Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Le troppe amnesie del Recovery Plan sull’immigrazione, di Innocenzo Cipolletta

Le troppe amnesie del Recovery Plan sull’immigrazione, di Innocenzo Cipolletta

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 23/04/2021 09:52
Occorre anche favorire rapidamente una buona integrazione di persone immigrate da altri Paesi. Per farlo, occorre investire in progetti di integrazione, fatti di…

La popolazione mondiale è attesa toccare gli 11 miliardi di persone (oggi siamo circa 7,8 miliardi) alla fine di questo secolo per poi cominciare a diminuire. La crescita che ancora verrà non dipenderà da un elevato tasso di natalità, che invece sta scendendo ovunque. Avverrà per fatti molto positivi, come la riduzione della mortalità infantile e grazie a un generale allungamento della speranza di vita nei Paesi più poveri.

Il tasso di natalità sta scendendo ovunque sicché è da attendersi un calo della popolazione mondiale, dopo che si saranno diffusi gli effetti del miglioramento della qualità della vita su tutto il pianeta. Alcuni Paesi, fra cui il nostro ma non solo, hanno già una dinamica negativa della popolazione, in parte contrastata da un’immigrazione che rimpiazza le molte culle vuote e che contribuisce anche a contenere, nel medio termine, la discesa della natalità.

Alcuni pensano che la riduzione delle nascite in Italia sia dovuta all’incertezza e all’insicurezza dei giovani. Ma non ci sono evidenze in questo senso. Al contrario, si potrebbe dire che il tasso di natalità nei nostri Paesi era ben maggiore quando eravamo tutti ben più poveri e l’incertezza regnava sovrana per tutti. D’altro canto anche le classi benestanti dei nostri Paesi non hanno un tasso di natalità particolarmente superiore alla media della popolazione, pur se per loro non dovrebbero valere problemi di insicurezza e di povertà. La riduzione della natalità è un fenomeno associato piuttosto ai processi di urbanizzazione e di crescita del benessere, quasi un problema di spazi e di istruzione. Contrastarlo è arduo e forse inutile. Il contenimento della popolazione mondiale è un processo inevitabile e anche necessario. E alcuni Paesi devono iniziare prima degli altri.

Questo non vuol dire che le misure di politica sociale (aiuti alle madri, asili nido, servizi di assistenza agli anziani e altro) raccomandate per sostenere la natalità siano inutili. Al contrario esse sono necessarie soprattutto per favorire un maggior tasso di occupazione femminile.
I Paesi a bassa natalità rischiano di avere una scarsità di persone occupate che devono mantenere una massa di persone anziane uscite dal lavoro.

Ecco allora che la risposta alla caduta del tasso di natalità non deve essere tanto una politica per indurre più donne a fare più figli, ma è rappresentata innanzi tutto da politiche che alzino il tasso di attività del Paese, per sostituire il minor numero di giovani attraverso un aumento del numero delle persone occupate, in particolare delle donne e dei giovani, ma anche degli anziani, con un allungamento
della vita lavorativa, cosa favorita dal miglioramento delle condizioni di vita degli anziani.

Ma queste politiche non bastano e richiedono tempo a produrre effetti. Occorre anche favorire rapidamente una buona integrazione di persone immigrate da altri Paesi. Per farlo, occorre investire in progetti di integrazione, fatti di istruzione, assistenza, abitazioni, ricongiungimenti familiari e di concessione della cittadinanza ai molti immigrati integrati o nati in Italia. 

Un simile piano può trovare spazio finanziario nel Pnrr da presentare a Bruxelles, perché sosterrebbe strutturalmente la ripresa italiana e favorirebbe una migliore convivenza con quanti vengono a cercare una migliore qualità di vita nel nostro Paese. Di questo non c’è traccia nel Pnrr italiano, mentre dovrebbe essere uno dei punti qualificanti del nostro Piano. C’è ancora tempo per provvedere.

https://www.ilsole24ore.com/art/le-troppe-amnesie-recovery-plan-sull-immigrazione-AEtJWMC

Azioni sul documento
  • Stampa
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

La fatica di essere nel mondo. Lettera sul discernimento

Un po’ imitando don Milani e la sua lettera a una prof.ssa, con amici di Vicenza abbiamo scritto insieme una lettera sul discernimento e il nostro essere nel mondo. Per disponibilità copie info al 333 8465594, 0444 226530, 080 5014906 


 

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 127
(2022- Anno XVIII)

quadratino rosso Tema: La vita quotidiana

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). In preparazione.

 

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 settembre 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.