Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Le periferie, il volto di un Dio messo in croce, di Angelo Lucarella

Le periferie, il volto di un Dio messo in croce, di Angelo Lucarella

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 05/03/2022 09:55
“Gli atti di fede aumentano e migliorano la fede individuale”…

“Gli atti di fede aumentano e migliorano la fede individuale”. È una frase, tra le più belle, che si trova (quasi come fosse una periferia saggistica) tra le parole di una ampia riflessione su quanto la testimonianza convinta, alla fine, converta chi non crede alla funzione del bene. 

Il saggio è di Papa Francesco, si titola “Dio nella Città”.

Ma si potrebbe opinare, maliziosamente o meno, che senso ha credere in un “Signore presente” se la realtà ci pone la sfida costante delle guerre, della miseria, della incapacità di controllarsi dall’avidità del comando sull’altrui corpo?

È questa una domanda lecita. Tuttavia scontata. 

La ragione sta nel suo opposto. Qual è la formula felice del non credere ad un Dio presente? Proprio nel rassegnarsi alla guerra, alla miseria, alla sopraffazione dell’altro. 

Il caso Ucraina non è l’unico. Non è neanche l’ultimo o il primo. 

La storia è piena di mistificatori della testimonianza del proprio credere in Dio (ci si riferisce ai potenti temporali). 

Allora il concetto di “periferia” ci aiuta a capire come quel Dio in cui certi regnanti dicono di credere non altro è l’autocelebrazione dell’onnipotenza da una parte e dell’impotenza dall’altra parte. Una sorta di mix di arroganza e presunzione posti in esaltazione cronica della propria ricerca di affermazione divina (ma come direbbe il buon Totò si è tutti in ’A livella). Quindi, quello raccontato in quest’ultimo passaggio, non è Dio. Non può esserlo. Piuttosto si tratta di ciò che l’Uomo, portatore dei suoi peccati (e a volte crimini), dice di volere. Potremmo quasi scomporre la parola nel senso che Dio, per questi uomini, diventa ciò “che dico Io”. 

La storia ci dice molto del presente e di come la ciclicità delle generazioni ci pone sempre davanti ad una sola domanda: a cosa serve la croce o a cosa è funzionale come testimonianza?

Una prima risposta potremmo ricavarla dall’inizio di questa riflessione: comprendere il valore delle periferie (siano esse esistenziali o fisiche o di altro genere).

La guerra è l’esempio più attuale: il centro, dove si esercita il comando ed il potere, si indirizza al soggiogamento dei popoli, delle terre, ecc. verso i confini. Proprio le periferie. Di questo si tratta.

Possibile che un Dio possa consentire tutto ciò?

Eppure le guerre dipendono dalle persone. 

Abbiamo tutti, per convertire, la c.d. possibilità di testimonianza. Proprio perché crediamo che Dio sia a nostra immagine e somiglianza e viceversa. 

Ma alla domanda posta sopra non è questa la risposta pragmatica. La risposta potrebbe essere solo nella funzione della croce. 

Qui c’è tutta la sofferenza che, se davvero siamo disposti a comprenderla fino in fondo, ci porta su una sintesi: non fare agli altri ciò che non vorresti fosse fatto a te. 

Rimane, però, da ascoltare l’insegnamento di quel grido di tanti secoli fa rispetto ai giorni nostri.

Ci ricordiamo tutti Gesù Cristo quando sulla croce non esitava a chiedere al Padre “perché mi hai abbandonato” (Heloì Heloì lamà sabachtani?)? 

L’abbandono può essere interpretato con diverse sfumature. 

Immaginiamo un chicco di grano nel deserto. Cosa fa? Tenta di vivere o non nasce? E se non nasce ci si può azzardare a dire di chi è la colpa (cioè se del chicco o del deserto in quanto tale)?

“Se il chicco di grano caduto a terra non muore - egli dice ai Greci giunti a Gerusalemme - resta solo; se invece muore, porta molto frutto” (Gesù sa, si ricava dal Vangelo di Giovanni, che l'universo è retto dalla stessa forza di morte e resurrezione).

Ecco, ci sono due cose che emergono da questa frase così semplice ma di portata universale: la solitudine del chicco è una condizione eventuale della vita; la morte, invece, è un fatto inevitabile ma che proprio per la sua inevitabilità non può non “servire” (ad esempio alla nuova vita).

Un’ultima domanda quindi: se non ci fossero le periferie, i poteri come potrebbero sfruttare la solitudine dei chicchi di grano? 

A volte tocca proprio a questi chicchi, come le periferie, andare nel deserto non per germogliare, ma per testimoniare che anche il deserto può rinunciare alla sua aridità per fare posto all’accoglienza di un potere diverso: il rispetto della solitudine. 

Oggi la guerra in Ucraina ci pone davanti agli occhi, dopo tanti secoli, una nuova croce.

Alla resistenza toccherebbe il ruolo di “diventare peccato” (come dice Paolo), salire sulla Croce, entrare nella morte, vincere la morte e il peccato di coloro che inquietano e minano la solitudine delle “terre del grano”. 

La risposta alla disumanità della guerra, allora, si trova nella speranza del risorgere; quasi come quella spiga che prova la funzione della metamorfosi.

Processo, quest’ultimo, compiutosi con angoscia sovrumana anche nel Figlio di Dio.

Rivoluzionariamente parlando la morte di Gesù ci ha istruiti alla pace. 

Cosa che alcuni credenti dimenticano difronte al valore del chicco di grano (senza il quale, prima o poi anche il potente rimarrà a digiuno).

 

Azioni sul documento
  • Stampa
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.