanes, la deputata rifugiata in Ambasciata italiana. Vi racconto la dittatura di Maduro, di Rossana Miranda

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 10/05/2019 09:19
Uno dei sette deputati - unica donna - cui il regime ha tolto l'immunità. "C'è ancora chi, per motivi ideologici, ha dubbi sulla natura di questo regime"...

L’unica donna sulla lista nera

Sono ore molto intense per Mariela Magallanes. Martedì, il Tribunale Supremo di Giustizia ha annunciato con una nota la decisione di revocare l’immunità parlamentare a sette deputati. Nella lista c’era il suo nome. O quasi… Nella sentenza c’è scritto “Marianela” e non “Mariela”, ma anche il nome di un deputato inesistente, Adrián Delgado Velázquez, che poi è stato tolto. L’accusa è di tradimento alla patria, cospirazione, istigazione all’insurrezione, ribellione civile, incitazione a delinquere, usurpazione delle funzioni e istigazione pubblica alla disobbedienza delle leggi e all’odio.

Per evitare l’arresto, come invece è accaduto al deputato Edgar Zambrano oggi all’alba – è stato portato via con una gru da funzionari del Servizio bolivariano di intelligenza nazionale agli ordini di Nicolás Maduro -, Magallanes si è recata nella residenza dell’ambasciatore italiano a Caracas, Silvio Mignano. La scelta è motivata perché è sposata con un italiano ed è in corso la procedura per il riconoscimento della sua cittadinanza.

Tra arresti, intimidazioni e negoziati, sono ore molto delicate, non solo per la situazione generale del Paese. La condizione di Magallanes è sicuramente oggetto di dibattito all’interno della coalizione di governo in Italia che non ha ancora preso una posizione netta nei confronti del governo ad interim di Juan Guaidó. Anche se ieri c’è stata la presa di posizione del ministro Moavero che ieri ha condannato la revoca dell’immunità a sette parlamentari tra cui – appunto – Magallanes.

La deputata spiega cosa sta accadendo. “Ora sono più tranquilla – quasi si scusa – e posso parlare. È un momento molto delicato ma sono sicura che siamo nella fase finale. Molto presto potremmo essere liberi per riunificare e sollevare il Paese, che è completamente distrutto”.

Magallanes conferma che si trova ancora nella residenza dell’ambasciatore italiano a Caracas in qualità di “protezione” e dice di non avere paura per quanto possa succederle:Ho paura sì ma di continuare a vivere in dittatura, di non essere libera. Ho paura di restare in carcere, essere condannata a vivere in povertà e avere fame. È questa paura, che abbiamo tutti i venezuelani, che ci spinge a mobilitarci, è il nostro motore”.

È noto il suo impegno politico e comunitario all’interno del partito di opposizione La Causa R ed è per questo che è l’unica donna nell’ultima “lista nera” decisa dal regime. Ma Magallanes non si pente di nulla e dice, convinta, che rifarebbe tutto.

Nonostante la sentenza del Tribunale Supremo di Giustizia, che è illegittimo, io resto una deputata e per questo ho ancora l’immunità che mi è stata data dal popolo venezuelano nelle elezioni del 6 dicembre del 2015, per questo sono ancora qui – ricorda Magallanes nella conversazione telefonica. Questo potere non può togliercelo un regime illegale […] Abbiamo il sostegno del popolo, che conferma ogni volta in piazza che segue la nostra causa”.

La parlamentare ricorda che la detenzione di Edgar Zambrano non è una novità: “È la seconda volta che il primo vicepresidente dell’Assemblea Nazionale è arrestato dal regime. È successo anche con Freddy Guevara che da circa due anni è rifugiato nell’ambasciata del Cile in Venezuela. I deputati Juan Requesens e Gilber Caro sono sequestrati e torturati. Ma la nostra è una lotta per la libertà e la democrazia, e questo non è un delitto”.

Su quali sono i prossimi passi che farà l’opposizione, Magallanes sottolinea che l’unica guida è di Juan Guaidó, “non solo presidente dell’Assemblea Nazionale ma presidente ad interim, per quanto detta la Costituzione venezuelana. L’agenda è chiara ed inizia con la fine dell’usurpazione” di Maduro.

Interpellata sulla possibilità che anche Guaidó sia arrestato dalle forze di Maduro, la deputata avverte che “tutto è possibile in questo momento in Venezuela. Qualsiasi cosa può succedere, per questo gli occhi del mondo devono restare attenti su di noi […]. La comunità internazionale è stata di grande appoggio. Solo che c’è ancora chi dubita di quanto stiamo vivendo, c’è ancora chi crede che si tratti di una questione ideologica. 

C’è ancora chi pensa che il 30 aprile c’è stato un colpo di Stato e invece no, 30 milioni di venezuelani non possono sbagliarsi. Basta guardare cosa sta succedendo nel Paese, come si sta provando a smantellare l’unico organo democratico”. Per Magallanes il regime di Maduro sta facendo di tutto per essere cacciato con l’uso della forza.

Sono l’unica donna nella lista del Tsj. Questo attacco contro di me è una violazione dei diritti della donna – denuncia – è un attacco contro tutte le donne venezuelane che lottano per il futuro dei loro figli. Figli che sono caduti anche questa volta in piazza nella lotta contro la dittatura. La nostra battaglia è per i figli che non nascono perché muoiono prima nel ventre della mamma per mancanza di medicine; è per i figli che sono dovuti partire; per i figli che soffrono di denutrizione, che muoiono letteralmente di fame, che non vivono in libertà e non conoscono un’altra realtà che questa”.

Ai venezuelani migrati in Italia Magallanes chiede di non arrendersi: “Non bisogna declinare né sentirsi delusi. Presto arriverà la fine e ci riunificheremo per lavorare insieme in un Venezuela libero".

https://formiche.net/2019/05/maduro-magallanes/

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
Prossimi eventi
Educare a custodirsi come Missione 19/10/2019 17:00 - 21:30 — Castellana Grotte
Ritiro spirituale sul potere 20/10/2019 10:00 - 18:00 — Massafra (Ta)
III Forum di Etica Civile, Verso un patto tra generazioni: un presente giusto per tutti 16/11/2019 - 17/11/2019 — Firenze
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

e ancora...

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?),  testi da inviare entro il 15 ottobre 2019.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 novembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.