Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / L'industria dell'azzardo, la crisi e lo Stato , di Biagio Simonetta

L'industria dell'azzardo, la crisi e lo Stato , di Biagio Simonetta

creato da webmaster ultima modifica 21/07/2016 17:05
L'azzardo arriva dritto dritto nelle case degli italiani: mille nuovi siti di gioco on line (videopoker, texas holdem e tutto il resto) sono a portata di click.

 

C'è una relazione strettissima tra crisi economica e gioco d'azzardo. L'impresa del gioco è fra le pochissime a non subire gli effetti del crollo finanziario. Basta darsi un'occhiata intorno per capirlo. Le famigerate sale slot stanno crescendo a macchia d'olio, da quando sull'Italia è piombato l'incubo recessione. C'è una slot machine ogni 150 abitanti, nel nostro Paese.

E le storie di vite ai margini, di persone rovinate da quel videopoker dove si rifugiano per sfuggire da chissà cosa, si consumano sulle cronache quotidiane. Tanto che nelle ultime settimane si è discusso dell'ipotesi di ripianificare la collocazione di sale bingo e slot, per evitare la loro presenza vicino a scuole, ospedali e luoghi di culto. Allontanare il demone, era il motto.

Ora, invece, l'azzardo arriva dritto dritto nelle case degli italiani.
Da lunedì scorso, infatti, mille nuovi siti di gioco on line (videopoker, texas holdem e tutto il resto) sono a portata di click. Basta un codice fiscale e una carta di credito per puntare comodamente dal divano di casa. Niente più sgabello da bar, occhiatacce ai passanti curiosi, gettoniere rumorose che dicono se la macchinetta è stata generosa oppure no. Ma tutto, tranquillamente, sul proprio pc, magari al caldo di un focolare.

Mille nuove concessioni per una legge di un paio d'anni fa che, evidentemente, nessuno ha cercato di ostacolare. Forse anche in virtù del fatto che in Italia il gioco ha un fatturato che vale il 5% del Pil. Una manna dal cielo, di questi tempi. E poi le concessioni agli impresari del gioco d'azzardo fruttano alle casse dell'Erario qualcosa come 8 miliardi l'anno, senza contare le tasse sulle vincite. Una miniera d'oro, insomma.

Gli italiani e l'azzardo, poi, sono vecchi amici. Le italianissime Lottomatica e Sisal sono ai vertici della classifica mondiale di categoria. Quella del gioco d'azzardo è la quinta industria del Paese, secondo il sottosegretario all'economia, Gianfranco Polillo.
Ogni cittadino italiano, in media, spende il 13,5% del suo reddito in scommesse e giochi. Azzardopoli, termine coniato da Libera per un suo recente dossier, ha fruttato alle casse dello Stato 79.8 miliardi di euro nel 2011. E il business è business, anche in un Paese dove si stimano, secondo Libera, 800mila persone «dipendenti da gioco d'azzardo» e quasi due milioni di «giocatori a rischio».

Piomba nell'inferno dell'inutilità, adesso, l'azione della barista di Cremona che ha spento le slot per salvare i suoi clienti. Ed è uno smacco per quelle donne di Pavia che hanno manifestato per sensibilizzare l'opinione pubblica sul dramma dei loro mariti malati da gioco, delle loro famiglie.
In fine, un dato che non può essere tralasciato: l'infiltrazione mafiosa. Ben 41 clan malavitosi (fra mafia siciliana, ‘ndrangheta e camorra) sono entrati con prepotenza nel settore dell'azzardo. Non è un caso che il 9% dei beni sequestrati alle organizzazioni criminali sia composto da sale da gioco e agenzie di scommesse.
Da lunedì ci sono mille nuovi motivi per alzare la guardia

 

Fonte: "il Sole 24 ore", del 5 dicembre 2012

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 122
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Tutti pazzi per i sociale?

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 123 è sulla RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?): in preparazione.

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo (1. Che rapporto c'è tra la pandemia e la situazione ambientale? 2. Nuove politiche industriali e del lavoro e impatto sull'ambiente? 3. Cosa cambiare negli stili di vita? 4. Quale il contributo delle religioni?) Testi da inviare da entro 31 maggio 2021.

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  Testi da inviare da entro 31 agosto 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.