Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Lettera di 190 economisti contro le nomine di Draghi

Lettera di 190 economisti contro le nomine di Draghi

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 05/07/2021 09:19
Lettera aperta al Presidente Draghi sulla nomina dei cinque consulenti al nucleo tecnico…

Solo uomini, tutti del Nord, alcuni ‘ultraliberisti’ con competenze discutibili. In una “Lettera aperta al Presidente Draghi sulla nomina dei cinque consulenti al nucleo tecnico”, 190 docenti universitari chiedono più attenzione all’intervento pubblico in economia.

Nei prossimi mesi il governo si troverà ad affrontare la più difficile sfida degli ultimi decenni indirizzando l’uso delle risorse del PNRR a sostegno dell’economia italiana colpita dalle conseguenze dell’emergenza pandemica. In questa delicatissima operazione è essenziale che l’esecutivo mantenga la fiducia degli operatori economici, cittadini ed istituzioni nazionali ed internazionali, acquisita anche grazie al prestigio del Presidente Draghi. Le recenti notizie di stampa riguardo la nomina al Nucleo tecnico per il coordinamento della politica economica presso il Dipartimento di Programmazione Economica di cinque consulenti rischiano di danneggiare l’immagine di competenza tecnica del governo e la fiducia nel suo operato.  

Oltre alla omogeneità di genere e geografica (cinque uomini tutti operanti in Università e Istituti di ricerca del Nord) che comunque andrà valutata nella completezza del Nucleo tecnico, la cui composizione non è ancora nota, nella cinquina di nominativi, accanto ad alcune figure di riconosciuta competenza, vi è una preoccupante presenza di studiosi portatori di una visione economica estremista caratterizzata dalla fiducia incondizionata nella capacità dei mercati di risolvere autonomamente qualsiasi problema economico e sociale.  

Appare paradossale che ci si prepari a gestire il più esteso piano di investimenti pubblici degli ultimi decenni con una squadra di consulenti che in alcuni casi non paiono possedere i previsti requisiti di comprovata specializzazione e professionalità, con riferimento ai temi su cui saranno chiamati a lavorare. Inoltre, alcuni fra i nominati sono noti per il sostegno aprioristico ad una teoria che afferma l’inutilità, se non la dannosità, dell’intervento pubblico in economia. 

Ancora, desta stupore la presenza tra i cinque nominati di consulenti che rappresentano posizioni antiscientifiche che minimizzano la questione del cambiamento climatico e l’urgenza di adeguate politiche d’intervento, minando così la credibilità del governo riguardo il principale pilastro delle politiche economiche europee dei prossimi anni che il governo dovrà realizzare, in sintonia con il Green Deal dell’UE. Rispetto alla questione del Mezzogiorno in alcuni casi le loro posizioni sono di scarsa attenzione e di riduzionismo della rilevanza del problema, oltre che  di critica dell’efficacia dell’intervento pubblico italiano ed europeo a riguardo. Tali preoccupazioni sono rafforzate dalla loro appartenenza a think-tank liberisti dei quali non sono noti i finanziatori. I firmatari ritengono che il governo Draghi per tutelare il suo prestigio nonché la sua efficacia operativa dovrebbe riconsiderare alcune nomine ed avvalersi di collaboratori e collaboratrici sempre di indiscussa competenza e obiettività sui temi trattati, attenti al ruolo che gli investimenti del PNRR potranno avere nel contesto del nuovo intervento pubblico in economia.

 Firmatari:

Nicola Acocella, Università di Roma “Sapienza”

Antonio Andreoni, University College London

Antonio Banfi, Università di Bergamo

Filippo Barbera, Università di Torino

Giovanni Bonifati, Università di Modena e Reggio Emilia

Maria Luisa Bianco, Università del Piemonte Orientale

Luigi Campiglio, Università Cattolica del Sacro Cuore

Rosaria Rita Canale, Università di Napoli “Parthenope”

Marco Carreras, IDS – Institute of Development Studies

Maria Rosaria Carillo, Università di Napoli “Parthenope”

Davide Castellani, Università di Perugia

Elena Cefis, Università di Bergamo

Sergio Cesaratto, Università di Siena

Roberto Ciccone, Università Roma Tre

Silvano Cincotti, Università di Genova

Valeria Cirillo, Università di Bari

Lilia Costabile, Università di Napoli Federico II

Marcella Corsi, Sapienza Università di Roma

Giovanni Dosi, Scuola Superiore Sant’Anna

Lorenzo Esposito, Università Cattolica del Sacro Cuore

Alessandra Faggian, Gran Sasso Science Institute

Giorgio Fagiolo, Scuola Superiore Sant’Anna

Emanuele Felice, Università di Chieti-Pescara

Davide Fiaschi, Università di Pisa

Saverio M. Fratini, Università Roma Tre

Andrea Fumagalli, Università di Pavia

Mauro Gallegati, Università Politecnica delle Marche

Elisa Giuliani, Università di Pisa

Dario Guarascio, Università di Roma “Sapienza”

Gianni Guastella, Università Cattolica del Sacro Cuore

Simona Iammarino, London School of Economics and Political Science

Enrico Sergio Levrero, Università Roma Tre

Stefano Lucarelli, Università di Bergamo

Ugo Marani, Università Orientale Napoli

Luigi Marengo, LUISS

Valentina Meliciani, LUISS

Chiara Mussida, Università Cattolica del Sacro Cuore

Mauro Napoletano, Université Côte d’Azur

Consuelo Nava, Università di Torino

Alessandro Nuvolari, Scuola Superiore Sant’Anna

Guido Ortona, Università del Piemonte Orientale

Ugo Pagano, Università di Siena

Antonella Palumbo, Università Roma Tre

Gabriele Pellegrino, Università Cattolica del Sacro Cuore

Anna Pettini, Università di Firenze

Mario Pianta, Scuola Normale Superiore

Mariacristina Piva, Università Cattolica del Sacro Cuore

Stefano Ponte, Copenhagen Business School

Marco Raberto, Università di Genova

Riccardo Realfonzo, Università del Sannio

Andrea Roventini, Scuola Superiore Sant’Anna

Margherita Russo, Università di Modena e Reggio Emilia

Enrico Saltari, Università di Roma “Sapienza”

Alessandro Sapio, Università di Napoli “Parthenope”

Maria Savona, LUISS

Alessandro Somma, Università di Roma “Sapienza”

Antonella Stirati, Università Roma Tre

Mario Tiberi, Università di Roma “Sapienza”

Attilio Trezzini, Università Roma Tre 

Marco Valente, Università dell’Aquila

Michelangelo Vasta, Università di Siena

Andrea Ventura, Università di Firenze

Gianfranco Viesti, Università di Bari

Marco Vivarelli, Università Cattolica del Sacro Cuore

Gennaro Zezza, Università di Cassino e del Lazio Meridionale

https://docs.google.com/document/d/1pyGoF4oGlzgYZIo9_87d5MGE3q7R6bPHH599xvOpQYA/edit?ts=60d0689e

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
La Vignetta, di Martina Losito

"Il bene più prezioso"

Vignetta di Martina Losito 

*Martina Losito, studentessa di ingegneria energetica presso il Politecnico di Milano.

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 124
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Pianeta che vogliamo

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo è in distribuzione.

 

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  Testi da inviare da entro 31 agosto 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.