Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Le vite intrecciate dei Caschi blu di Dio, di Giulio Albanese

Le vite intrecciate dei Caschi blu di Dio, di Giulio Albanese

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 24/03/2021 18:33
Giornata di memoria dei missionari martiri…

Oggi siamo chiamati a fare memoria dei missionari martiri, una giornata di preghiera e digiuno promossa dal Servizio giovani della fondazione Missio, organismo pastorale della Conferenza episcopale italiana. Il 24 marzo è infatti l’anniversario dell’assassinio dell’arcivescovo di San Salvador, sant’Oscar Arnulfo Romero, assassinato nel 1980 mentre celebrava la Santa Messa. Martire del regime militare di cui denunciò le violenze, fu un autentico testimone del Vangelo, affermando i valori della pace e della giustizia. 

Per la ventinovesima edizione di questa Giornata di preghiera e digiuno è stato scelto lo slogan «Vite intrecciate», nella consapevolezza che i missionari e le missionarie martiri sono tessitori di fraternità, proprio come lo fu monsignor Romero, paladino dei poveri. Un indirizzo che trova la sua evidenza nella recente enciclica di papa Francesco Fratelli tutti.

La vita dei missionari, infatti, si interseca con quella dei popoli che sono stati chiamati a servire per vocazione. Lungi da ogni retorica, mai come oggi è necessario evangelizzare una società globalizzata, provata non solo dal Covid-19 e da una crisi economica senza precedenti nella storia moderna, ma anche profondamente segnata dalle diseguaglianze e da una deriva antropologica, per certi versi, molto più inquietante del famigerato virus per le sue immediate ripercussioni sulla dignità della persona umana creata a immagine e somiglianza di Dio. 

La Martyria, da questo punto di vista, rappresenta davvero l’antidoto contro gli oscuri presagi del nostro tempo. Chi è infatti il martire se non il tessitore di una nuova umanità pronto a dare tutto incondizionatamente? E sono storie davvero avvincenti quelle dei nostri missionari e missionarie caduti sul campo del mondo, che toccano il cuore perché riescono ancora oggi a ricomporre il legame tra il Vangelo e la vita vissuta. Stiamo parlando di persone in carne e ossa, la cui identità non si è mai fondata sul disprezzo e sulla prevaricazione nei confronti del prossimo, ma sulla talvolta scomoda e comunque radicale conformazione a Cristo. 

Viene, naturalmente, spontaneo chiedersi come mai, per poter conoscere qualche frammento dell’attualità africana o delle periferie del mondo più in generale, si debba necessariamente attendere che qualcosa di doloroso e violento debba investire l’esistenza di queste donne e di questi uomini vocati a Dio e ai fratelli e sorelle in umanità. 

La domanda forse andrebbe rivolta a certi artefici del giornalismo nostrano i quali, forse per disattenzione o negligenza, dimenticano che il diritto di cittadinanza nel 'villaggio globale' esige una conoscenza dell’alterità, indipendentemente dalla collocazione geografica di questo o quel popolo.

Ecco che allora il modo migliore e più efficace per rendere il giusto tributo a questi caschi blu di Dio, di cui oggi forse solo gli stretti parenti e amici a ricordano ancora i nomi, sta proprio nel 'dare voce a chi non ha voce', alla gente che hanno servito con grande abnegazione. La loro testimonianza pertanto non solo rappresenta una forte provocazione, ma dovrebbe davvero indurci a un deciso cambiamento di rotta.

A pensarci bene, ci salveremo da un futuro pervaso da peccaminosi egoismi e fondamentalismi solo se sapremo metterci alla loro scuola, quella della gratuità, dell’accoglienza nei confronti dei poveri, di coloro che patiscono l’esclusione nei bassifondi della Storia. Una visione spirituale dell’esistenza umana non sempre condivisa nella nostra società dove l’interesse particolare prende troppe volte il sopravvento sul bene comune dei popoli, ignorando l’universalità dell’amore missionario, davvero senza confini.

Naturalmente il ricordo dei missionari martiri non si esaurisce nell’orazione e nel digiuno, ma esige da parte di tutti gesti concreti di condivisione con chi offre e soffre in terre lontane la stessa vita di Cristo e per ricordarci che la forza dell’annuncio viene proprio dalla dedizione piena di gioia, ma aperta alla sofferenza e al sacrificio di molte persone. A tutti gli ammalati e i sofferenti, inoltre, è rivolto l’invito a unire e offrire il proprio dolore in memoria dei missionari e missionarie martiri di ieri e di oggi perché la comunione sia sempre più forte e universale.

https://www.avvenire.it/opinioni/pagine/le-vite-intrecciate-dei-caschi-blu-di-dio

Azioni sul documento
  • Stampa
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 122
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Tutti pazzi per i sociale?

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 123 è sulla RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?): in preparazione.

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo (1. Che rapporto c'è tra la pandemia e la situazione ambientale? 2. Nuove politiche industriali e del lavoro e impatto sull'ambiente? 3. Cosa cambiare negli stili di vita? 4. Quale il contributo delle religioni?) Testi da inviare da entro 31 maggio 2021.

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  Testi da inviare da entro 31 agosto 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.