Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Ma uccidersi per protesta può essere giusto?, di Andrea Tornielli

Ma uccidersi per protesta può essere giusto?, di Andrea Tornielli

creato da webmaster ultima modifica 14/09/2015 13:46
L’articolo di Enzo Bianchi sui monaci buddisti che si immolano nelle fiamme apre un dibattito Intervengono il card. Martino e Vittorio Messori
Ma uccidersi per protesta può essere giusto?, di Andrea Tornielli

Il palazzo del Potala a Llhasa, capitale del Tibet, residenza del Dalai Lama fino all’invasione cinese nel 1959

 

È giusto immolarsi per una buona causa? Darsi la morte volontariamente per denunciare l’oppressione subita dal proprio popolo, come fanno i monaci tibetani? La riflessione proposta ieri su La Stampa da Enzo Bianchi fa discutere: abbiamo chiesto al cardinale Renato Raffaele Martino e allo scrittore Vittorio Messori di intervenire sulle parole del priore della Comunità di Bose. «Vale la pena di lasciarci interrogare da questi monaci disposti a consumare la propria vita tra le fiamme come incenso», aveva scritto Bianchi, ricordando che i monaci suicidi «con la loro vita e la loro morte vogliono affermare la grandezza di una religione e di una cultura che non accetta di piegarsi al male».

«Per noi cristiani – spiega il cardinale Martino, già presidente del Pontificio consiglio per la giustizia e la pace, per molti anni nunzio apostolico nei Paesi asiatici e quindi rappresentante della Santa Sede all’Onu – è inconcepibile il suicidio. Anche se questo darsi la morte può avere fini nobili. Il Catechismo della Chiesa cattolica insegna che il suicidio contraddice la naturale inclinazione dell’essere umano a conservare la propria vita ed è contrario all’amore del Dio vivente. Se è commesso per servire da esempio, si carica anche della gravità dello scandalo. Anche se l’angoscia o il timore grave della prova, della sofferenza o della tortura possono attenuare la responsabilità di chi lo commette».

«È chiaro – sottolinea il cardinale – che il gesto dei monaci tibetani si iscrive in un determinato ambito religioso. Però non può essere paragonato al martirio cristiano. Tanti cristiani hanno subito persecuzioni in odio alla fede che professavano, ma non hanno compiuto gesti di questo tipo e hanno sopportato fino alla fine le conseguenze della persecuzione».

Vittorio Messori, uno dei più noti scrittori cattolici, invita innanzitutto a ricordare la storia del Tibet: «Non si deve dimenticare che fino al 1950, quel Paese era la più dura delle teocrazie sacrali. Il Dalai Lama aveva i suoi feudatari, che erano i Lama: possedevano tutta la terra, avevano potere di vita e di morte. Ogni famiglia era obbligata a mandare almeno un figlio in monastero, con conseguenze a dir poco spiacevoli in caso di disobbedienza. Insomma, il Tibet prima del dominio cinese non era certo un modello per i diritti umani».

Messori ritiene interessante la riflessione di Enzo Bianchi che, dice, «riconosce onestamente la differenza tra la prospettiva buddista e quella cristiana spiegando che sarebbe improprio tracciare un parallelo tra i monaci che si danno fuoco e l’atteggiamento di Gesù davanti ai suoi persecutori e i martiri cristiani». Il cristianesimo, spiega lo scrittore, «non ha mai derogato su questo: la vita è donata da Dio e solo Lui può toglierla. Il martire cristiano, ucciso in odio alla fede, è riconosciuto come santo, ma il martirio non può mai essere cercato. Nel Medio Evo ci furono dei francescani uccisi ad Algeri perché si erano messi a predicare il Vangelo e a denigrare Maometto in un bazar. Non furono riconosciuti martiri a motivo della loro imprudenza».

Messori cita a questo proposito alcuni esempi della storia passate e recente. «Santa Apollonia d’Alessandria, vissuta nel III secolo e divenuta protettrice di chi ha il mal di denti perché i suoi persecutori le spaccarono la dentatura con uno scalpello, venne portata di fronte a una fornace. Gli dissero: o bestemmi rinnegando la fede cristiana, o ti gettiamo tra le fiamme. Apollonia si divincolò e si buttò lei stessa. Il riconoscimento della sua santità è stato discusso e contestato, proprio perché aveva anticipato il gesto dei suoi persecutori». Lo scrittore ricorda infine due casi del secolo scorso, quello dello studente Jan Palach che si immolò dandosi fuoco durante la Primavera di Praga, nel 1969, e quello dell’irlandese Bobby Sands, che nel 1981 si lasciò morire di fame in un carcere dell’Irlanda del Nord protestando perché non gli veniva riconosciuto lo status di detenuto politico. «In entrambi i casi – spiega – la Chiesa cattolica espresse rispetto per i loro gesti, ma non approvò».

Fonte: "La Stampa", del 17 dicembre 2012

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito da qualche giorno; il PDF lo si trova a destra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 marzo 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.