Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Le ragazze di Barbiana, di Silvia Gusmano

Le ragazze di Barbiana, di Silvia Gusmano

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 04/05/2020 17:39
Un aspetto poco noto della pedagogia di don Lorenzo Milani…

«Il fatto di essere riuscito a mandare la Carla in Inghilterra, accidenti se fu una rivoluzione a Barbiana!». Che dalla minuscola frazione toscana fosse partita una rivoluzione capace di segnare il Novecento, si sapeva. Ma sul suo risvolto anche femminile — in termini di bambine e adulte coinvolte — fa ora chiarezza Sandra Passerotti in un libro che già dice tutto dal titolo: Le ragazze di Barbiana. La scuola femminile di don Milani (Firenze, Libreria Editrice Fiorentina, 2019, pagine 192, euro 12).

Nato per colpa di una foto (cinque bambine sorridenti davanti a quaderni e calamai) e arricchito da molte immagini in bianco e nero che restituiscono il clima dell’epoca, il libro raccoglie le testimonianze di nove donne che ebbero la fortuna di essere formate dal sacerdote fiorentino.

È il 1954 e ha 31 anni don Lorenzo quando arriva “in punizione” per le sue idee troppo progressiste in quel piccolo gruppo di case contadine. Qui riuscirà a mettere su una delle esperienze educative più innovatrici del XX secolo, sebbene quasi insignificante in termini numerici (tra il 1955 e il 1967 a Barbiana passano 45 ragazzi).

Far studiare le femmine, soprattutto le figlie dei contadini, all’epoca è considerato poco meno che inutile e due di loro vengono addirittura mandate fino in Inghilterra per due settimane a perfezionare l’ingleseperché le lingue sono una parte fondamentale, ritiene don Milani, della formazione dello studente. E quindi anche delle studentesse. Il coraggio e l’apertura della sua pedagogia vanno dunque misurate anche alla luce della volontà di restituire dignità alle bambine e di dare loro strumenti concreti.

Rivoluzionaria è infatti l’idea di dare alle femmine un’istruzione teorica e una formazione pratica artigianale capace di renderle coscienti dei propri diritti e di sottrarsi, laddove lo vogliano, al matrimonio — che deve essere una scelta, non una necessità. In nome di un’emancipazione improntata ai valori della Costituzione e del Vangelo, le bambine di don Milani condividono con gli allievi maschi gli insegnamenti e le esperienze. Se imparano la storia e a sciare è perché l’uguaglianza a Barbiana non è mera teoria.

«Cara Giuseppina — scrive don Milani alla Grassi — mi rivolgo a te perché come sai l’unica differenza tra i maschi e le femmine è che le femmine capiscono qualcosa nei fatti altrui mentre i maschi capiscono solo nei loro propri». È il 9 maggio 1966. Oltre cinquant’anni dopo siamo ancora qui, in ascolto.

Quella di don Milani è una pedagogia che arriva molto al di là delle nozioni. I suoi effetti benefici, capaci di segnare intere esistenze (come il libro di Passerotti dimostra con forza e chiarezza) si riverberano infatti non solo in chi siede tra i banchi, ma anche in chi frequenta la chiesa. «Io non ho studiato, perché non ho potuto studiare — racconta Paola Doni — ma grazie a don Milani ho un’apertura mentale».

Le ragazze di Barbiana non sono frutto del caso: il sacerdote, infatti, ha in testa un progetto preciso. «Voglio educarle in tutti i modi — scrive il 23 luglio 1959 a Eugenia Pravettoni — per farne delle figliole intelligenti, furbe, sveglie, capaci di difendersi, di guadagnarsi il pane, di mandare avanti la famiglia».

E le bambine non si lasciano sfuggire l’occasione. «Ci ha insegnato l’indipendenza, a non essere sottomessi, a non sentirsi inferiori a nessuno, anche davanti a chi aveva un ruolo di comando. Lui ci spingeva a studiare anche se si faceva un lavoro manuale, lo studio era per noi stessi. Ci faceva appassionare alle cose. Oggi — dice Giuseppina Donnini — se riesco a difendermi e fare le mie ragioni anche con persone che hanno studiato più di me lo devo a don Lorenzo».

Perché soprattutto don Milani insegna a porsi domande e la curiosità così tanto e ben stimolata anche a distanza di decenni potrà far dire con fierezza: «Quella fame di conoscere mi è rimasta». Diventare esseri pensanti, appropriarsi della parola per far valere i propri diritti, conoscere i problemi e cercare di risolverli: questa è l’eredità di don Milani che è per Barbiana «il prete, il maestro, il dottore, il babbo e la mamma».

La presenza femminile a Barbiana non è però stata solo quella delle bambine. La scuola infatti ha potuto operare e funzionare per la presenza costante e discreta di molte donne adulte. Tra le altre, Adele Corradi che, grazie alle competenze professionali, è colei che più collabora alla didattica tra il 1964 e il 1967. Il suo contributo, infatti, non è stato solo di supporto alla pedagogia milaniana, ma l’ha invece integrata in piena autonomia. Sandra Passerotti racconta anche la storia di Eugenia Pravettoni, fondatrice della scuola di taglio e cucito a Barbiana nel 1959, altro strumento di emancipazione femminile.

Sono donne anziane alla soglia della vecchiaia quelle che incontra Passerotti «e tutte affermano di essersi sentite apprezzate, valorizzate, spinte a studiare (...) uniche».

Fu «nel fermento femminile di allora — conclude Passerotti — che la società fece dei progressi, è stato nello svilimento della figura femminile che la società è regredita. Sarà nella forza delle ragazze di oggi la riconquista della dignità e del ruolo della donna che la Costituzione garantisce e la pedagogia di Barbiana insegna?».

https://www.vaticannews.va/it/osservatoreromano/news/2020-04/le-ragazze-di-barbiana.html

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-120.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 120
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: I doveri

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  è in spedizione.

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria è in preparazione.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.