Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / L'Europa e il "bullismo" di Ankara, di Vittorio E. Parsi

L'Europa e il "bullismo" di Ankara, di Vittorio E. Parsi

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 12/10/2019 10:05
In questa drammatica crisi, il cinismo con cui il sanguinario "bullo" di Ankara sfrutta le paure europee, i timori della Nato …

Il balbettio della cosiddetta comunità internazionale sull’invasione militare della Siria settentrionale da parte della Turchia è l’ennesimo atto di abdicazione rispetto alla possibilità di limitare l’anarchia attraverso il ricorso alle istituzioni internazionali. Attesta che dell’edificio per quanto incerto di un ordine fondato anche sul diritto resta in piedi sempre meno. La brutalità degli interessi nazionali, peraltro nella loro più cinica, miope ed egoistica declinazione, è la vera protagonista di queste ore. 

In particolare, per ciò che riguarda l’Occidente, questo nuovo plateale tradimento dei princìpi e dei valori al rispetto dei quali amiamo richiamare solertemente gli altri, e ai quali sempre meno si ispira la nostra condotta, rende sempre più pretestuosa qualunque residua pretesa di una leadership morale delle democrazie.

Il discorso è particolarmente penoso per i Paesi membri dell’Unione e per l’Unione Europea nel suo complesso. La pretesa di una Ue "potenza civile" in grado di fornire attraverso la sua politica estera una guida e un’ispirazione, innanzitutto al suo vicinato, è sempre più una illusione. Eppure, noi più di chiunque altri al mondo saremmo direttamente interessati alla credibilità di un ordine internazionale nel quale la legge della giungla sia attenuata da prassi e princìpi alternativi, da quella governance globale fondata sulla progressiva internazionalizzazione della rule of law (principio di legalità), la cui faticosa tenuta diventerà sempre più cruciale e insieme incerta a mano a mano che il peso politico, economico e militare delle democrazie occidentali si riduce a vantaggio degli autoritarismi.

Ma l’Europa ha fatto di tutto per distruggere in questi anni ogni presupposto di una sua propria specificità, fallendo miseramente nel costituire quel ring of friends (anello di amici) che le sue politiche di vicinato orientale e meridionale si proponevano di realizzare. Ad acuire la pochezza dei risultati conseguiti verso i Paesi e i popoli più prossimi ha pensato poi la penosa gestione dei flussi migratori, in parte anche generati dai fallimenti delle politiche europee verso il Mediterraneo.

La logica della fortezza europea assediata "dall’invasione" di popoli in fuga perché senza più altre speranze non è stata solo protagonista della stagione di Salvini, ministro dell’Interno. È penetrata per anni nel discorso politico europeo, ha alimentato scelte disumane, persino in contrasto con il diritto d’asilo nei confronti dei perseguitati, caposaldo di qualunque idea di civiltà giuridica. Angela Merkel che qualcuno aveva proposto per il premio Nobel per la pace è la stessa che, una volta proclamato «l’apertura delle frontiere tedesche ai rifugiati siriani», volò da Erdogan per stipulare quell’accordo più che discutibile – voi tenete i siriani, noi paghiamo e voltiamo la testa dall’altra parte – poi ratificato dall’Unione e che oggi è la principale arma di ricatto del nuovo sultano. La nostra attuale debolezza di fronte all’arroganza di Erdogan è frutto del mostro che ci siamo costruiti noi stessi: la fantomatica minaccia delle migrazioni alla sicurezza e al benessere d’Europa, oltretutto una sicurezza e un benessere sempre più relativi, diseguali, fragili.

Questa drammatica crisi, il cinismo con cui il sanguinario "bullo" di Ankara sfrutta le paure europee, i timori della Nato di vederla definitivamente riallineata rispetto a Mosca, le preoccupazioni russe affinché un simile passaggio si compia, la solita latitanza cinese e l’irresponsabile, plateale ignoranza e confusione mentale del presidente degli Stati Uniti (oltre ai colpi di mazza che continua a menare contro i residui del multilateralismo) offrono però ancora un’ultima chance all’Europa

Quella di assumersi le proprie responsabilità di fronte a una tragedia che ha contribuito a rafforzare con la sua ignavia e di adottare immediate e dolorose sanzioni nei confronti della Turchia, di proclamare un altrettanto subitaneo e totale embargo sulla consegna di qualunque materiale bellico o utilizzabile a scopo bellico che dal territorio dell’Unione sia destinato ad Ankara (a prescindere dalla sua origine), di chiedere una nuova riunione del Consiglio di Sicurezza in cui ottenere una Risoluzione di condanna della Turchia ed eventualmente costringere Stati Uniti, Russia o Cina a opporre il proprio veto a se ne avranno il coraggio, di annunciare alla Nato la decisione di ritirare qualunque reparto militare europeo sia di stanza in Turchia. Non saranno scelte senza costi, ma l’inazione avrebbe un costo molto più alto.

E se non siamo disposti a correre rischi e ad assumerci responsabilità di fronte alla pulizia etnica, al massacro del popolo curdo, che per bloccare il Daesh ha offerto le vite dei suoi figli e delle sue figlie, all’impiego di milioni di profughi come merce di scambio e scudi umani, al risorgere dello stesso califfato e al trionfo del cinismo su qualunque principio di umanità, chiediamoci quale futuro e quale mondo vogliamo lasciare in eredità ai nostri figli e alle nostre figlie.

 

https://www.avvenire.it/opinioni/pagine/i-balbettii

Azioni sul documento
  • Stampa
Prossimi eventi
Educare a custodirsi come Missione 19/10/2019 17:00 - 21:30 — Castellana Grotte
Ritiro spirituale sul potere 20/10/2019 10:00 - 18:00 — Massafra (Ta)
III Forum di Etica Civile, Verso un patto tra generazioni: un presente giusto per tutti 16/11/2019 - 17/11/2019 — Firenze
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

e ancora...

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?),  testi da inviare entro il 15 ottobre 2019.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 novembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.