Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Le sfide democratiche dell’Europa dopo la pandemia, di Cas Mudde

Le sfide democratiche dell’Europa dopo la pandemia, di Cas Mudde

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 14/05/2022 09:50
L’invasione dell’Ucraina segna una nuova crisi che coincide con la sconfitta dei partiti populisti e con l’accelerazione di altri cambiamenti. C’è però il rischio che l’Ue si concentri su posizioni antirusse invece che nella difesa dei suoi valori…

Non siamo nemmeno alla metà del 2022 e posso già dire che quest’anno non è né quello che pensavo né quello che avrei sperato. Certo, il covid-19 non è stato il “grande disgregatore” che si temeva. Anzi, la maggior parte dei governi ha messo fine a quasi tutte le misure contro il virus e la maggior parte di noi si è ormai felicemente convinta di essere entrata in un’era postpandemica. Probabilmente lo avremmo fatto anche senza la (re)invasione russa dell’Ucraina, ma questa ha di certo contribuito a modificare la mentalità e le priorità della maggior parte degli europei. E se è vero che l’illiberalismo ha sostituito la Brexit come bersaglio principale dell’Ue, questo bersaglio si trova all’esterno più che all’interno dell’Unione – la Russia di Vladimir Putin piuttosto che l’Ungheria di Viktor Orbán, per non parlare della Polonia di Jarosław Kaczyński. 

La (re)invasione russa dell’Ucraina è la quinta crisi politica del ventunesimo secolo dopo l’11 settembre, la grande recessione, la cosiddetta crisi dei rifugiati e la pandemia di covid-19. Vale a dire una crisi quasi ogni cinque anni! La guerra in Ucraina ha quanto meno rimandato un bilancio politico sulla pandemia. Sarà probabilmente la crisi politica più significativa di tutte, forse pari solo a quella dell’11 settembre. 

Ha già influenzato alcune delle elezioni nazionali più importanti in Europa, aiutando – ironia della sorte – sia Viktor Orbán in Ungheria sia Emmanuel Macron in Francia. Ma se il primo ha ottenuto una vittoria ampia in patria – in elezioni libere ma non corrette – sarà il secondo a uscire come principale vincitore al livello europeo. 

Il fronte illiberale spaccato
Orbán ha sorpreso amici e nemici con la sua grande vittoria elettorale. Sfruttando al massimo il suo monopolio sui mezzi d’informazione statali –
sui quali l’opposizione ha avuto a disposizione solo cinque minuti di trasmissioni – ha trasformato la guerra in Ucraina in una risorsa piuttosto che in uno svantaggio, presentandosi come il leader affidabile e stabile che avrebbe tenuto l’Ungheria fuori della guerra e i prezzi dell’energia bassi. 

La sua posizione “neutrale” ha funzionato bene in patria, dove i mezzi d’informazione sia quelli privati sia quelli pubblici controllati dal suo partito Fidesz continuano ad avere una forte copertura filorussa. Ma lo sta isolando sempre di più all’estero. Dopo aver perso il leader ceco Andrej Babiš alle elezioni del 2021, e il cancelliere austriaco Sebastian Kurz in uno scandalo politico, Orbán perderà presto un altro alleato: il primo ministro Janez Janša, sconfitto alle elezioni slovene in aprile. 

Fatto più importante, la guerra in Ucraina ha creato una spaccatura grave nell’alleanza Budapest-Varsavia, il nucleo del fronte illiberale all’interno dell’Ue. Anche se molti analisti amano sottolineare il sostegno a Putin da parte dell’estrema destra – che comunque non è così forte come quello dell’estrema sinistra – la guerra non è comunque all’insegna di una divisione tra “generalisti” e “populisti”. All’interno del Consiglio europeo, infatti, sia i più forti oppositori sia i più forti sostenitori di Putin sono populisti (della destra radicale), rispettivamente il partito Diritto e giustizia (PiS) in Polonia e Fidesz in Ungheria. Negli ultimi mesi Orbán è stato assente da vari eventi regionali in sostegno dell’Ucraina, e il gruppo Visegrád 4 (V4) si sta rapidamente trasformando in Visegrád 3, dopo che Repubblica Ceca, Polonia e Slovacchia hanno rifiutato di partecipare a una riunione dei ministri della difesa del V4, in segno di protesta contro la posizione filorussa dell’Ungheria. 

Macron ha approfittato della guerra in Ucraina per presentarsi come un leader mondiale, avendo più incontri con Putin rispetto ai suoi colleghi negli Stati Uniti, nel Regno Unito o in Germania, ma è stato costretto a concentrarsi sulla politica interna per sconfiggere Marine Le Pen al secondo turno delle elezioni presidenziali. Appena rieletto, e incaricato della presidenza del Consiglio europeo, ci si aspettava che usasse la Giornata dell’Europa, a Bruxelles, per esporre le sue ambizioni per un’Europa liberale e democratica. Ironia della sorte, lo stesso giorno in cui Putin ha usato la giornata della vittoria per esporre la sua visione di un’Europa illiberale. 

Con i tedeschi reduci da decenni di dipendenza economica e di pacificazione politica della Russia, l’Europa guarda alla Francia per prendere l’iniziativa e Macron è felice di farlo, se non altro perché affronterà ancora una fondamentale elezione politica a giugno, che potrà rafforzare o indebolire la sua presidenza. Quest’ultima ipotesi si concretizzerà se sarà costretto alla coabitazione, cioè a governare insieme a un primo ministro di un altro partito: il suo secondo mandato sarà allora molto meno ambizioso e potrebbe finire in uno stallo. 

Retorica familiare
Qualunque sia il risultato delle elezioni parlamentari francesi, l’Ue e i suoi stati membri hanno importanti decisioni da prendere. A breve termine, la difesa e la politica energetica saranno in cima all’agenda, ed entrambe dovranno subire cambiamenti fondamentali dopo decenni di compiacenze e negligenze. Al contempo
l’allargamento dell’Ue (e della Nato) è di nuovo all’ordine del giorno, in particolare per l’Ucraina e i Balcani occidentali. Tutti questi temi saranno promossi usando la familiare retorica della protezione dell’Europa liberaldemocratica nei confronti della Russia illiberale. La grande domanda è: come influirà questa lotta esterna contro l’illiberalismo su quella interna? 

Finora i campi sono stati tutt’altro che ideologicamente omogenei. Proprio come gli Stati Uniti hanno incluso l’India illiberale nel loro “vertice per la democrazia”, così l’Ue celebra sempre più spesso la Polonia illiberale per la sua posizione fermamente antirussa e filoucraina, in cui rientra la sua generosa accoglienza di oltre tre milioni di rifugiati ucraini. 

Con una politica estera che assume sempre più peso rispetto alle preoccupazioni di politica interna, c’è il rischio che la nuova cartina di tornasole per l’Europa sia una posizione antirussa piuttosto che il rispetto delle istituzioni e dei valori democratici liberali. Potrebbe essere una cattiva notizia per l’Ungheria, ma anche per l’Ue. Perché, a differenza della Nato, l’Ue non è principalmente un’alleanza militare, bensì una “comunità di valori”. Più specificamente, di valori democratici liberali. 

https://www.internazionale.it/opinione/cas-mudde/2022/05/13/europa-difesa-democrazia-pandemia

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , , ,
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 listing Il n. 126 è su "Il rispetto dell'identità sessuale"  (cosa intendiamo per identità sessuale? Come rispettarla nella vita quotidiana? Quali tutele politiche e giuridiche introdurre?) è in spedizione.

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). Testi da inviare entro il 15 maggio 2022.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 15 maggio 2022.

 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.