Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Le radici cristiane dell’Europa non si rivendicano, si dimostrano con i fatti, di Riccardo Cristiano

Le radici cristiane dell’Europa non si rivendicano, si dimostrano con i fatti, di Riccardo Cristiano

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 02/12/2020 16:56
Le parole di monsignor Camisasca, vescovo di Reggio Emilia, sono l’occasione per riflettere sul senso del cristianesimo nel Vecchio continente, sul significato del pontificato di papa Francesco e sul segnale che la Chiesa potrebbe dare sul caso Regeni…

Arriva il primo Natale del tempo della pandemia e si porta di nuovo delle polemiche fondate e preoccupanti, sulla celebrazione nella notte di Natale ma non solo.Il tentativo scomposto dell’Unione Europea di suggerire la non celebrazione in presenza del popolo nella notte di Natale sembra rientrato, ovviamente, ma ha lasciato strascichi. E una risposta interessante la dà il vescovo di Reggio Emilia, monsignor Camisasca: “Dio è diventato irrilevante nella storia dell’Europa e questo non ha fatto bene a tutta la società”.

Il testo è interessante ed esposto in termini che interpellano tutti, non dà spazio a crociate neo-identitariste o pseudo-illuministe, piuttosto riconosce che l’Europa è culturalmente plurale, una pluralità comunque intrisa di cristianesimo.

Ho molto apprezzato l’intervento di monsignor Camisasca e per questo vorrei chiedere ai vescovi: che la religione non sia un fatto privato ma che abbia in sé un valore sociale, come ribadisce con parole molto appropriate monsignor Camisasca, dovrebbe essere il cuore non solo della consapevolezza delle nostre società, ma anche dei corpi episcopali. E oggi i vescovi italiani cosa potrebbero fare per chiederci consapevolezza e riscoperta della non irrilevanza di Dio nella nostra storia?

Mi permetto di avanzare una piccola proposta: la domenica successiva all’imminente deposito degli atti processuali per portare a giusto processo gli imputati per il delitto Regeni non dovrebbe essere la domenica della preghiera per tutti i Giulio Regeni?

Giulio Regeni è un cittadino italiano che è stato barbaramente assassinato presumibilmente dagli aguzzini del generale al-Sisi al Cairo, dove lavorava. Per il tramite della Procura di Roma il nostro Paese, che è anche il Paese di Giulio Regeni e dei suoi genitori, sta finalmente per procedere contro i probabili esecutori di quel barbaro crimine, che ha visto la vittima passare attraverso una lunga e straziante tortura. Ma dopo anni di sabotaggio delle indagini l’Egitto appare deciso a negare ogni sostegno e riconoscimento al processo.

Questa preghiera per Giulio Regeni e tutte le vittime che lui rappresenta, vittima di una violenza ben vigile e oscena, non avrebbe significato solo per noi. Avrebbe significato per tutti i i nostri dirimpettai vittime di analoghe esecrabili e feroci tirannie, dalla Libia all’Algeria, alla Siria. E per dimostrare che Dio non è diventato davvero irrilevante per l’Europa, la Conferenza Episcopale italiana potrebbe chiedere alle altre Conferenze Episcopali europee, cattoliche e protestanti, di unirsi a noi in questa giornata di preghiera. Parlare di radici cristiane del Vecchio continente è importante, ma per farlo nessuno può dimenticarsi dei nuovi Colossei che non possono essere osservati senza interesse, distrattamente.

Le radici cristiane sono questa indisponibilità a non pregare per Giulio Regeni e per tutti i Giulio Regeni che quotidianamente vengono torturati sulle coste del Mare Nostrum. Può tutto questo lasciare indifferente l’Europa delle radici cristiane? Queste radici vanno solo enunciate, rivendicate, o non vanno indicate davanti alla disumanizzazione di un contesto nel quale solo l’Europa potrebbe, volendo, riportare valori?

Un report pubblicato in queste ore dice che i Giulio Regeni siriani torturati nelle carceri siriane in questo decennio e identificati sono stati 16422. Certo che se l’Europa si dimentica di un suo cittadino, quale era la vittima Giulio Regeni, per i contratti con il regime di al Sisi che fanno gola a tanti europei e nessuno prega per la vittima, chiedendo alle altre conferenze episcopali europee di risvegliare i propri fedeli, i propri compatrioti, i propri governi, l’Europa chiuderà gli occhi su tutte le altre vittime di queste tirannidi con le quali coopera e presto, forse, i provvedimenti amministrativi contro la celebrazione con pubblico potrebbero passare senza destare neanche rumore.

Perché Dio apparirà davvero irrilevante nella storia e nella politica europea. Io credo che il pontificato di Francesco abbia avuto questa forza straordinaria: le radici cristiane dell’Europa non si rivendicano, ma si dimostrano con l’agire nei fatti. Ma non può fare tutto Francesco.

https://formiche.net/2020/12/radici-cristiane-chiesa-papa/

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
La Vignetta, di Martina Losito

"Il bene più prezioso"

Vignetta di Martina Losito 

*Martina Losito, studentessa di ingegneria energetica presso il Politecnico di Milano.

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 124
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Pianeta che vogliamo

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo è in distribuzione.

 

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  Testi da inviare da entro 31 agosto 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.