Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Le democrazie occidentali cercano l’antidoto al caos, di Mauro Magatti

Le democrazie occidentali cercano l’antidoto al caos, di Mauro Magatti

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 17/06/2022 08:58
I risultati elettorali e i dati sull’astensione in Francia e Italia vanno valutati con attenzione: esprimono sfiducia nei confronti dei partiti, ma c’è anche molto altro…

I segnali che vengono dalle elezioni legislative in Francia e dal voto comunale in Italia (nella loro diversità e specificità) confermano alcune tendenze che si erano già manifestate l’anno scorso con le elezioni tedesche: i forti cambiamenti innescati dai ripetuti shock a cui siamo esposti accentuano due fenomeni già ben conosciuti — l’elevata volatilità dell’elettorato e la preoccupante distanza dal sistema politico istituzionale — pur confermando la resilienza di un assetto istituzionale — quello democratico — che per sua natura, vive permanentemente «sull’orlo di una crisi di nervi»: tenere insieme le democrazie avanzate è un compito estremamente difficile.

Già nel decennio alle nostre spalle — per effetto della crisi finanziaria — l’avvento dei partiti populisti aveva reso evidente l’estendersi dell’area di insoddisfazione nei confronti del modello economico prevalente, sempre più in affanno nel distribuire il dividendo della crescita. In questa situazione, il Covid e la guerra hanno avuto un doppio effetto: hanno circoscritto l’espansione della forma di destra — le «piccole patrie» appaiono sempre più inadeguate nel mondo in tempesta in cui viviamo — ; hanno ridato fiato al polmone di sinistra, con Mélenchon in Francia che richiama i risultati di Sanders negli Usa. 

La differenza sta nella base sociale: invece di lavoratori autonomi e piccoli imprenditori della provincia, per lo più anziani e spesso con una matrice religiosa, il nuovo leader della Nupes è sostenuto soprattutto da giovani appartenenti ad aree urbane con profili formativi e professionali medi, interessati a un cambiamento del modello di sviluppo. Dunque la protesta si allarga, contagiando gruppi sociali diversi, ma al tempo stesso si divide rispetto ai percorsi da seguire per affrontare i tanti problemi che le persone avvertono nella loro vita quotidiana.

Al centro dei sistemi democratici si vede con chiarezza un blocco sociale che ruota attorno ai valori progressisti (il partito di Macron, il Pd di Letta...) e che cerca di gestire «responsabilmente» la situazione: l’ambizione è quella di rendere compatibili le istanze di cambiamento (economiche, tecnologiche...) con la giustizia sociale e la sostenibilità. Un’operazione molto complessa — specie con il Covid e la guerra — anche perché continua a ridursi la base sociale su cui tale blocco si appoggia: la progressiva erosione del ceto medio è un dato sempre più evidente. 

Lo indica plasticamente il caso francese: Macron ottiene poco più di un voto su quattro tra il 50% degli elettori che effettivamente hanno votato. Cioè più o meno il 15% dei francesi! Questo blocco sociale-istituzionale — che negli ultimi anni ha retto i colpi degli shock — riconosce il bisogno di innovazione ma stenta a delineare una proposta innovativa nella visione, nelle persone, nei linguaggi.

Il dato sull’astensione va valutato con attenzione. Non c’è dubbio che esso esprima disinteresse e sfiducia nei confronti dei partiti politici. Ma c’è dell’altro. La rassegnata accettazione dello stato di cose che si ritiene nessuno sia in grado di cambiare; lo stato confusionale in cui versa gran parte della popolazione, ormai incapace di una lettura di quanto accade e ancor meno di quello che potrebbe capitare. 

L’area dell’astensione rappresenta una sorta di «vuoto» che si è formato nel cuore delle democrazie contemporanee: uno spazio indeterminato, abitato da paure e speranze che non riescono ad articolarsi in discorso. Una sorta di brodo primordiale da cui possono sprigionarsi forze molto diverse: incendi pericolosi per le democrazie, ma anche nuove energie economiche, sociali, culturali. È dentro questo stato confusionale che vanno cercate le domande da cui partire per delineare quel percorso trasformativo di cui si sente la necessità, senza però riuscire a trovare la chiave. È come se le democrazie occidentali fossero in attesa di trovare un’indicazione su come giocare la prossima partita, all’interno di uno scenario globale in rapida e profonda trasformazione.

Tutto ciò accelera ulteriormente le parabole politiche dei leader. Nella società fluida riuscire a a cavalcare l’onda è qualche cosa di molto difficile, che riesce per una stagione o poco più. A meno di non riuscire a installarsi nei gangli istituzionali della vita sociale, col rischio di un logoramento lento e irreversibile. 

In questo quadro, interessante è anche sottolineare la moltiplicazione delle leadership che, oltre a essere effimere, sono sempre più pluraliLa nostra società lascia spazio a ricomposizioni inattese attorno a punti di focalizzazione che possono avere matrice diversa (territoriale, identitaria, generazionale, etc). 

Senza più punti di riferimento stabili, ci si ritrova attorno a questioni o a persone capaci di creare provvisorie convergenze e di mobilitare energie disperse.

In questi mesi si è ripetuto che la stagione della globalizzazione è ormai tramontata. È evidente che i sistemi politici democratici non hanno ancora trovato assetti adeguati. E, con alle porte le elezioni politiche nazionali, ciò interpella direttamente il sistema politico italiano, dove gli schieramenti politici sono chiamati a un riposizionamento strategico, onde evitare che il Paese precipiti nel caos.

Non è una operazione facile. Ma mai come in questo momento è necessaria l’arte della politica: è essenziale non lasciare che il disinteresse, la confusione, l’indifferenza — e poi infine la rabbia — possano dilagare. Occorre muoversi presto e con lungimiranza. Il tempo si fa breve. 

https://www.corriere.it/editoriali/22_giugno_16/democrazie-occidentali-cercano-l-antidoto-caos-ce022278-eda4-11ec-96f8-928391ee2cf6.shtml

Azioni sul documento
  • Stampa
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

La fatica di essere nel mondo. Lettera sul discernimento

Un po’ imitando don Milani e la sua lettera a una prof.ssa, con amici di Vicenza abbiamo scritto insieme una lettera sul discernimento e il nostro essere nel mondo. Per disponibilità copie info al 333 8465594, 0444 226530, 080 5014906 


 

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 127
(2022- Anno XVIII)

quadratino rosso Tema: La vita quotidiana

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). In preparazione.

 

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 settembre 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.