Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Le prossime sfide della politica: partiti in cerca di rivincita, di Paolo Mieli

Le prossime sfide della politica: partiti in cerca di rivincita, di Paolo Mieli

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 27/12/2021 09:41
Siamo vicini a un passaggio dagli infiniti risvolti. Dopo che il nostro sistema, unico al mondo, è stato costretto ad affrontare il terzo collasso in trent’anni…

Per una volta la «politica» italiana è stata pressoché unanime (ha fatto parzialmente eccezione solo il segretario del Pd Enrico Letta). La «politica», ha scritto qualcuno, ora si è presa una «rivincita». Occasione per la rivalsa è stata la conferenza stampa di fine anno di Mario Draghi nel corso della quale il presidente del Consiglio avrebbe lasciato intendere la propria disponibilità a farsi eleggere capo dello Stato. Anziché rendere omaggio al rito ipocrita per cui il candidato deve fingersi sorpreso e riluttante al cospetto di tale eventualità, l’ex presidente della Bce ha fatto capire che, anzi, l’approdo al Quirinale è uno degli esiti possibili del suo passaggio da Palazzo Chigi. L’altro è quello di rimanere dov’è. 

L’altro ancora, di tornarsene a casa propria. Nulla di ciò è stato da lui detto in modo esplicito. Anzi questi concetti, peraltro ovvi, sono stati espressi con parole garbate, a tratti ironiche, senza alcuna iattanza. Ma tanto è bastato per irritare chi fino a un attimo prima lo sollecitava a pronunciarsi, augurandosi una sua permanenza alla guida del Paese fino al 2023, al 2030 o forse anche al 2050. Così i suoi sostenitori di ieri sono stati lesti a «reagire» con toni stizziti, talvolta scortesi.

Benissimo. Messaggio chiaro: i partiti, tutti, sono impegnati di qui al giorno dell’elezione del Presidente della Repubblica a trovare un candidato unitario che possa raccogliere la (quasi) unanimità dei suffragi
fin dal primo voto. Allo stato degli atti i nomi presi in esame sono quelli dell’ex presidente della Corte costituzionale Marta Cartabia e del prossimo presidente della Consulta stessa, Giuliano Amato. Draghi, al momento, sembrerebbe fuori dalla corsa al Colle. Forse, con un piede, è fuori anche da Palazzo Chigi. Perché?

In un’altra risposta ai giornalisti, nel corso della conferenza stampa di cui si è detto, il presidente del Consiglio si è pronunciato contro alcune spese assai poco virtuose che i partiti hanno preteso fossero inserite nella manovra di bilancio. Draghi ha messo agli atti — criticando implicitamente il suo stesso operato — che non gli era piaciuto essersi dovuto piegare alla conferma di alcune misure come il cosiddetto superbonus. Misure che — parole sue — creano «distorsioni», favoriscono un «aumento straordinario dei prezzi dei componenti necessari alle ristrutturazioni e all’efficientamento energetico» e, per giunta, incentivano «frodi». 

D’ora in poi — ha lasciato intendere — ove fosse confermato alla guida del governo, spese del genere, nient’affatto «buone», i partiti dovranno dimenticarsele. Se lui sarà ancora a Palazzo Chigi, si opporrà. Con decisione. Anche a costo di entrare in conflitto con i partiti e le Camere che gli hanno votato la fiducia. Ed eventualmente con il nuovo presidente della Repubblica se questi cedesse alla tentazione di adottare forme di «moral suasion» spendacciona per dar prova di una qualche gratitudine a partiti e Camere che lo hanno eletto.

Questo per dire che siamo in prossimità di un passaggio politico-istituzionale dagli infiniti risvolti. Il nostro sistema, unico al mondo, è stato costretto ad affrontare ben tre collassi negli ultimi trent’anni. Più o meno uno per ogni decennio. E ogni volta si è dovuto chiamare in soccorso un «grande esterno». Il primo cataclisma fu nel 1993 quando — proveniente dalla Banca d’Italia — venne portato alla guida del governo Carlo Azeglio Ciampi (in sostituzione di Giuliano Amato, l’ultimo della Repubblica dei partiti). Sei anni dopo, Ciampi fu eletto presidente della Repubblica, ma non era scritto in partenza che andasse a finire in quel modo. Ciampi fu un buon presidente e difese il principio di alternanza tra centrodestra e centrosinistra, che all’epoca avevano le fattezze di Berlusconi e Prodi. 

Il secondo infarto fu nel 2011 e stavolta venne convocato a Palazzo Chigi Mario Monti. Contestualmente Giorgio Napolitano nominò Monti senatore a vita, forse anche per metterlo al riparo da eventuali recriminazioni dei partiti. Partiti che votarono sì a suo favore, ma presto sarebbero entrati tra loro in rotta di collisione dal momento che di lì a poco più di un anno ci sarebbero state le elezioni. Gli equivoci all’epoca furono molti. Una delle formazioni che diede la fiducia a Monti, Forza Italia, in tempi successivi sostenne addirittura d’essere stata vittima di un colpo di Stato.

Adesso è la volta di Draghi che fuori dai nostri confini ha ottenuto complimenti e titoli di giornale ancora più entusiastici di quelli riservati ai suoi due predecessori. In Italia invece si è potuto costatare a fine anno quale sia l’umore reale di coloro che lo «sostengono» (l’unica ad essersi pronunciata in suo favore è stata Giorgia Meloni, leader dell’unico consistente partito d’opposizione). 

Tre volte in cui la «politica» è stata costretta a ricorrere a capacità e «reputazioni» costruite a distanza dell’operato dei partiti. Partiti sordamente irritati quando l’azione di questo genere di capi di governo provenienti da fuori ha avuto successo. E ansiosi di prendersi al più presto quel genere di «rivincita» di cui si è detto all’inizio. Il tutto mentre, come sostiene con parole sorprendentemente esplicite perfino Gustavo Zagrebelsky, almeno «in parte» l’istituzione presidente della Repubblica è stata via via indotta ad appropriarsi «impropriamente» di «compiti e poteri di governo». Un finale di partita non incoraggiante.

https://www.corriere.it/editoriali/21_dicembre_26/prossime-sfide-politicapartiti-cerca-rivincita-1e64fc10-6680-11ec-b637-b5d66a8044dd.shtml

Azioni sul documento
  • Stampa
Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo:

Vico II Spineto,2 (c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)

76013 Minervino Murge (BT)

per info:

mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it

cell: 349 6534286

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 124
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Pianeta che vogliamo

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  è in preparazione. 

 listing Il n. 126 è su "Il rispetto dell'identità sessuale"  (cosa intendiamo per identità sessuale? Come rispettarla nella vita quotidiana? Quali tutele politiche e giuridiche introdurre?). Tc

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). Testi da inviare entro il 28 febbraio 2022.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.