Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Le tre trasformazioni e il bene comune, di Piero Formica

Le tre trasformazioni e il bene comune, di Piero Formica

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 06/01/2022 11:15
L’utilità personale che reca un prodotto è subordinata al suo contributo al bene comune…

Viviamo il tempo delle tre trasformazioni: digitale, ecologica e comportamentale. Nel corso delle passate rivoluzioni industriali è progredita la ricerca di una vita migliore, intesa come benessere materiale, per sé stessi e la propria famiglia. La condotta umana ha mirato ai propri interessi privati e materiali. Il bene pubblico è stato trascurato o si è pensato che discendesse dalla provvidenza delle passioni e ambizioni personali. 

A scuotere questa credenza hanno contribuito la comparsa di beni pubblici digitali, la formazione di comunità di condivisione che facendo leva sul virtuale ottengono risultati virtuosi (come nel caso delle strade sociali le cui condotte aprono le porte all'accesso e alla messa in comune di beni e servizi) e le nuove visioni della biologia che hanno coinvolto l’ambiente economico e i suoi effetti sugli affari e la società.

Sul versante del “chi controlla chi”, l'esito della battaglia per il potere dipenderà dal valore attribuito allo scambio tra brama di esaudire i propri desideri e rinuncia al controllo a favore del persuasore occulto, si pensi al Metaverso di Zuckerberg e ad altre tecnologie che si propongono come fondamenta del Web3 su cui poggiare l'edificio dei nuovi desideri. La bilancia penderà dal lato dei desideri davanti alla forza che avrà la voglia di possedere una quantità crescente di nuovi oggetti. 

Continuando ad ascoltare e assecondate voci e opinioni comuni, al governo di ogni cosa continuerà a reggersi la quantità. Se a causa dei pregiudizi tutto viene misurato con il criterio della quantità, allora a dominare saranno i pochi feudatari delle tecnologie fondamentali. Per ben comprendere il valore della posta in gioco, le trasformazioni che stiamo vivendo andrebbero lette coniugando il discorso tecnologico con il pensiero filosofico, a cominciare da Socrate che non si lasciò sedurre dagli oggetti ¬ oggi diciamo dai dispositivi tecnologici in grado di esaudire eccessivamente i nostri desideri.

I bombardamenti dei desideri che si traducono in consumi fanno crescere l'impatto dell'uomo sul pianeta. Di conseguenza, non cessa di ridursi lo spazio disponibile per le altre specie, come non hanno mai smesso di denunciare i naturalisti Edward Osborne Wilson e Thomas Eugene Lovejoy. Ad invertire la rotta del comportamento umano interviene sia la distinzione tra beni civici, pubblici e privati sia il passaggio dalla proprietà al servizio offerto da un bene.

L'automobile è un esempio lampante. Dopo che Henry Ford ha aperto la strada alla produzione in catena di montaggio all'inizio del XX secolo, l'invenzione del motore a combustione interna ha dato a milioni di persone il beneficio di una mobilità senza precedenti. Oggi, questo pezzo di tecnologia è accusato di contribuire alle emissioni di gas serra che causano il cambiamento climatico.

L'auto è utilizzata solo per una piccola frazione del tempo disponibile. Se alla consuetudine della proprietà del mezzo subentrasse, facilitata dalle tecnologie digitali, una maggiore condivisione, quindi un uso più intensivo dello stock esistente di automobili ed una loro vita più lunga, si potrebbe ottenere una riduzione significativa dell'impronta di carbonio globale originata dalla mobilità personale. 

Il tempo delle tre trasformazioni coincide con il balzo dei conti pubblici a seguito della pandemia ancora in corso. Sarebbe allora auspicabile una rivoluzione contabile per tracciare una linea di demarcazione tra produrre cose in sintonia con il ben-essere degli umani, delle altre specie animali e vegetali, degli “oggetti naturali” quali i fiumi, i laghi e i mari e fare business spronati dalla passione esclusiva per il denaro. Da quella rivoluzione si apprenderebbe che l'utilità personale che reca un prodotto è subordinata al suo contributo al bene comune.

https://www.ilsole24ore.com/art/le-tre-trasformazioni-e-bene-comune-AEvM935

Azioni sul documento
  • Stampa
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.