Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Le Social Street conquistano la Capitale, di Lara Facondi

Le Social Street conquistano la Capitale, di Lara Facondi

creato da D. — ultima modifica 15/09/2015 10:56
Cittadinanza attiva: L'idea è partita da via Fondazza a Bologna e ora è arrivata anche a Roma. Sono 14 le strade sociali, alcune già attive, altre appena nate. I residenti si organizzano sui gruppi Facebook per fare rete, migliorare i quartieri, condividere e risolvere esigenze. Tutte attività nell'ottica di costruire una solidarietà tra vicini di casa...

L'idea è partita da via Fondazza a Bologna e ora è arrivata anche a Roma. Sono 14 le strade sociali, alcune già attive, altre appena nate. I residenti si organizzano sui gruppi Facebook per fare rete, migliorare i quartieri, condividere e risolvere esigenze. Tutte attività nell'ottica di costruire una solidarietà tra vicini di casa.

Da Bologna al resto d’Italia, il modello delle Social street  è contagioso e conquista anche la Capitale. Un modo nuovo di fare rete tra vicini di casa, un welfare alternativo, uno stimolo per le amministrazioni locali o anche semplicemente uno strumento per conoscere chi si incontra da anni sul pianerottolo o dal panettiere senza sapere nemmeno come si chiama.

VIA FONDAZZA - L’idea è venuta in mente a un papà, Federico Bastiani, giornalista e esperto di comunicazione che cercava in via Fondazza, capoluogo emiliano dove vive, degli amichetti per il figlio “e anche per me”, ha raccontato. Così ha stampato un po’ di volantini e in poco tempo il progetto è diventato realtà. Social street oggi è un sito in cui sono mappate le “strade sociali” sparse sullo stivale, a cui corrispondono altrettanti gruppi chiusi facebook.  La scelta è ricaduta sul noto social network proprio per raggiungere l’obiettivo a costo zero.

VIA PAVIA - Anche Roma è rimasta affascinata dal modello Bologna e negli ultimi due mesi sono diverse le social street che hanno visto la luce. Se ne contano 14, perlopiù in fase di decollo. In via Pavia ad esempio tutto è nato col passaparola. “Ho chiamato un’amica – racconta Barbara Perversi, ufficio stampa e amministratrice della pagina – lei ha coinvolto altre persone che a loro volta ne hanno chiamate altre ancora”. Così ora i membri della comunità sono 43. La prima iniziativa è una giornata di baratto e bookcrossing che si svolgerà domenica 6 aprile in una struttura del municipio “Campo artiglio”, in via Boemondo. “Ci stiamo autotassando – racconta ancora Perversi - per comprare bibite e un po’ di materiale, come le cassette di plastica dove i bambini metteranno gli oggetti da scambiare tra loro”. Ma l’invito è aperto anche ai grandi. “Abbiamo chiesto soprattutto alle giovani mamme  di portare passeggini e cose per la prima infanzia”, che poi verranno donate a case famiglia o associazioni, perché l’intento della street “deve essere di solidarietà”, prima di tutto. Con ricadute importanti anche sull’ambiente, visto che la roba scambiata non va buttata. A dare man forte alla strada solidale c'è l'associazione "Genitori di piazza Bologna", anche loro di recente costituzione.

SAN GIOVANNI - Iniziative simili le fanno a San Giovanni  nel gruppo che ora conta 90 iscritti. A fondarla ci ha pensato Giovanna Domenici che nel quartiere è nata e cresciuta. “Da piccola giocavo con il figlio dell’edicolante e mia madre faceva le punture nel palazzo, qui la socialità non è un problema”, spiega a Paese Sera. Più complicato è mettersi insieme per migliorare il quartiere. Ma Giovanna non molla e infatti ieri, primo marzo,  armata d guanti e buona volontà, insieme ad altri residenti ha deciso di ripulire via Matteo Boiardo. “A San Giuseppe cucineremo le castagnole insieme e copieremo la ricetta su facebook, qualcuno ha proposto di fare il cinema in casa e un edicolante si è messo a disposizione per ospitare lo scambio di figurine”, spiega ancora. E nel bar di Alessandra hanno allestito una biblioteca “che si va riempiendo di libri di qualità”. Anche come alternativa alle slot machine che spuntano come funghi nei locali. Sul gruppo poi c’è un po’ di tutto: da chi cerca un tecnico per riversare i vhs in digitale, a chi ha bisogno di una persona per fare le pulizie a casa.

PIAZZA VITTORIO - Nata a novembre per iniziativa di Filippo D'Ascola la comunità di Piazza Vittorio ha cominciato a ingranare nel mese di febbraio. Le attività vanno dalle colazioni comunitarie il sabato mattina, alle gite "culturali", "per esempio domenica scorsa siamo andati a visitare villa Giustiniani", racconta Alessio Brugnoli, uno degli amministratori. Sulla pagina Facebook vengono pubblicizzate presentazioni di libri e mostre "nelle poche galleria d'arte della zona". Non solo. "Stiamo mettendo su un archivio documentale on line sulla storia del rione, dalla necropoli della Roma Repubblicana all'urbanizzazione dell'Ottocento", va avanti Brugnoli. Poi, ci sono le attività più pratiche, come lo scambio di informazioni sui ristoranti della zona o sui banchi del Mercato Esquilino. Oltre alla collaborazione con altre realtà importanti della zona: dal coro, uno dei più numerosi e attivi di Roma, alle Danze di Piazza Vittorio, un gruppo di musicisti che suona musiche tradizionali e che spesso improvvisa concerti nei giardini o sotto i portici umbertini. Per il futuro immaginano di proporre una serie di iniziative al Comitato di Quartiere, "come la valorizzazione dei tanti e misconosciuti resti archeologici dell'area o la creazione di aree pedonali" puntando "ad aumentare la dimensione sociale del gruppo, in modo che possa diventare uno spazio di incontro,conoscenza e reciproco aiuto degli abitanti della zona".

