Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Lezioni di libertà, di Angela Donatella Rega

Lezioni di libertà, di Angela Donatella Rega

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 18/10/2021 18:10
La libertà è partecipazione. Una parola scomoda, quest’ultima, diciamocelo. Partecipare, non stare lì a parlare e giudicare senza mettersi in gioco. Costruire il vivere sociale collaborando e lottando dentro le istituzioni e non sempre restandone fuori…

Una canzone degli anni ’70 scritta da Gaber e Luporini ci faceva riflettere sulla libertà ironizzando su tutti i modi di intendere più comuni del termine e proponendone uno nuovo, molto impegnativo: la libertà è partecipazione. Una parola scomoda, quest’ultima, diciamocelo. Partecipare, non stare lì a parlare e giudicare senza mettersi in gioco. Costruire il vivere sociale collaborando e lottando dentro le istituzioni e non sempre restandone fuori. 

Un monito, sia per chi tende (ma non può riuscire completamente) a blindare le stanze del potere escludendo i cittadini, sia per chi ne resta volutamente sempre fuori senza mai assumere su di sé un impegno civile (nei partiti o nelle associazioni o anche nei cosiddetti movimenti), un impegno che solleciti costruttivamente, con maturità e pacatezza, il rispetto delle regole democratiche. 

Ma la libertà è anche qualche altra cosa, per esempio è qualcosa che ha un limite intrinseco.

Per essere libera di contemplare la bellezza della natura devo mettere a freno la libertà di farne ciò che voglio.

A scuola ci insegnarono che la nostra libertà può arrivare fino al punto in cui non lede la libertà dell’altro. Ritornando all’esempio della contemplazione della natura, ciò sarà impossibile se qualcun altro si sarà sentito libero di coprirla dei suoi rifiuti. 

In questi giorni si parla molto della libertà di non vaccinarsi e del nodo rappresentato dal green pass. Impazzano polemiche e davvero si sente dire di tutto, nella mescolanza di nozioni medico scientifiche (acquisite, nella maggior parte dei casi, per sentito dire) e nozioni di politica, anche queste proclamate, qualche volta, con scarsa o distorta conoscenza della materia.  

Ma fa specie che fra i più accesi contestatori del green pass ci siano i neofascisti che nel provvedimento vedono un’inaccettabile restrizione della libertà personale. Durante i lockdown imposti in tutto il mondo, invece, tutta l’area internazionale dei nazifascisti plaudeva e vedeva in quelle chiusure un insperato esperimento di reclusione di tutta la popolazione mondiale che avrebbe permesso loro di “prendere in mano il potere”. Mah! Stando a queste deliranti premesse, forse il green pass è per loro un’apertura che permette nei fatti un passo importante verso il riappropriarsi della libertà, e quindi non va bene. Ma faccio solo un’ipotesi, ovviamente. 

In ogni caso, resta inteso che in Italia l’apologia del fascismo non è l’espressione di un’opinione ma un reato, ed il motivo è scritto a chiare lettere nella Storia che certe volte sembra vogliamo capovolgere. Emblematico quel neofascista che a Napoli, contro il green pass, portava in processione funebre la Costituzione italiana e dichiarava che bisogna rispettarne l’articolo 3, e precisava che se le minoranze non sono rispettate la Storia ci insegna cosa può succedere…. Ma l’art 3 della Costituzione sconfessa innanzitutto il fascismo che faceva distinzioni, eccome, tra i cittadini, distinzioni di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.

Nei talk show sempre più frequentemente si pone la questione della libertà in termini ambivalenti. Qualcuno fa notare che i fascisti non possono tenere lezioni di libertà e per risposta si torna a dire che neanche i comunisti possono tenerle. Ammesso che i comunisti ci siano ancora (ci sono, stanno a casa e non sanno come farsi rappresentare), vogliamo confrontare i fondamenti del fascismo con quelli del comunismo? 

La confusione è tanta. Perché, se qualcuno ha sconfessato le proprie origini (anche i cattolici spesso l’hanno fatto), peggiorando la qualità della propria umanità, del proprio esistere e del vivere sociale, qualcun altro invece dovrebbe sconfessarle per migliorare. È molto diverso. È come se in piena notte un orco mi assalisse e, alle mie urla, mi rispondesse che pure mia madre una volta mi ha fatto spaventare. L’orco rimane orco, mia madre può tornare ad amarmi, se si attiene al fondamento del proprio essere. Così come è importante attenersi al Vangelo, fondamento per i cattolici ed al Manifesto per i comunisti. Ma i fascisti, i neofascisti i nazifascisti, da quale fonte traggono origine? Qual è il pulpito dal quale possono proclamare lezioni di libertà e giustizia? Il pulpito del lupo travestito da agnello. Apriamo gli occhi e cerchiamo di impegnarci e migliorare tutti.

*[redazione Cercasi un Fine]

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.