Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / L'Italia degli incapaci, di Francesco Anfossi

L'Italia degli incapaci, di Francesco Anfossi

creato da D. — ultima modifica 24/09/2015 13:26
Un serial killer gira indisturbato per le strade del Paese dopo un permesso premio. Il direttore del carcere dice di non sapere che era un pluriomicida. Decine di famiglie bloccate in Congo non riescono a tornare a casa con i loro figli adottivi. E ancora l'eterna vicenda dei due marò, il caso Shalabayeva…la settima potenza mondiale sembra essersi trasformata in una repubblica delle banane.

Ci sono notizie che messe una in fila all’altra rendono la fotografia di un’Italia che se ne sta andando a gambe all’aria, congelata in un rimpallo di responsabilità, nel gioco eterno dello scaricabarile, specialità italica che porta all’inconcludenza più assoluta. Alcune notizie sono recentissime, come quella della fuga di un serial killer evaso dopo un permesso premio, da ieri in giro allegramente per le colorate strade del Paese come in un film di Hitchcock. Le spiegazioni per questa incredibile prova di sciatteria penitenziaria lascia allibiti. Pare che il direttore del carcere non sapesse nemmeno che si trattasse di un pluriomicida. Ma allora di che cosa si occupa un’amministrazione penitenziaria? Altre notizie risalgono all’altro ieri. Ci riferiamo alla vicenda straziante delle famiglie che da mesi si trovano in Congo per espletare le pratiche di adozione dei bimbi che amorevolmente avevano cominciato a conoscere nelle varie case famiglia di Kinshasa e che rischiano di essere tutte rimpatriate a casa per Natale senza i loro figli.

Finora la nostra diplomazia si è dimostrata assolutamente incapace di risolvere questa angosciosa vicenda in cui il governo congolese la fa da padrone. Così come non ha risolto nulla da anni per l’altra notizia che ormai compare stancamente sulle pagine dei giornali, a singhiozzo: la surreale e incredibile vicenda dei due marò italiani, ancora nelle mani del governo indiano. Ma potremmo andare avanti per molto, giù giù fino al caso Shalabayeva. Così che la settima potenza mondiale sembra rimanere impantanata in un’incredibile sequela di debolezze, sudditanze palesi, incapacità tecnocratiche e amministrative, come se l’amministrazione dello Stato e i suoi gangli vitali finissero per riflettere il caos che regna nel mondo della politica, dentro e fuori, nel Palazzo e nella piazza. Qualcuno vuol fare qualcosa?

fonte: http://www.famigliacristiana.it/articolo/l-italia-degli-incapaci.aspx, 19.12.2013

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito da qualche giorno; il PDF lo si trova qui si sopra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 marzo 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.