Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Le guerre scatenate dai tiranni dove la libertà di stampa non c’è, di Carlo Melzi d'Eril e Giulio Enea Vigevani

Le guerre scatenate dai tiranni dove la libertà di stampa non c’è, di Carlo Melzi d'Eril e Giulio Enea Vigevani

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 02/03/2022 09:31
L'informazione, uno dei principali contropoteri, aiuta a mantenere salubre l'aria democratica dei Paesi, quando viene eliminata o compressa rischia di svilupparsi la muffa della violenza…

Nel 2021 il premio Nobel per la pace è stato assegnato a Maria Ressa, reporter filippina e a Dmitry Muratov, caporedattore di Novaya Gazeta, uno dei pochi giornali russi non asserviti e dunque oggetto di violenze e minacce, “per i loro sforzi per salvaguardare la libertà di espressione, che è precondizione per la democrazia e per una pace duratura”.
In precedenza, una sola volta il premio era stato assegnato a un giornalista: nel 1935 a Carl von Ossietzky, all'epoca già detenuto in un campo di concentramento, perché fiero oppositore fin dalle origini del nazismo. Non potrà ritirare il premio e morirà detenuto tre anni dopo.
Oggi, che la guerra è ritornata nel cuore dell'Europa, questo parallelismo fa una certa impressione.

Il regime russo, è cosa nota, si è distinto per la repressione violenta della stampa e d'altra parte la circostanza non stupisce: tutti i Paesi autocratici sono naturalmente ostili a ogni sistema di contropoteri. E quindi scompaiono o vengono zittiti i partiti di opposizione, gli organi amministrativi di controllo, la magistratura indipendente. Con essi anche il più parcellizzato, il più diffuso e quindi anche il meno controllabile dei contropoteri: la libera stampa.

Questa viene sostituita dall'apparato di informazione del regime, ove fioriscono a profusione incredibili affermazioni propagandistiche, sulla scorta delle quali giustificare, agli occhi della propria gente, le peggiori nefandezze. Accade nei periodi di pace, accade, a maggior ragione, quando la violenza prende il posto del dialogo e della diplomazia. Si tratta del terreno di coltura ove più facilmente il potere, lasciato libero di espandersi senza limiti, degenera nelle sue forme più odiose e più pericolose, come dimostra la tragica cronaca di questi giorni.

E così una mattina giunge la notizia peggiore: un dittatore piega al proprio personale disegno di potenza la cronaca e la storia, fino alla terribile scelta di dare il via a una invasione, battezzandola con feroce eufemismo “operazione militare speciale”.

D'altra parte, non bisogna essere né storici né esperti di politica internazionale per sapere che una guerra di aggressione è scatenata assai più di frequente da un tiranno che da una democrazia. Le democrazie, quando sono tali, si difendono o reagiscono, difficilmente assumono iniziative belliche per mera volontà di conquista. Non che sia impossibile, intendiamoci, ma è più raro. E ciò, con ogni probabilità anche perché quando un ordinamento non solo lascia spazio, ma si contraddistingue per l'esistenza di poteri e contropoteri, nel contraddittorio fra essi le prepotenze si stemperano.

Quando poi l'informazione non è schiacciata dal politico in carica, ma anzi ne vaglia con severità le scelte, di solito l'opinione pubblica non permette opzioni autodistruttive in nome di una retorica greve ispirata da fini secondi, a volte puramente ideologici, a volte frutto di deliranti costruzioni di ego marmorei.

Di fronte a queste derive ripetutesi ora e che non sono una novità se sfogliamo il libro dei fatti del passato, quali risposte ci si dovrebbe attendere dall'Europa e in generale dalle democrazie occidentali? Non spetta a noi dirlo, se parliamo di reazioni immediate. In materia diplomatica o di politica estera e militare non abbiamo alcun titolo per esprimerci. Tuttavia un suggerimento più generale, da applicare nel medio e nel lungo periodo, ci sentiamo di esprimerlo.

Forse, invece di “esportare la democrazia” come qualcuno ha cercato di fare, utilizzando la forza, negli anni passati, si potrebbe tornare a rivendicare con un certo qual orgoglio i nostri ordinamenti. Certamente complessi, non sempre efficienti, ma dotati di quell'articolato sistema di pesi e contrappesi che costituisce il principale antidoto alla china verso il sopruso di Stato. Parte indispensabile del sistema è proprio la tendenza alla creazione delle condizioni migliori per lo sviluppo di un discorso pubblico il più autorevole, indipendente e plurale possibile. Questo carattere, preziosa eredità della cultura europea, dovrebbe essere mostrato con fierezza e semmai veicolato il più possibile ove assente.

Perciò l'oppressione della stampa, cui a volte si guarda con troppa sufficienza, quando accade in realtà lontane, è viceversa fenomeno pericolosissimo. In quello stesso terrario nasce il germe che infetta la società, creando un contesto in cui proliferano forze distruttive. Insomma, la voce che denuda il re è il migliore amico del popolo. Parafrasando Michele Serra anni fa, su tutte le terre oppresse dalle dittature bisognerebbe organizzare il più grande lancio di libri, e aggiungiamo noi di giornali, della storia. E forse, grazie alle moderne tecnologie, per questo lancio non è necessario mobilitare l'aviazione ma basterebbe un gruppo di bravi informatici.

https://www.ilsole24ore.com/art/le-guerre-scatenate-tiranni-dove-libera-stampa-non-c-e-AENdqDGB

Azioni sul documento
  • Stampa
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Prossimi eventi
Il voto politico tra astensione e progetti 03/09/2022 16:00 - 20:00 — Sala Bice Leddomade, via Sanges 11/A, Cassano delle Murge (BA)
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.