Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Le associazioni. «Se fossimo noi ad affogare?». Appello contro l'indifferenza, di Matteo Marcelli

Le associazioni. «Se fossimo noi ad affogare?». Appello contro l'indifferenza, di Matteo Marcelli

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 28/08/2020 09:07
«E se fossimo noi ad affogare?». Inizia così la lettera aperta pubblicata ieri da Nigrizia, Libera, Centro Astalli, Comboniani e decine di altre associazioni umanitarie…

«E se fossimo noi ad affogare?». Inizia così la lettera aperta pubblicata ieri da Nigrizia, Libera, Centro Astalli, Comboniani e decine di altre associazioni umanitarie. Una domanda che interroga le coscienze e punta il dito sulle responsabilità italiane ed europee per le morti dei migranti nel Mediterraneo.

Nella missiva si fa riferimento agli ultimi, tragici naufragi davanti alle coste libiche. A cominciare da quello avvenuto la notte tra il 14 e il 15 agosto, che ha coinvolto un gommone con a bordo 81 persone. Un dramma che ha spinto il mondo dell’associazionismo «a gridare tutta la propria indignazione» e a «esigere un cambio di rotta dell’Italia e dell’Europa, complici delle stragi, di fronte agli ennesimi crimini di omissione di soccorso!», come si legge nel testo.

«Subito dopo quella strage, – ricordano le associazioni – in meno di una settimana ne sono avvenute altre tre: il bilancio totale è di 100 morti e altre 160 persone sparite! Non posiamo restare a guardare e a contare senza muoverci!». «È gravissimo che sia proprio l’Italia a finanziare la guardia costiera libica – prosegue la lettera –. 

Il governo italiano continua nei fatti le politiche di respingimento dei migranti violando il diritto internazionale che prevede l’obbligo di accoglienza dei profughi che scappano da guerre e da violazioni di diritti umani. Inoltre l’Italia tiene ancora bloccate nei porti ben quattro navi che potrebbero salvare altri migranti. “Le vostre mani grondano sangue” tuonava il profeta Isaia ai capi del popolo ebreo responsabili dei crimini contro i più indifesi».

Poi il richiamo alle parole del Pontefice: «Noi diciamo basta! Con papa Francesco, che domenica scorsa nell’Angelus ha detto con emozione che Dio ci chiederà conto di tutte le vittime dei viaggi della speranza, abbiamo a cuore la vita di questi fratelli e sorelle in pericolo e sentiamo più che mai il dovere di muoverci per evitare la prossima strage!»

Ma c’è spazio anche per una critica alle recenti decisioni prese dal governatore della Regione Sicilia, Nello Musumeci, con l’ordinanza per la chiusura degli hotspot e la fine dell’accoglienza: «Siamo molto indignati riguardo le esternazioni del governatore che usa i migranti per scopi elettorali». 

Infine l’invito a partecipare a una protesta pacifica, che comprende un giorno di digiuno contro l’indifferenza (domani) e l’adesione alla campagna di sensibilizzazione attraverso l’invio, lo stesso giorno, di una foto sui social con il proprio volto e un cartello con scritto #esefossimonoiadaffogare? Adessobasta!

 

https://www.avvenire.it/attualita/pagine/se-fossimo-noi-ad-affogare-appello-contro-lindifferenza

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-119.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 119
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Dialogo Interreligioso

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  è in spedizione.

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria è in preparazione.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.