LE ALTRE SOCIAL STREET DELLA CAPITALE - Ancora in bozzolo sono le street di via Reno, via degli Orti della Farnesina, via Mar del Giappone, Tor de Cenci e via Gadola. Quest’ultima conta 47 membri ma non sono ancora partite le iniziative; il promotore Gianni Pellegrini ha proposto più volte un aperitivo domenicale, fino ad oggi però l’incontro non c’è stato. In crescita il gruppo di di Tor de Schiavi che di aderenti ne conta 53.

QUADRARO - Il gruppo del Quadraro esiste solo da due settimane ma ha già 380 iscritti. "Entrando in contatto con tante altre persone della zona - racconta il fondatore Michele Aragona - mi sono reso conto che è necessario creare una rete di contatti per diffondere le iniziative già esistenti (incontri, laboratori, manifestazioni, ecc.) che meritano di essere valorizzate e pubblicizzate maggiormente". E aspettando altre idee e proposte Aragona fa giocare i ragazzi nell'impianto sportivo della parrocchia di quartiere.

PONZIO COMINIO E VIA GATTAMELATA - Qualcosa si muove anche in via Ponzio Cominio dove ad aprire la Social street è stata Mariagrazia Biscotti insieme ad altri amici, tutti fuori sede: “Siamo stati attratti dall’idea perché nessuno di noi è di Roma e in un quartiere che non è quello in cui si è cresciuti è difficile stringere rapporti”. Si è partiti con la creazione di locandine da affiggere nei negozi e nei condomini ma a breve l’obiettivo è di creare iniziative concrete. “Vogliamo condividere necessità ed esigenze, promuovere progetti sociali e culturali - racconta Mariagrazia – ma senza sostituirci alle amministrazioni con cui si spera invece di collaborare”. In via Gattamelata la promotrice è Annamaria Pompili, consulente di comunicazione, che viene dall’esperienza della “trasition town” di Appio Latino. Finora la bacheca viene usata per cercare stanze inj affitto e mezzi di trasporto condivisi, oltre alle informazioni sulla strada e le vie limitrofe. In cantiere le idee sono tante e in attesa di essere sperimentate.

VIA DELLE SUSINE - Lo spirito della social street lo spiegano bene i residenti di via delle Susine e dintorni (Susinet), altro gruppo nato da poco su iniziativa di Monica e Alessandro, lei bolognese e lui romano, entrambi grafici. Nella locandina che hanno realizzato elencano cosa significa “vicinato solidale”: scambiare informazioni e servizi di manodopera, regalare mobili ed elettrodomestici non più usati, andare insieme in auto per dividere le spese, offrire e ricevere lezioni di musica e lingue, accudire bambini o animali domestici, creare gruppi d’acquisti, ma anche organizzare eventi e incontri nel tempo libero. Per ora di membri ce ne sono 16, ma la promozione non si ferma.

VIA TRIPOLI - Sono 39 invece i residenti che hanno aderito al gruppo di via Tripoli. Sulla bacheca facebook condividono informazioni e articoli sulla strada in cui abitano e i dintorni. L’ultimo post mentre scriviamo lancia l’idea di una raccolta firme per evitare lo spostamento della Asl di via Tripoli in via Tagliamento. Dovrebbero incontrarsi in questi giorni a cena “per conoscerci e scambiare informazioni sui luoghi più frequentabili del quartiere per ogni tipo di esercizio merceologico”, scrive Daniele Poto, uno degli amministratori.

DALLA PIAZZA VIRTUALE A QUELLA REALE - Il rischio per le Social Street è che i gruppi possano essere sfruttati come mezzi per la propaganda elettorale o la promozione commerciale. Sulla bacheca di via Pavia, ad esempio, sono spuntati link di partiti, subito cancellati con l'invito a evitare che all'iniziativa vengano affibbiati marchi politici. "E' chiaro che anche io ho la mia idea politica - spiega Barbara Perversi - ma non vedo perché debba impedirmi di realizzare progetti con un'altra persona che la pensa diversamente da me". In fondo le Social Street altro non sono che uno strumento per tornare a quando il vicino di casa era la persona fidata a cui lasciare i figli. Come fa notare Annamaria Pompili "dalla piazza virtuale poi bisogna tornare a quella reale".

di Lara Facondi
fonte: http://www.paesesera.it/Societa/Le-Social-Street-conquistano-la-Capitale-Torna-di-moda-il-welfare-di-quartiere?fb_action_ids=274085802756253&fb_action_types=og.recommends&fb_source=other_multiline&action_object_map=[1472401866308581]&action_type_map=[%22og.recommends%22]&action_ref_map=[], 02.03.2014
Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
Prossimi eventi
III Forum di Etica Civile, Verso un patto tra generazioni: un presente giusto per tutti 16/11/2019 - 17/11/2019 — Firenze
La comunità che viene dal futuro: ricordando Franco Ferrara 30/11/2019 09:00 - 17:30 — Sala De Deo, Palazzo Comunale, via G. Rossini, Gioia del Colle (Ba)
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?),  testi da inviare entro il 15 ottobre 2019.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 novembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.

 listing Il 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 15 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.