Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / L'Italia dell'inverno demografico, di Francesco Anfossi

L'Italia dell'inverno demografico, di Francesco Anfossi

creato da webmaster ultima modifica 17/09/2015 13:49
Un'indagine del Censis ci mette all'ultimo posto d'Europa per tasso di natalità. Nel mondo siamo secondi solo al Giappone. Tra le cause la crisi economica e la mancanza di politiche per la famiglia.


Vantiamo in Europa un triste primato: siamo il Paese delle culle vuote.
Il recentissimo rapporto denominato “Diventare genitori oggi” ha infatti collocato l'Italia all'ultimo posto nella particolare classifica europea legata al tasso di natalità per nazione e fatto registrare un ulteriore calo del 3,7% delle nascite nel nostro Paese durante il 2013. Nel mondo siamo secondi solo al Giappone.  Il calo prosegue secondo una tendenza al ribasso iniziata con l'avvento della crisi e ben lungi dal far registrare un'inversione di segno. A partire dal 2008, sono nati mediamente 62 mila bambini in meno all'anno in Italia rispetto al periodo pre-crisi.


Le cifre diventano ancora più allarmanti se si pensa che una rilevantissima porzione dei nascituri nel nostro Paese è legata a genitori immigrati, il cui livello di procreazione impedisce da un lato che la Penisola soffra ancora di più quest’inverno demografico. L'anno solare 2013, in particolare, ha visto il numero delle nascite complessive in Italia arrestarsi alla soglia delle 514mila unità, cifra più bassa mai raggiunta da quando si è iniziato a condurre indagini demografiche approfondite e nuovo termine di paragone al ribasso per le stime relative all'anno in corso.

Il rapporto elaborato dal Censis ha inoltre mostrato come le difficoltà economiche si riverberino inevitabilmente sui lavoratori di età compresa tra i 25 e i 35 anni, portando l'età media della procreazione a innalzarsi costantemente e rendendo la maternità media italiana (stimata a quota 31 anni ) come la più tardiva d'Europa. Oggi nel nostro Paese si diventa mamme a poco meno di 30 anni. E' non è soltanto una tendenza sociale o culturale. Anche l'incapacità di avere risorse economiche adeguate, oltre che un reddito fisso e certo, contribuisce non poco a spostare la maternità più in là.Il resto lo fa la mancanza di politiche familiari adeguate, come avviene nei Paesi scandinavi e in Francia, dove le neo mamme possono godere di tutta una serie di vantaggi fiscali e di benefits e dove la media è di tre figli a famiglia, contro l'uno virgola qualcosa italiano.

“In Italia”, ha commentato Francesco Belletti, presidente del Forum delle associazioni familiari,  "una famiglia diventa povera anche solo perché ha un figlio in più: un terzo o un quarto figlio sono dei predittori di povertà e questo dice che il problema dei soldi non è un problema solo di crisi economica ma anche di politiche fiscali ingiuste".

Fonte: Famiglia Cristiana del 01 ottobre 2014

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
La Vignetta, di Martina Losito

"Il bene più prezioso"

Vignetta di Martina Losito 

*Martina Losito, studentessa di ingegneria energetica presso il Politecnico di Milano.

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 124
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Pianeta che vogliamo

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  è in preparazione. 

 listing Il n. 126 è su "Il rispetto dell'identità sessuale"  (cosa intendiamo per identità sessuale? Come rispettarla nella vita quotidiana? Quali tutele politiche e giuridiche introdurre?). Tc

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). Testi da inviare entro il 28 febbraio 2022.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.