Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Le schede bianche e libertà vo’ cercando, di Rocco D’Ambrosio

Le schede bianche e libertà vo’ cercando, di Rocco D’Ambrosio

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 27/01/2022 09:30
Anche se nell’ultima votazione sono diminuite, forse segnale di un malessere tra gli elettori, l’alto numero di schede bianche in questa elezione del Presidente della Repubblica non fa affatto onore…

Non fa onore al nostro Paese la quasi totalità di schede bianche nelle votazioni in corso per il nuovo Presidente della Repubblica. Anche se nell’ultima votazione sono diminuite, forse segnale di un malessere tra gli elettori, l’alto numero di schede bianche non fa affatto onore. La data era nota… da sette anni. I partiti, in particolare i dirigenti nazionali, più che perdere tempo hanno mostrato incapacità di fondo e limiti strutturali della loro prassi politica, fino al blocco totale nel creare sintonie su candidati di qualità. Del resto l’autocandidatura di Berlusconi ha potuto polarizzare attenzione proprio perché, a destra, sinistra e centro, c’era poco o niente sul tavolo delle trattative.

Questa linea di basso profilo, che trova espressione nella scelta di votare scheda bianca, ha un suo punto di partenza inequivocabile: i soggetti in campo non dialogano. Il dialogo è impresa difficile in tutte le istituzioni, nessuna esclusa. E il dialogo che precede un’elezione è spesso impossibile. Interessi di parte, calcoli elettorali, protagonismi esasperati, odi e rancori storici, veti personali sono sempre esistiti, in tutte le elezioni di in ogni istituzione. La maturità degli elettori non sta stupidamente nel negare di averli o nel sentirsi superiori ad essi, ma nel riconoscerli e nel superarli con un lavoro di gruppo, che si chiama mediazione. E questa manca. Manca tanto. E se continua a mancare cosi spudoratamente aumenteranno antipolitica, sfiducia e assenteismo elettorale.

Un nome degno di rispetto, per provata maturità umana, etica e capacità politico-istituzionale, può difficilmente venir fuori in questa situazione. E qui l’immagine è quel dell’arenare nel guado. E chi attraversa fiumi sa che è proprio questo che va evitato: chi si ferma nel guado rischia di essere travolto dalla corrente, con esiti imprevedibili. Uno dei principali motivi per cui il nome non viene fuori è perché il (finto) dialogo dei partiti cerca un nome gradito alle parti, cioè a loro e – tanto per complicare il tutto – cerca un nome espressione di una parte, che raccolga gradimenti nella parte avversa. Qui si inizia ad arenare la carovana. Il Presidente Luigi Einaudi raccomandava: “In un paese libero, la classe dirigente deve abituarsi a discutere con serietà di studi, di osservazioni e di ragionamenti, stando lontana, come dalla peste, dai faciloni e dai demagoghi”.

Un Presidente della Repubblica deve “piacere” alla Costituzione (leggi: fedeltà provata alla lettera, ai principi e alla prassi della nostra Carta); deve “piacere” al Paese (leggi: alta sensibilità sociale, senza stucchevole retorica e tentazioni populiste); deve “piacere” all’Europa (nel modo in cui lo ha testimoniato David Sassoli); deve “piacere alla storia” (leggi: senza passati discutibili; non certamente perfetto, ma degno cittadino o cittadina). Il nostro Paese non manca di queste persone. Il dialogo finto, e segnato da interessi discutibili, a destra come a sinistra, difficilmente porterà a scegliere un Presidente con queste qualità. Chi sceglie, per scegliere bene e per il bene di altri, deve essere libero da tutto (interessi, potere e tornaconti elettorali) e da tutti, nessuno escluso. L’art. 67 della Costituzione – “Ogni membro del Parlamento rappresenta la Nazione ed esercita le sue funzioni senza vincolo di mandato” – prima di avere un valore istituzionale e politico, ha un alto valore etico: rappresentare la Nazione significa operare, in tutto e per tutto, solo e solamente per il suo bene. Non ci devono essere altri “vincoli di mandato” che influenzino i Grandi Elettori.

Ancora Luigi Einaudi: “Quale è dunque la società, nella quale gli uomini si sentano veramente liberi e liberamente operino? La risposta è venuta da Socrate, è venuta da Cristo. Non dalla società la quale circonda l’uomo viene la libertà, ma dall’uomo stesso. (…). La libertà, che è esigenza dello spirito, che è ideale e dovere morale, non abbisogna di istituzioni giuridiche che la sanciscono e la proteggono, non ha d’uopo di vivere in questa o quella specie di società politica, autoritaria o parlamentare, tirannica o democratica; di una particolare economia liberistica o di mercato ovvero comunistica o programmata. La libertà esiste se esistono uomini liberi; muore se gli uomini hanno l’animo di servi”.

https://formiche.net/2022/01/schede-bianche-parlamento-invisibili/

Azioni sul documento
  • Stampa
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Prossimi eventi
Il voto politico tra astensione e progetti 03/09/2022 16:00 - 20:00 — Sala Bice Leddomade, via Sanges 11/A, Cassano delle Murge (BA)
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.